Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCulturaAL “DUNYA” L’ULTIMO LAVORO DI FULVIO COLUCCI: “GIUSEPPE DI VAGNO. MARTIRE SOCIALISTA”

AL “DUNYA” L’ULTIMO LAVORO DI FULVIO COLUCCI: “GIUSEPPE DI VAGNO. MARTIRE SOCIALISTA”

AL “DUNYA” L’ULTIMO LAVORO DI FULVIO COLUCCI: “GIUSEPPE DI VAGNO. MARTIRE SOCIALISTA”

Lunedì 8 novembre il Centro di Interazione Culturale “Dunya” di Lecce, gestito da Arci Solidarietà Lecce, ospiterà la presentazione dell’ultimo lavoro di Fulvio Colucci: “Giuseppe Di Vagno. Martire Socialista”.

Il libro offre uno spunto per rivivere l’operato di Giuseppe Di Vagno, politico pugliese ucciso all’età di 32 anni, primo parlamentare vittima dello squadrismo fascista.

Pragmatico, concreto, capace di levarsi al di sopra degli scontri ideologici che travagliano il mondo socialista all’indomani della Grande Guerra, il coraggioso Di Vagno fece sue la sostanza della cultura meridionalista e dell’utopia di giustizia sociale. E attraverso l’impavida attività di giornalista, avvocato dei poveri, oratore, pubblico amministratore e deputato, divenne una delle figure simbolo del movimento di emancipazione dei contadini e dei braccianti in Puglia.

Definito “una meteora che lasciò il segno”, “gigante buono” e “vita straordinaria, breve e intensissima”, fu ucciso poco dopo la sua elezione alla Camera dei deputati nelle liste del Partito Socialista. La sua vicenda è un punto di snodo nella storia della Puglia e dell’Italia intera.

Questo libro è un aggiornato contributo biografico e storico, nonché un omaggio al socialista coraggioso. La memoria dell’operato di Giuseppe Di Vagno, un secolo dopo, è importante occasione di riflessione sui valori costituzionali della democrazia e dell’antifascismo.

Fulvio Colucci, tarantino, giornalista e scrittore, da oltre vent’anni racconta storie di cronaca e umanità, approfondisce tematiche sociali e del lavoro. Vincitore del premio “Ilaria Alpi” nel 1995 ha pubblicato, insieme a Giuse Alemanno, “Invisibili – Vivere e morire all’Ilva di Taranto” (Kurumuny, 2011). È tornato poi sul tema con un altro libro, scritto insieme a Lorenzo D’Alò: “Ilva football club” (Kurumuny, 2016). Con “Liberté!” (Il Grillo, 2011) e “La zattera” (Il Grillo, 2015), invece, si è occupato di immigrazione e call center.

Con l’autore dialogheranno: Gianvito Mastroleo, Presidente della Fondazione Di Vagno; Antonio Bonatesta, Professoressa di Storia Contemporanea all’Università di Bari; Valentina Avantaggiato, Sindaca del comune di Melpignano. Modererà la giornalista Alessandra Lupo.

Contribuiscono alla realizzazione della serata la “Libreria Palmieri”, “Legalitria”, “Radici Future Produzioni” e “Collettivo di Lavoro per il Salento”.

 

L’evento, patrocinato dal Comune di Lecce, si terrà nel rispetto della vigente normativa anticovid alle ore 18 di lunedì 8 novembre, in via Pappacoda, 25, a Lecce. L’ingresso sarà libero, previa esibizione di Green Pass in corso di validità.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment