Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaAEROPORTI DI PUGLIA, LA REGIONE INCONTRA I SINDACATI E FRENA SULLA FUSIONE CON NAPOLI.

AEROPORTI DI PUGLIA, LA REGIONE INCONTRA I SINDACATI E FRENA SULLA FUSIONE CON NAPOLI.

AEROPORTI DI PUGLIA, LA REGIONE INCONTRA I SINDACATI E FRENA SULLA FUSIONE CON NAPOLI.

aereporto di brindisi 1

Napoli, conferma: “Le trattative sono in corso”, ma la Regione incontra i sindacati e frena: “Sull’ipotesi di fusione tra gli Aeroporti di Puglia e Napoli sono in corso solo valutazioni, non c’è nulla di concreto”.

Basta solo un’ ipotesi e si scatenano i malumori. A Bari c’è stata prima una comunicazione in giunta, poi l’incontro con i sindacati: la fusione tra Aeroporti di Puglia e Aeroporto Capodichino di Napoli continua a tenere banco dentro e fuori il palazzo presidenziale di Lungomare Nazario Sauro. Il governatore Emiliano con il capo di gabinetto Stefanazzi hanno informato gli assessori, sulle motivazioni che hanno portato a vagliare una soluzione del genere, del resto già analizzata dalla precedente Giunta. Successivamente le stesse cose sono state illustrate da Stefanazzi, in una riunione con i sindacati. L’ipotesi c’è ma sarebbe ancora in fase embrionale. L’esecutivo vuole un dettagliato report sulle prospettive di Aereoporti di Puglia sino al 2043 e per questo ha dato incarico ad un consulente per un lavoro ad acta. A fare da guida è la scelta di altri scali italiani come Milano, Roma e Firenze di unire le forze con quelli vicini per creare un polo che abbia un potere contrattuale maggiore. Aeroporti di Puglia, ha spiegato Stefanazzi, è un gioiellino, con un utile da 1 milione e 300 mila euro e un traffico passeggeri in aumento, ma da solo potrebbe non farcela. Ecco perché occorre guardarsi intorno. Un altro fattore è l’intenzione di Ryanair di approdare con un hub nell’aerporto di Salerno, gestito da un’altra società. Nessun grosso problema per il traffico in entrata dalla Puglia, però la vicinanza dei due aeroporti implica il dover stare all’erta.

La fusione con lo scalo napoletano non è l’unica ipotesi in piedi, è stato aggiunto, si parla anche di apertura ad un privato puro, non insomma come Gesac, società misto pubblico privata che gestisce Capodichino. Certo  se da Napoli assicurano che l’operazione è a buon punto e le trattative sono in corso, mentre a Bari frenano e nell’incontro con i sindacati dicono di essere ancora in fase di valutazione di tutte le possibilità, compresa questa, i dubbi è logico che nascano. La riunione è terminata con un accordo tra Regione e sindacati che assicuri a questi ultimi di conoscere tutte le mosse studiate dall’esecutivo con tempestività e anticipo. Ma con la certezza che nessun lavoratore ne farà le spese. Intanto, però, il coro di no cresce. Le opposizioni vogliono vederci chiaro, parte della maggioranza fa lo stesso, la prossima settimana l’esponente di Sinistra Italiana Borracino ha convocato i vertici di AdP per approfondire l’argomento.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment