Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeLe donne del risorgimentoLE DONNE NELLA STORIA: RUBY PAYNE-SCOTT, la prima radioastronoma donna

LE DONNE NELLA STORIA: RUBY PAYNE-SCOTT, la prima radioastronoma donna

LE DONNE NELLA STORIA: RUBY PAYNE-SCOTT, la prima radioastronoma donna

Ruby Payne-Scott è nata il 28 maggio 1912 a Grafton, nel Nuovo Galles del Sud, figlia di Cyril Payne-Scott e di Amy Neale). In seguito si trasferì a Sidney per vivere con sua zia. Lì frequentò la Penrith Public Primary School (1921–24), e la Cleveland-Street Girls’ High School (1925–26), prima di completare la scuola secondaria alla Sidney Girls High Scuola.

Il suo certificato di fine studi includeva lodi in matematica e botanica.

Ha vinto due borse di studio per intraprendere l’istruzione terziaria presso l’Università di Sidney, dove ha studiato fisica, chimica, matematica e botanica. Ha conseguito un BSc nel 1933, terza donna a laurearsi in fisica, ha seguito un master in fisica nel 1936 con Diploma of Education nel ’38.

Nel 1936, Payne-Scott condusse una ricerca con William H. Love presso il Cancer Research Laboratory dell’Università di Sydney. Hanno determinato che il magnetismo della Terra aveva poco o nessun effetto sui processi vitali degli esseri che vivono sulla Terra coltivando embrioni di pollo senza differenze osservabili, nonostante si trovassero in campi magnetici fino a 5.000 volte più potenti di quelli della Terra.  Alcuni decenni prima era opinione diffusa che il campo magnetico terrestre producesse ampi effetti sugli esseri umani, e molte persone avrebbero dormito solo con la testa a nord e il corpo parallelo al meridiano magnetico.

Dopo la sua ricerca sul cancro, lavorò per un anno e un semestre come insegnante di scuola secondaria presso la St Peter’s Woodlands Grammar School dal 1938 al 1939.

Poco dopo, Payne-Scott si unì all’AWA, un importante produttore di elettronica e operatore di sistemi di comunicazione radio bidirezionale in Australia. Sebbene originariamente fosse stata assunta come bibliotecaria, il suo lavoro si espanse rapidamente fino a dirigere il laboratorio di misurazioni e svolgere ricerche di ingegneria elettrica.  Lasciò l’AWA nell’agosto 1941, essendo diventata scontenta del suo ambiente di ricerca.

Durante la seconda guerra mondiale, è stata impegnata in un lavoro top secret d’indagine sulla tecnologia radar, diventando l’esperta australiana nel rilevamento di aerei utilizzando i display Plan Position Indicator (PPI). Dopo la guerra, nel 1948, pubblicò un rapporto completo sui fattori che influenzano la visibilità sui display PPI. Ha anche dato importanti contributi ai prototipi di sistemi radar operanti nella banda microonde di 5 cm., ottenendo miglioramenti significativi.

Poiché l’obiettivo del Laboratorio di radiofisica è passato dallo sviluppo di sistemi radar al loro riutilizzo per ricerche scientifiche, è stata un importante contributo alla definizione di nuovi obiettivi. L’esperienza di Payne-Scott sia come fisica che come ingegnere elettrico la distingueva tra i suoi colleghi, molti dei quali non avevano una formazione fisica formale. Nell’ottobre 1945, insieme a Joe Patwsey e Lindsay McCready, scrisse a “Nature” documentando una connessione tra le macchie solari e l’aumento delle emissioni radio dal Sole (pubblicato nel febbraio 1946).

Nel dicembre 1945, scrisse un riassunto di “tutte le conoscenze disponibili e le misurazioni effettuate” presso il Laboratorio di radiofisica e suggerì direzioni di ricerca future che “impostarono il pensiero” per il gruppo.

Nel febbraio 1946, Payne-Scott, McCready e Pawsey utilizzarono la posizione della scogliera del mare dei loro siti di osservazione per eseguire la prima interferometria radio per osservazioni astronomiche, le loro osservazioni confermarono che intense “esplosioni” radio provenivano dalle stesse macchie solari. Il loro articolo è stato anche il primo suggerimento della sintesi di Fourier in radioastronomia, un’idea che ha suggerito il futuro del campo della sintesi di apertura.

Dal 1946 al 1951, Payne-Scott si concentrò su queste emissioni radio “burst” dal Sole, ed è accreditato di aver scoperto esplosioni di tipo I e III e di aver raccolto dati che hanno contribuito a caratterizzare i tipi II e IV. Come parte di questo lavoro, insieme ad Alec Little, ha progettato e costruito un nuovo interferometro “a lobi spazzati” in grado di disegnare una mappa dell’intensità e della polarizzazione delle emissioni radio solari una volta al secondo e che registrasse automaticamente su una cinepresa ogni volta che le emissioni raggiungevano una certa intensità.

Nel 1951, la carriera scientifica di Payne-Scott terminò bruscamente, con la sua decisione di dimettersi per mettere su famiglia; all’epoca non esisteva il congedo di maternità.

Nell’agosto 1952 tornò brevemente alla radioastronomia, partecipando alla decima Assemblea Generale dell’Unione Internazionale di Scienze Radiofoniche all’Università di Sydney.

Dal 1963 al 1974 Payne-Scott tornò a insegnare alla Danebank School, in un sobborgo meridionale di Sydney.

La sfera di vita privata

Payne-Scott era atea, femminista e sostenitore dei diritti delle donne, ed è stata accusata di essere un membro, a volte, del Partito Comunista. Di conseguenza, l’Australian Security Intelligence Organization (ASIO) ha creato un dossier sostanziale sulle sue attività, con alcune distorsioni. Il fascicolo ASIO tuttavia è stato chiuso con l’annotazione che non vi erano prove che Payne-Scott fosse un membro del Partito Comunista.

Era un’appassionata camminatrice, amante dei gatti, si divertiva anche a lavorare a maglia.

Ruby Payne-Scott e William (“Bill”) Holman Hall si sposarono segretamente nel 1944; in quel momento, il governo del Commonwealth aveva legiferato per una prescrizione del matrimonio specificando che le donne sposate non potevano ricoprire una posizione permanente all’interno del servizio pubblico. Ha continuato a lavorare per il CSIRO mentre era segretamente sposata, fino a quando i regolamenti del nuovo CSIRO nel 1949 hanno sollevato la questione del suo matrimonio. L’anno successivo, il suo trattamento da parte del CSIRO ha portato a scambi scritti ostili con Sir Jan Clunies Ross (presidente del CSIRO) sulla condizione delle donne sposate sul posto di lavoro. Di conseguenza, Payne-Scott ha perso la sua posizione permanente nel CSIRO; tuttavia, il suo stipendio è stato mantenuto a un livello paragonabile a quello dei suoi colleghi maschi. Nel 1951 – pochi mesi prima di suo figlio, Peter Gavin Hall; la Payne-Scott si è dimessa dal suo incarico a causa della mancanza di un congedo di maternità disponibile al momento.

Ha avuto due figli: Peter Gavin Hall – un matematico che ha lavorato in statistica teorica e teoria della probabilità; e Fiona Margaret Hall, un’artista australiana la cui carriera è descritta da Julie Ewington nel suo libro del 2005, Fiona Hall .

Ruby Payne-Scott morì a Mortdale nel New South Wales il 25 maggio 1981, tre giorni prima del suo 69° compleanno. Verso la fine della sua vita, Payne-Scott soffriva del morbo di Alzheimer.

Nel 2018, il New Yok Times ha scritto un necrologio tardivo per lei, descrivendo in dettaglio come il suo lavoro ha contribuito a gettare le basi per un nuovo campo della scienza chiamato radioastronomia.

Nel 2008, il CSIRO ha riconosciuto il contributo di Payne-Scott alla scienza e ha istituito il Premio Payne-Scott, destinato “ai ricercatori di ritorno da interruzioni di carriera legate alla famiglia”.

La Danebank School, dove ha insegnato dopo la sua carriera in radioastronomia, ospita una Ruby Payne-Scott Lecture annuale “presentata da eminenti scienziate in una varietà di campi”. Nel 2017, l’ Univerisà di Sidney ha inaugurato il Payne-Scott Professorial Distinctions per onorare illustri professori per i loro contributi all’Università in tutte le aree di leadership, insegnamento e ricerca.

Ottavia Luciani

Condividi con:

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment