Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DI OGGI – Giovedì 15 Ottobre 2020

Quarantaduesima Settimana dell’Anno 2020

Giorni trascorsi dall’inizio dell’anno 289 * giorni mancanti alla fine dell’anno 77

A Roma il sole sorge alle 06.24 e tramonta alle 17.27 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 06:09 e tramonta alle 17:12 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Santa Teresa

OGGI È: Giornata mondiale delle donne rurali

Studio dopo studio, è stato chiaramente dimostrato che le donne rurali sono fondamentali per la lotta alla fame, la malnutrizione e la povertà . Sono contadine e allevatrici, imprenditrici ed insegnanti, guaritrici ed aiutanti che possono contribuire alla sicurezza alimentare ed alla crescita economica nelle zone più vulnerabili e remote della terra.

Nonostante il peso della responsabilità  che le donne delle zone rurali portano sulle spalle, spesso manca loro un accesso equo a opportunità  e risorse. Questo impedisce il loro avanzamento, rallentando quello di tutti. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) più di 100 milioni di persone potrebbero uscire dallo stato di povertà  se le donne avessero le stesse opportunità  di accesso alle risorse produttive degli uomini. La produttività  delle fattorie gestite da donne aumenterebbe del 30 per cento. Il numero di persone affamate si ridurrebbe 17 per cento, un impatto che si tradurrebbe nel miglioramento delle condizioni di vita di almeno 150 milioni di individui. Il riverbero dei benefici tratti si farebbe sentire persino più lontano, man mano che i figli di queste donne avranno un migliore accesso a salute, educazione e nutrizione.

Sappiamo come raggiungere questi obiettivi: investendo sulle donne che vivono in zone rurali. Eliminando la loro discriminazione non solo a livello giuridico ma anche nella realtà  quotidiana. Assicurandosi che le istituzioni rispondano ai loro bisogni. Dando loro un accesso equo alle risorse. E garantendogli un ruolo nei processi decisionali.

Queste misure aiuteranno il processo di sviluppo sostenibile è uno dei più grandi imperativi del XXI secolo. Durante i preparativi della Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile, dobbiamo ricordare che le donne che vivono in zone rurali possiedono un enorme potenziale inespresso in grado di portare a risultati concreti.

ACCADDE OGGI: 1822 – Istituito il Corpo Forestale:

Il 15 ottobre 1822 il re di Sardegna, Carlo Felice di Savoia, costituì l’Amministrazione forestale destinandola alla custodia e alla tutela dei boschi.

Vestiti con una divisa in panno turchino, con bottoni di metallo dorato, e tesa in testa, il nuovo corpo adottò come stemma araldico un’aquila con sotto il motto «Pro natura opus et vigilantia».

Furono il primo esempio di quello che più tardi divenne il Corpo forestale dello Stato, introdotto con il Decreto legislativo 804 del 12 marzo 1948 e che a partire dagli anni Ottanta entrò nel sistema delle forze di polizia.

Dalla difesa e salvaguardia del patrimonio boschivo, i compiti delle guardie forestali si sono via via ampliati, contemplando la tutela del patrimonio naturale e paesaggistico, la prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale e agroalimentare.

Composto oggi di circa 8.500 unità, sono un baluardo fondamentale nell’azione di contrasto alle discariche abusive, agli sversamenti illegali, agli incendi e all’abusivismo edilizio, unitamente alle attività di polizia venatoria contro i diversi fenomeni di bracconaggio.

Sono posti sotto la loro sorveglianza Parchi, Aree Naturali Protette e Riserve Naturali dello Stato. Il santo patrono dei forestali è San Giovanni Gualberto, festeggiato ogni anno il 12 luglio. Con la legge del 7 agosto 2015, n. 124 (nota anche come “ddl Madia”), il Corpo forestale viene assorbito dall’Arma dei Carabinieri e riorganizzato come “Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare”.

EVENTO SPORTIVO: 1972 –  La partita con più gol in serie A:

Un incontro della terza giornata del campionato di serie A 1972-73 è terminato con un alto numero di gol: Milan-Atalanta 9 a 3. Questi i nomi sul tabellino dei marcatori: Prati (M) con tre reti, Bigon (M) e Rivera (M) con due, Benetti (M), Chiarugi (M), Divina (A), Ghio (A) e Carelli (A).

Al termine della stagione 2019/20 (dopo 47 anni!) è ancora la partita con più reti dal 1929, da quando cioè la massima serie è a girone unico. Seguono cinque incontri con undici reti e ben 24 con dieci, l’ultima nel 2016/17, Lazio-Sampdoria, terminata 7 a 3.

NACQUERO OGGI:

1963 – Valerio Staffelli – giornalista satirico di Striscia la notizia

1968 – Matteo Garrone  – regista

1968 – Didier Deschamp – allenatore calcio

LA FRASE CELEBRE (Aforisma):

Sarebbe meglio star lontano dal peccato che sfuggire alla morte. Se oggi non sei preparato a morire, come lo sarai domani? Il domani è una cosa non sicura: che ne sai tu se avrai un domani? A che giova vivere a lungo, se correggiamo così poco noi stessi? (T. da Kempis)

IL PROVERBIO DEL GIORNO:

Meglio qualcosa che nulla

I DOODLE DI GOOGLE: Little Nemo in Google-land:

Il primo decennio del Novecento corrisponde alla fase primordiale della storia del fumetto, codificato da una schiera di disegnatori, considerati dei pionieri della “nona arte”. Uno di questi è stato lo statunitense Winsor McCay che, dal 1905 al 1914, pubblicò sul supplemento domenicale del “New York Herald” la striscia a fumetti Little Nemo in Slumberland.
In essa il protagonista, un bambino di 5 anni di nome Nemo (Bubi nella versione italiana apparsa sul “Corriere dei Piccoli” nel 1935), vive nei suoi sogni fantastiche avventure, durante la sua ricerca della Principessa di Slumberland.
Nel 2012, a 107 anni dalla prima apparizione della striscia, Google ha pubblicato un doodle interattivo globale, diviso in otto quadri che ricreano la classica dimensione onirica del fumetto di Nemo.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment