Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di oggi Sabato 26 Giugno 2021

Venticinquesima settimana dell’anno 2021

Giorni dall’inizio dell’anno: 177 * giorni alla fine dell’anno 188

Il sole sorge a Roma alle 4.37 e tramonta alle 19.49 (ora solare)

Il sole sorge a Lecce 4.07 e tramonta alle 19.19 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: San Vigilio     

OGGI È:

  1. a) GIORNATA MONDIALE DEL CANE IN UFFICIO

Si celebra ogni ultimo venerdì di giugno (sul sito abbiamo scelto il 26 giugno convenzionalmente) il “Take Your Dog to Work Day” ovvero la Giornata mondiale dei cani in ufficio, l’occasione annuale per andare al lavoro con i propri quadrupedi del cuore.

L’evento è nato nel 1996 nel Regno Unito grazie all’interessamento dell’associazione Pet Sitters International.

I dati emersi dallo studio avrebbero evidenziato una condizione idilliaca: la presenza dei cani sul posto di lavoro garantirebbe maggiore produttività e, al contempo, uno stress inferiore. Ne gioverebbe la soddisfazione professionale a fronte di un rinnovato spirito di collaborazione. Circa 750 i partecipanti al test che hanno confermato positivamente l’opportunità, risultando maggiormente appagati e felici dalla presenza di Fido accanto ai loro piedi. Secondo i dati emersi, la presenza dell’animale di affezione spronerebbe il personale ad aumentare l’impegno quindi la produzione stessa. Inoltre alcune delle aziende dove è stato effettuata l’iniziativa sarebbero disposte in futuro ad accogliere animali domestici.

  1. b) GIORNATA INTERNAZIONALE IN FAVORE DELLE VITTIME DELLA TORTURA

La Giornata Internazionale in favore delle Vittime della Tortura si celebra per la prima volta il 26 giugno del 1998. La decisione di istituire una simile Giornata venne adottata dall’Assemblea Generale con Risoluzione 52/149 del 12 dicembre 1997. Tale ricorrenza è tanto più importante in quanto coincide con il Cinquantesimo Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che ex articolo 5 statuisce che “nessun individuo potrà  essere sottoposto a tortura, a trattamenti o a punizioni crudeli, inumani o degradanti”.

L’eliminazione della pratica della tortura nel mondo ha costituito una delle maggiori sfide delle Nazioni Unite sin da pochi anni dopo la loro istituzione. Diversi documenti delle Nazioni Unite, tra i quali la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici, hanno dato al tema particolare risalto. Nel 1984, l’Assemblea Generale approvò la Convenzione contro la Tortura, i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumani e Degradanti, entrata in vigore il 26 giugno 1987.

Ad oggi, la Convenzione è stata ratificata da 105 Stati. Gli Stati Parti della Convenzione hanno convenuto di qualificare la tortura come un reato perseguibile in base all’ordinamento interno. Gli Stati Parti hanno l’obbligo di fare rapporto al Comitato contro la Tortura, quale organo istituito nel

1987 in virtù del Trattato, per monitorare l’attuazione delle disposizioni della Convenzione ed assistere gli Stati Parti nella loro applicazione. Il Comitato è composto da 10 esperti, indipendenti, eletti dagli Stati Parti, che svolgono le loro funzioni a titolo personale.

Le Nazioni Unite hanno inoltre riconosciuto la necessità  di assicurare assistenza alle vittime delle torture. A tal fine, nel 1981, l’Assemblea Generale istituì il Fondo delle Nazioni Unite per le Vittime della Tortura, finanziato con contributi volontari dei Governi.

  1. c) GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’ABUSO E IL TRAFFICO DI STUPEFACENTI 

La tossicodipendenza continua a essere una grave minaccia per la salute pubblica in Europa: ogni anno si registrano fra 7000 e 8000 vittime di overdose. Il fenomeno sta cambiando volto in Europa: aumentano infatti i problemi connessi all’uso di sostanze stimolanti, come la cocaina, mentre nuove sostanze fanno la loro comparsa sul mercato europeo.

La prevenzione dell’uso di droghe e l’offerta di trattamenti efficaci per l’abuso di stupefacenti sono i pilastri della risposta dell’Europa a questo problema. Un’importante novità  rispetto agli anni Novanta è stato il potenziamento delle terapie per prevenire decessi e infezioni virali fra i tossicodipendenti. Nell’UE almeno un milione di persone all’anno ricevono un trattamento per problemi di tossicodipendenza, mentre a chi fa uso di stupefacenti sono distribuiti fra 50 e 100 milioni di aghi e siringhe puliti.

a situazione è migliorata non solo sul piano quantitativo ma anche qualitativo. Oggi gli interventi si basano su prove più solide che in passato e la valutazione è diventata un elemento fondamentale della politica antidroga in molti paesi. Lo stesso avviene anche a livello europeo, dove la strategia dell’Unione europea in materia di droga (2005-2012) è attualmente oggetto di una valutazione esterna. L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) contribuisce alla valutazione con una relazione che illustra i principali cambiamenti registrati in questo periodo nel settore delle tossicodipendenze e nelle politiche adottate dai governi nazionali.

ACCADDE OGGI: 1945– Nasce l’ONU:

Con l’adozione della Carta di San Francisco 51 paesi diedero vita alla Società delle Nazioni Unite, approvandone lo statuto in quella stessa sede.

All’indomani di un feroce conflitto mondiale, la comunità internazionale avvertì l’esigenza di dar vita a un organismo che, tra le altre cose, individuasse una risoluzione pacifica delle controversie tra gli Stati, promuovesse il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali dell’individuo e alimentasse le relazioni amichevoli tra gli Stati.

Questi sono ancora oggi i compiti principali dell’ONU, la maggiore organizzazione intergovernativa di cui sono membri 193 Stati del mondo su un totale di 202. Tra questi alcuni, come il Vaticano e la Palestina (ammessa nel novembre del 2012), godono dello status di «osservatore permanente come Stato non membro». L’Italia venne ammessa il 14 dicembre del 1955.

La sede centrale dell’ONU è a New York e tra gli organi principali che la compongono vi sono: l’Assemblea Generale (il principale organo, di cui fanno parte i rappresentanti di tutti gli Stati aderenti alle Nazioni Unite), il Consiglio di Sicurezza (ha un ruolo cruciale nell’evitare che i contrasti fra i paesi degenerino in conflitti), il Consiglio Economico e Sociale, il Consiglio di Amministrazione Fiduciaria, la Corte Internazionale di Giustizia (con sede a L’Aja).

Leader dell’Organizzazione è il Segretario Generale, designato dall’Assemblea Generale su indicazione del Consiglio di sicurezza e il cui mandato dura cinque anni. Dopo il sudcoreano Ban-Ki-Moon, eletto una prima volta nel 2007 e confermato fino al 31 dicembre 2016, ricopre tale carica il portoghese António Guterres.

Impegnata attualmente in 16 missioni di pace, su tutte la più delicata è in Congo, l’ONU è stata in passato al centro di polemiche per l’inefficacia dimostrata nel non prevenire genocidi, come quelli in Bangladesh (1971), Cambogia (1975-79) e Ruanda (1994), ed esecuzioni di massa come il massacro di Srebrenica (1995).

AVVENIMENTI SPORTIVI: 1954 – La partita con più gol ai Mondiali di calcio:

In Svizzera, dal 16 giugno al 4 luglio, si svolgono i Mondiali di calcio del 1954, vinti poi dalla Germania Ovest, che supera in finale l’Ungheria, data per favorita alla vigilia. L’Italia non accede ai quarti, perdendo pure lo spareggio con la Svizzera.

Ma negli annali del calcio occupa un posto di rilevo una partita dei quarti di finale, giocata a Losanna il 26 giugno:

Austria e Svizzera, terminata 7 a 5 (primo tempo 5 a 4), è ancora oggi la partita di una fase finale dei Mondiali di calcio con il maggior numero di reti segnate.

La partita è ricordata anche come “L’infuocata battaglia di Losanna”. Tra le cause di un risultato così raro c’è, difatti, il caldo (la temperatura ha raggiunto i 40 gradi all’ombra), l’assenza delle sostituzioni non ancora previste e gli evidenti problemi di salute del portiere austriaco (un colpo di sole), che ha subito tre reti in quattro minuti (svizzeri in vantaggio per 3 a 0). Dopo una manciata di minuti, però, gli austriaci hanno riportato il risultato in perfetta parità in 120 secondi e, con altri due gol, sono arrivati da zero a cinque in nove minuti.

NACQUERO OGGI:

1933 – Claudio Abbado

1950 – Antonio Ricci

1950 – Umberto Smaila

1968 – Paolo Maldini

1971 – Max Biaggi

LA FRASE CELEBRE:

Sii benedetto, o mio Dio, perché, quantunque io non sia degno di alcun dono, la tua magnanimità e la tua infinita bontà non cessano di largire benefici anche agli ingrati, che si sono allontanati da te. Portaci di nuovo a te, affinché siamo pieni di gratitudine, di umiltà e di devozione. Tu sei infatti il nostro sostegno, la nostra forza, la nostra salvezza. (T. da Kempis)

IL PROVERBIO: 

Giugno dona caldo e sete al contadin che miete.

I DOODLE DI GOOGLE: Sunthorn Phu e la Thailandia:

È riconosciuto come il più grande poeta thailandese, celebre per il tono romantico dei suoi versi attraverso i quali ha narrato un pezzo importante di storia del suo paese. Nato e vissuto in pieno periodo Rattanakosin (1782-1932, il quarto grande regno dei siamesi), Phu divenne poeta di corte con Rama II e durante quest’attività si meritò il titolo di “Khun” per la straordinaria intensità dei suoi componimenti, che raccontavano dei suoi viaggi nei luoghi remoti del regno e che raggruppò nelle due principali raccolte Nirat Phukaothong e Nirat Suphan.

La sua fama è legata anche al poema epico Phra Aphai Mani, il cui protagonista è un principe molto vicino agli eroi del romanticismo europeo. Riconosciuto dall’UNESCO come “grande poeta del mondo”, Phu è stato celebrato da Google nel 2010, in occasione del 224° della sua nascita (26 giugno 1786), con un doodle locale (visibile in Giappone e Thailandia).

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment