Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di oggi Domenica 12 Aprile 2020

Quindicesima settimana dell’anno 2020

Giorni dall’inizio dell’anno: 103 * giorni alla fine dell’anno 263

Il sole sorge a Roma alle 5.33 e tramonta alle 18.48 (ora solare)

Il sole sorge a Lecce 5.18 e tramonta alle 18.32 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Pasqua di Resurrezione   

OGGI È: PASQUA

La Pasqua è la principale festa del cristianesimo e ricorda la Resurrezione di Cristo. È festeggiata la domenica successiva al primo plenilunio dopo l’equinozio di primavera.

La Resurrezione di Cristo combacia, metaforicamente, con il risveglio della natura, degli alberi che rifioriscono e le temperature che diventano miti! Secondo un’antica tradizione pagana, la Pasqua coincideva con l’arrivo della primavera, che veniva festeggiata con l’offerta delle primizie di campo e sacrifici di agnelli.

Tra usanze festaiole, tradizioni culinarie e riti religiosi, la Pasqua è un momento per stare insieme, pregare (per chi crede) e festeggiare in famiglia e con gli amici, ma la pandemia da COVID-19 costringe tutti a una Pasqua 2020 completamente diversa.

ACCADDE OGGI: 1961 – Yuri Gagarin nello spazio

L’ astronauta sovietico Yuri Gagarin compie il primo viaggio nello spazio. Per due ore gira intorno alla terra a bordo della navicella Vostok I. Il volo di Gagarin spalanca la porta verso un mondo totalmente nuovo: il cosmo. Erano stati sempre i sovietici a inviare in orbita nell’ottobre del 1957 il primo satellite artificiale, lo Sputnik. L’evidente ritardo sui russi sprona il governo degli Stati Uniti a finanziare in modo massiccio i programmi della NASA con l’ambizioso obiettivo di inviare per primi l’uomo sulla luna.

NACQUERO OGGI:

1948 – Marcelli Lippi – allenatore

1973 – Christian Panucci ex calciatore

1978 – Luca Argentero – attore

LA FRASE CELEBRE:

In genere non si loda che per essere lodati (Francois de La Rochefoucauld)

IL PROVERBIO:           

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi.

I DOODLE DI GOOGLE: Antonio Meucci e il telefono:

Il nome di Meucci, a oltre un secolo di distanza dalla sua morte, continua a dividere Italia e Stati Uniti d’America, con la prima a difendere il merito del padre del telefono e i secondi a contestarne il primato. Resta comunque una storia di un geniale inventore emigrato dalla Toscana a Cuba e di qui nell’America delle grandi opportunità. Il suo interesse per la trasmissione vocale maturò durante alcuni esperimenti sull’elettroterapia (condotti su richiesta di amici medici) e si perfezionò mentre lavorava come tecnico di scena nei teatri. Il risultato fu un sistema in grado di trasmettere e ricevere la voce umana, cui dette nome di “Telettrofono”. Non disponendo del denaro necessario per il brevetto, poté soltanto depositare il “caveat” (nel diritto americano, corrispondeva a una prenotazione del brevetto valevole per un anno e rinnovabile, ma oggi non più in uso) che non riuscì a rinnovare. Questo spianò la strada ad Alexander Graham Bell, che il 7 marzo 1876 ottenne il brevetto del telefono elettrico. Ciononostante il contributo di Meucci viene oggi riconosciuto dalla scienza e nel 2008, nel bicentenario della sua nascita, Google lo ha ricordato con un doodle locale (visibile in Italia).

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment