Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DI OGGI – Martedì 18 Maggio 2021

Ventesima Settimana dell’Anno 2021

Giorni trascorsi dall’inizio dell’anno 138 * giorni mancanti alla fine dell’anno 227

A Roma il sole sorge alle 04.47 e tramonta alle 19.26 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 04.17 tramonta alle 18.56 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: San Giovanni I Papa  

OGGI È: Giornata internazionale dei musei

Ogni anno, dal 1977, ICOM celebra il 18 maggio l’International Museum Day, importantissimo appuntamento di condivisione internazionale dei valori fondamentali del museo, al di là  dei confini geografici e delle disponibilità  finanziarie dei diversi Paesi e istituti.

ACCADDE OGGI: 1921 – Il cerotto viene messo in commercio:

L’ordinaria quotidianità domestica a volte può dare l’intuizione geniale, in grado di cambiare le abitudini di miliardi di esseri umani e di dare la sterzata giusta alla propria vita professionale. È così che è andata per uno sconosciuto impiegato della Johnson & Johnson nell’America degli anni Venti. A lui si deve quel familiare rettangolino adesivo che arriva in soccorso di piccole e grandi ferite.

Morire d’infezione per ferite e tagli non era così raro fino a un secolo e mezzo fa; un fenomeno da cui non si era immuni nemmeno tra le mura di un ospedale, in particolare dopo un intervento chirurgico. Un parziale rimedio era stato individuato nell’utilizzo di garze imbevute di acido fenico, che però finiva per irritare la cute. Di lì si era passati all’individuazione di prodotti sterili, tali da tenere lontani batteri e germi.

Le prime forme rudimentali di medicazioni sterili vennero brevettate nel 1845 da due medici americani Horace Harrell Day e William H. Shecut. Consistevano in preparati viscosi ricavati dalla nitrocellulosa, che prima venivano sciolti in etere etilico e poi applicati sulle ferite, applicandovi sopra semplici bende di cotone. Questo processo venne in seguito reso più pratico con un sistema a strisce, facili da applicare e togliere. L’idea era venuta a due imprenditori Robert Wood Johnson e George Seabury, ma fu il primo a metterla a profitto dando vita nel 1886 a una propria azienda, la Johnson & Johnson, ancora oggi tra le più note multinazionali del settore farmaceutico.

Circa trentacinque anni più tardi, un impiegato della stessa società, Earle Dickson, si presentò ai suoi capi con un’idea geniale. L’intuizione gli era venuta osservando sua moglie Josephine all’opera nella loro cucina. Per medicarle i piccoli tagli e le scottature gli era balenata una soluzione che permettesse di tenere la ferita in condizioni sterili, consentendo alla donna di continuare le sue faccende domestiche. Prese una striscia adesiva e vi posizionò al centro un tampone di garza, ricoperta con crinolina per mantenerla sterile e sicura.

Aveva inventato a tutti gli effetti il cerotto moderno. L’idea conquistò il presidente James Wood Johnson (fratello di Robert, cui era subentrato alla sua morte), che la trasformò in pochi mesi in un prodotto su larga scala, lanciato ufficialmente nei negozi il 18 maggio del 1921. La nuova medicazione incontrò rapidamente il favore della gente, diventando un oggetto irrinunciabile in qualsiasi armadietto domestico o cassetta di pronto soccorso sui luoghi di lavoro.

Per la J&J fu un successo commerciale destinato a lunga vita, per Dickson l’occasione di una promozione professionale, che lo portò alla poltrona di vicepresidente della società. Diffuso negli USA come “Band-Aid”, assunse in Italia il nome di “cerotto”, come diminutivo della “tela cerata”, utilizzata anticamente per le medicazioni.
Grazie agli sviluppi della ricerca medica, il cerotto ha assunto negli anni ulteriori funzioni, legate al rilascio di principi attivi attraverso la pelle. Ciò ne ha favorito l’utilizzo in diversi ambiti, dalla farmacologia cardiologica al settore dei contraccettivi.

L’EVENTO SPORTIVO: 1994 – Il Milan si aggiudica la Champions League:

Ad Atene il Milan di Fabio Capello e il Barcellona di Johan Cruijff si confrontano per la finale della Champions League 1993/94. Tanti i campioni in campo: Albertini, Maldini, Donadoni e Boban per i rossoneri (sono assenti Costacurta e Baresi); Zubizarreta, Guardiola (futuro allenatore di Barca, Bayern Monaco e Manchester City), Romario e Stoičkov per i blaugrana (in panchina il secondo portiere è Carles Busquets, padre di Sergio, futuro campione del mondo ed europeo).

Il risultato finale, 4 a 0, non lascia spazio a dubbi: con una partita perfetta il Milan annienta il dream team spagnolo. I marcatori sono Massaro (autore di una doppietta), Savićević e Desailly (con un gol spettacolare).
Per il club di, allora, via Turati è il quinto titolo continentale per club (altri due arriveranno nel 2002/03 e 2006/07).

NACQUERO OGGI:

1920 – Giovanni Paolo II

1939 – Giovanni Falcone

1946 – Giampiero Galeazzi

LA FRASE CELEBRE (Aforisma): 

Gli uomini nascono con due occhi ed una sola lingua, quindi per ogni cosa che dicono ne devono vedere due. (Charles Caleb Colton)

IL PROVERBIO DEL GIORNO:

Marzo tinge, april dipinge, maggio fa le belle donne, e giugno fa le brutte carogne.

I DOODLE DI GOOGLE: L’equazione cubica e Omar Khayyam:

Il nome completo è molto più lungo, ma il mondo della matematica e dell’astronomia lo ricorda semplicemente come Omar Khayyam. Vissuto in Persia (l’attuale Iran) tra l’XI e il XII secolo, per tuttà la vita coniugò i suoi studi scientifici con l’amore per la filosofia e la poesia.

Dopo essersi occupato per quasi vent’anni di tavole astronomiche e di riforma del calendario, Khayyam concentrò la sua attenzione su un problema geometrico che avrebbe trovato una soluzione definitiva soltanto quattro secoli più tardi: si tratta dell’equazione cubica che, secondo lo studioso persiano, poteva avere soluzioni multiple ma non utilizzando soltanto riga e compasso.

Il suo contributo è stato sottolineato da Google nel 2012, nel 964° della nascita, con un doodle locale (visibile in diversi paesi di lingua araba) che richiama la sua tesi di possibile soluzione dell’equazione mediante le coniche.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment