Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DI OGGI: Martedì 23 Novembre 2021

Quarantasettesima Settimana dell’Anno 2021

Giorni trascorsi dall’inizio dell’anno 327 * giorni mancanti alla fine dell’anno 38

A Roma il sole sorge alle 07.10 e tramonta alle 16.43 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 6.43 e tramonta alle 16.42 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: San Clemente

ACCADDE OGGI:

a)1889 – Il primo jukebox debutta a San Francisco:

Un nichelino nell’apposita fessura e tubo all’orecchio per ascoltare la musica. Il nickel in the slot phonograph, il capostipite dei moderni jukebox, entrò per la prima volta in funzione al Palais Royale Saloon di San Francisco, una sera di novembre del 1889.

I suoi inventori, Louis Glass e William S. Arnold, lo misero a punto negli stabilimenti della Pacific Phonograph Company, partendo dal celebre fonografo di Thomas Alva Edison. Assai simile a un carillon, il nuovo strumento si presentava all’esterno come una cabina di legno, costruita come telaio del fonografo, alla quale erano collegati quattro tubi di gomma.

Da questi ultimi, dopo aver inserito cinque centesimi di dollaro (il valore di un nichelino) si poteva ascoltare il disco posizionato sul fonografo, ma solo quattro persone per volta. Migliorati nei decenni successivi, i jukebox entrarono in vendita dopo il primo conflitto mondiale. La prima a produrli, nel 1927, fu l’AMI, già nota per la produzione di pianoforti, ma a farne un successo commerciale furono Seeburg, Wurlitzer e Rock-ola, che si divisero il mercato mondiale.

  1. b) 1980– Terremoto in Irpinia

Una scossa sismica di magnitudo 6,9 colpisce l’Irpinia, una vasta area in provincia di Avellino. Il terremoto provoca danni ingentissimi soprattutto nell’area del Vulture. Numerosi paesi distrutti: i morti saranno quasi 3.000.

  1. c) 1992 – IBM presenta il primo smartphone della storia:

Inviare e ricevere email e fax, aggiungere contatti, gestire file attraverso un file manager. Accanto ad opzioni come la calcolatrice, il “blocco note” e alcuni giochi. Il tutto gestibile con un pennino direttamente sullo schermo touchscreen.

Funzionava così il Simon Personal Communicator, il telefono cellulare con funzioni di palmare presentato dall’IBM al COMDEX (fiera informatica tra le più rinomate fino al 2005) di Las Vegas, il 23 novembre 1992. Il termine smartphone a quell’epoca non era in uso, ma il Simon venne in seguito riconosciuto come il primo esempio di “cellulare intelligente” della storia.

Il progetto dell’IBM venne tradotto in un prodotto commerciale dalla BellSouth, azienda di Atlanta, che lanciò il Simon nel 1994, al prezzo di 900 dollari. Venduto in oltre 50mila unità, a sei mesi dal lancio, andò via via esaurendosi, con una progressiva riduzione del prezzo fino a 600 dollari.

Tra le sue caratteristiche principali: display in bianco e nero, risoluzione 160×293 pixel, 1 MB di RAM. Unico neo la batteria che si scaricava velocemente, per l’alto consumo energetico. I suoi numeri, paragonati agli standard odierni, appaiono irrisori, eppure per quegli anni rappresentarono una straordinaria innovazione tecnologica.

NACQUERO OGGI:

1941 – Franco Nero

1975 – Daniele Orsato

LA FRASE CELEBRE (Aforisma): 

Un po’ di credulità aiuta a percorrere il cammino della vita molto agevolmente (E. Gaskell)

IL PROVERBIO DEL GIORNO:

Per San Clemente il verno mette un dente.

I DOODLE DI GOOGLE: Manuel de Falla:

Il 134° anniversario della nascita di Manuel de Falla, noto compositore spagnolo, non è passato inosservato su Google: il doodle locale del 23 novembre 2010, visibile in Spagna ed Andorra, ha ritratto l’artista originario di Cadice, in mezzo a dei pentagrammi.

La produzione di de Falla si lega a quella nota corrente musicale che prese ispirazione e nome dall’impressionismo pittorico, trasferendo dai colori alle note i contorni sfumati e le atmosfere oniriche. Genio ispiratore dell’impressionismo musicale fu Claude Debussy che de Falla incontrò nel lungo soggiorno a Parigi, dove iniziò a comporre balletti per la celebre compagnia Ballets Russes.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment