Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DI OGGI – Venerdì 04 Giugno 2021

Ventiduesima Settimana dell’Anno 2021

Giorni trascorsi dall’inizio dell’anno 155 * giorni mancanti alla fine dell’anno 210

A Roma il sole sorge alle 04.36 e tramonta alle 19.40 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 04.06 tramonta alle 19.10 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: San Quirino

OGGI È: Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressioni

Giornata internazionale per i bambini innocenti vittime di aggressione: la decisione di istituire questa giornata è stata presa il 19 agosto 1982. In occasione della Sessione Speciale d’Emergenza sulla questione della Palestina, l’Assemblea Generale ha manifestato la propria indignazione per tutti i bambini innocenti, palestinesi e libanesi, vittime di aggressioni, e di violenza di ogni genere.

Sul sito Onu leggiamo: “Lo scopo della Giornata e quello di riconoscere il dolore sofferto dai bambini in tutto il mondo, vittime di abusi fisici, psicologici ed emotivi”.

La Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, dichiara i diritti fondamentali che devono essere riconosciuti e garantiti a tutti i bambini del mondo. L’UNICEF fa riferimento alla Convenzione per indirizzare la propria azione a tutela dei bambini, ricordando quali sono i principi fondamentali dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza:

1) Non discriminazione (art. 2): i diritti sanciti dalla Convenzione devono essere garantiti a tutti i

ACCADDE OGGI: 1783 – Primo volo di una mongolfiera:

Cinque secoli dopo le mongolfiere di carta utilizzate in Cina per segnalazioni militari, nella Francia prerivoluzionaria si sollevò nel cielo un pallone alimentato ad aria calda, che da semplice spettacolo per gli occhi si trasformò in un mezzo di trasporto per gli uomini.

L’idea venne a Joseph-Michel Montgolfier osservando un lenzuolo che si asciugava sul fuoco, gonfiandosi e creando un effetto plastico. Mentre il fratello maggiore Jacques-Étienne si occupava della fabbrica di famiglia (tra i più innovativi stabilimenti per la carta dell’epoca), Joseph condusse i propri esperimenti tra le mura domestiche, riuscendo nel 1782 a costruire il primo prototipo. Si trattava di un pallone di tela gonfiato da una camera di combustione, alimentata con la carta, che andò a sbattere contro il soffitto.

I suoi toni entusiastici convinsero il fratello maggiore a supportarlo nell’impresa, che segnò una svolta con il tentativo di dicembre del 1782, in cui venne utilizzata una mongolfiera in grado di restare in aria per 2 km. I tempi erano maturi per mostrare l’invenzione in pubblico. La dimostrazione avvenne il 4 giugno dell’anno seguente ad Aannonay, con un aerostato di 790 metri cubi che venne fatto volare per 10 minuti, ad un’altezza di 2000 metri.

Per volere di re Luigi XVI, i Montgolfier replicarono l’esperimento a Versailles, col proposito di provare a trasportare esseri umani, poi sostituiti da tre animali (un’anatra, un gallo e una pecora). Il test fu completato regolarmente, con i tre passeggeri atterrati sani e salvi. Un mese dopo avvenne il primo volo con equipaggio umano, composto da Pilâtre de Rozier e dal marchese d’Arlandes, che planarono per 9 km sui tetti di Parigi.

Qualche anno dopo, tuttavia, il sistema ad aria calda dei Montgolfier risultò superato dagli aerostati a idrogeno realizzati da Jacques Charles e i fratelli Robert.

L’EVENTO SPORTIVO: 1961 – “Clamoroso al Cibali”:

La radio, prima della televisione e di qualsiasi altro dispositivo ancora più moderno, è stata per decenni incontrastata regina dei pomeriggi domenicali degli sportivi italiani e soprattutto di coloro che giocavano la mitica schedina del Totocalcio. Con una durata che è stata modificata nel corso degli anni, “Tutto il calcio minuto per minuto” ha raccontato agli italiani le gesta calcistiche di centinaia di giocatori, suscitando passioni ed emozioni.

Ameri, Ciotti, Ferretti, Provenzali, Luzzi (eternamente sui campi della serie B), Bortoluzzi dallo studio centrale, sono i nomi, ma i protagonisti non sono i loro visi ma le loro voci, ben impresse in diverse generazioni di tifosi.

Il giornalista Enrico Ameri è sempre collegato dal campo principale e, di conseguenza, è spesso interrotto dagli aggiornamenti dei colleghi: “Scusa Ameri”, una locuzione entrata nel lessico comune.
Un’altra esclamazione, Clamoroso al Cibali, attribuita al radiocronista Sandro Ciotti (purtroppo non si trova una registrazione), è diventata famosa ed è utilizzata per indicare una vittoria contro ogni pronostico.
A Catania, i Campioni d’Europa dell’Internazionale scendono in campo, consapevoli di essere ancora in corsa per lo scudetto, ma il risultato finale è incredibilmente favorevole ai padroni di casa (in rosa anche un futuro affermato giornalista sportivo: Bruno Pizzul) che giocano nello stadio Cibali del capoluogo etneo. Il 2-0 suscita nel radiocronista l’affermazione: “Clamoroso al Cibali”. Per alcuni odierni operatori radiofonici è l’emblema della fortunata trasmissione che da oltre 50 anni continua ad informare con puntualità e assoluta competenza, resistendo all’invasione, non solo più domenicale, di immagini in tempo reale.

NACQUERO OGGI:

1951 – Marco Risi

1975 – Angelina Jolie

1991 – Lorenzo Insigne

LA FRASE CELEBRE (Aforisma): 

Tutti siamo nati per aiutarci l’uno con l’altro, come i piedi, le mani, le palpebre e i denti di sopra e di sotto. Per questo, è contro natura farsi del male reciprocamente. (Marco Aurelio)

IL PROVERBIO DEL GIORNO:

Chi parla per udita, aspetti la mentita

Condividi con:

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment