Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeEventi e Spettacoli“AFFRESCO ITALIANO” Ludovica Rana, violoncello e Maddalena Giacopuzzi, pianoforte

“AFFRESCO ITALIANO” Ludovica Rana, violoncello e Maddalena Giacopuzzi, pianoforte

“AFFRESCO ITALIANO” Ludovica Rana, violoncello e Maddalena Giacopuzzi, pianoforte

Sabato 30 ottobre a Caprarica di Lecce il secondo dei quattro appuntamenti della rassegna “Appassionato” di Opera Prima diretta da Vincenzo Rana. Protagoniste Ludovica Rana al violoncello e Maddalena Giacopuzzi al pianoforte con un programma interamente dedicato alla “vocalità italiana” nel repertorio strumentale, un “unicum” assolutamente di prestigio con brani di Martucci, Cilea e Busoni.

Introduce il critico musicale Eraldo Martucci

*****

Con un programma interamente dedicato alla “vocalità italiana” nel repertorio strumentale, eseguito da due giovani già affermati talenti del panorama italiano, sabato 30 ottobre, alle ore 19.30, nella Scuderia Greco di Caprarica di Lecce (via Matteotti), si riaccendono i riflettori di “Appassionato”, la nuova rassegna di Opera Prima ideata e diretta da Vincenzo Rana.

Il secondo dei quattro appuntamenti, tutti dedicati alla vocalità e alle sue varie articolazioni, vede protagoniste Ludovica Rana al violoncello e Maddalena Giacopuzzi al pianoforte.

Nell’intento di promuovere la conoscenza del repertorio musicale italiano di fine Ottocento, il duo propone “Affresco Italiano”, un viaggio nell’opera musicale di tre grandi compositori italiani del tardo romanticismo: Ferruccio Busoni, Giuseppe Martucci e Francesco Cilea. Le opere proposte disegnano un’area spazio-temporale di grande intensità spirituale, artistica e culturale, il decennio 1880-1890: caratterizzato da una temperie spirituale che ha cercato di affermare un proprio stile e una propria connotazione, è un periodo particolarmente denso per il sistema culturale italiano, nel quale la musica cameristica non solo ha trovato la sua collocazione ma ne ha definito il suo notevole spessore culturale. È una stagione contraddistinta da una battaglia culturale, in cui i musicisti italiani si sono “collocati”, con non pochi sforzi, in un contesto totalmente operistico in Italia e di forte predominanza strumentale in Germania.

Busoni, Martucci e Cilea hanno delineato un percorso che, se per certi aspetti ricalca elementi consacrati dal romanticismo, per altri definisce innovazioni stilistiche illuminate per le future generazioni.

“Appassionato” è organizzato grazie al sostegno del Ministero della Cultura MIC – Direzione Generale dello Spettacolo dal vivo e dalla Regione Puglia – Programma Straordinario 2020 in Materia di Cultura e Spettacolo e Sostegno Anno 2019 in Materia di Spettacolo dal Vivo.

Il concerto è organizzato in collaborazione con il Comune di Caprarica di Lecce e con l’Associazione Learningart di Caprarica di Lecce.

“E’ un piacere per noi di Opera Prima ritornare a Caprarica di Lecce, con un programma particolarmente raffinato ed elegante – dichiara Vincenzo Rana, direttore artistico di “Appassionato” e presidente dell’Associazione Musicale Opera Prima, pianista di grande esperienza, figura di spicco nel panorama operistico, soprattutto per la preparazione di cantanti e pianisti collaboratori per l’Opera. L’Amministrazione comunale tutta e il sindaco Paolo Greco hanno sempre manifestato la loro particolare sensibilità verso i percorsi artistici più variegati e mi auguro che questo sodalizio possa continuare, con immutato slancio, nel tempo”.

La rassegna proseguirà fino al 12 dicembre 2021 ospitando altri due appuntamenti, sempre con alcuni dei maggiori interpreti pugliesi, solisti e anche un coro, accompagnati da apprezzati musicisti del territorio. Ci saranno i solisti dell’Accademia “Germogli d’Arte” di Salvatore Cordella con Roberto Corlianò al pianoforte (20 novembre al Teatro Oratorio Don Orione ad Arnesano) e il Coro lirico di Lecce diretto a Vincenza Baglivo, con Tommaso Reho all’organo (12 dicembre nella Parrocchia Maria SS. Assunta di Arnesano).

Tutti i concerti sono introdotti dal critico musicale Eraldo Martucci.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment