Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DI OGGI: sabato 15 gennaio 2022

Seconda Settimana dell’Anno 2022

Giorni trascorsi dall’inizio dell’anno 15 * giorni mancanti alla fine dell’anno 350

A Roma il sole sorge alle 07.35 e tramonta alle 17.04 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 7.16 e tramonta alle 16.59 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: San Mauro  

ACCADDE OGGI:

          a) 1945 – Fondata l’agenzia Ansa:

La più autorevole agenzia di stampa italiana vide la luce durante le ultime fasi della Seconda guerra mondiale, su iniziativa delle tre diverse anime della Resistenza: popolare, socialista e comunista.

Strumento di divulgazione delle loro battaglie erano i quotidiani Il Popolo, L’Avanti! e l’Unità, rappresentati rispettivamente da Giuseppe Liverani (direttore amministrativo), Primo Parrini (direttore amministrativo) e Amerigo Terenzi (consigliere delegato). I tre presentarono all’esercito alleato la proposta di dar vita a una nuova agenzia di notizie, in funzione di una maggiore e più attendibile informazione per la popolazione.

Ricevuto l’ok, il 15 gennaio del 1945 fecero uscire il primo dipaccio di notizie a Roma, dando vita all’Agenzia nazionale stampa associata, destinata a diventare più nota con l’acronimo ANSA. Quest’ultima prese il posto della disciolta Agenzia Stefani, di cui ereditò la struttura tecnica e la rete organizzativa di sedi sparse per il Paese e all’estero.

Testimone principe delle tappe più significative della storia d’Italia, a partire dallo storico annuncio del Referendum istituzionale del 1946 (trasmesso alle 14,50 di mercoledì 5 giugno), l’ANSA è attualmente strutturata in forma di cooperativa, di cui fanno parte 36 soci editori dei principali quotidiani italiani. Dal 2009 è diretta da Luigi Contu.

          b) 2001 – Inizia l’era di Wikipedia: 

«Hello, world». È il saluto che accoglie i primi visitatori del sito wikipedia.org, nato da un’idea dell’imprenditore Jimmy Wales e del filosofo Larry Sanger. Nel messaggio pubblicato sul frontespizio, s’invita il visitatore a spendere 5-10 minuti del proprio tempo per inserire un articolo, o meglio una “voce”. Nasce così la più grande enciclopedia al mondo che cambia radicalmente l’approccio alla conoscenza.

Tutto ha inizio quando Wales, fondatore della Bomis (portale di ricerca per musica pop), assume Sanger nella sua azienda per realizzare un sogno nutrito fin da piccolo: dar vita a un’enciclopedia on line che comprenda tutte le forme del sapere e le renda accessibili a tutte le persone. Per renderlo possibile c’è bisogno di un nuovo strumento di pubblicazione sul web, che consenta una maggiore interazione tra le persone che vi prendono parte.

La soluzione è individuata nel wiki (termine hawaiano che vuol dire “veloce”), software ideato nel 1995 da Ward Cunningham, il cui aspetto principale è quello di facilitare la creazione e la modifica di un pagina, consentendo collegamenti ipertestuali con altre pagine. Di ogni singolo contenuto, inoltre, è disponibile una cronologia delle versioni precedenti che permette di verificarne l’evoluzione.

L’ambizioso progetto prende forma nel 2000 con il lancio ufficiale di Nupedia, che vede il neo assunto nel ruolo di caporedattore. Un team di esperti cura le voci, pubblicate con licenza GNU Free Documentation License, che permette a chiunque di copiare, modificare e distribuire il materiale, mantenendo però la stessa licenza. L’idea è ottima ma i lenti progressi del sito convincono i due a studiare una strada alternativa.

Si arriva così a Wikipedia, nato inizialmente come progetto complementare di Nupedia. Ci si registra con nickname e password e si può editare qualsiasi contenuto, con la possibilità di rivederlo e confrontarsi, attraverso un forum, con altri utenti. Si forma pian piano una comunità con ruoli specifici: gli amministratori, che hanno la funzione di moderatori dei contenuti; i wikipediani, che discutono, scrivono e contribuiscono volontariamente alla crescita del sito.

È un passo rivoluzionario nella storia di internet, tant’è che Webby Awards (uno dei premi più prestigiosi legati al web) lo inserisce più tardi tra i 10 momenti più importanti per Internet della decade 2000-2009. L’anno dopo, la rivoluzione wiki varca i confini USA toccando gli altri continenti: nascono 25 versioni in altrettante lingue (tra cui quella italiana). Sul piano dei numeri c’è una media iniziale di poche centinaia di contributi al giorno, ma già nel 2003 Wikipedia inglese taglia il traguardo delle 100mila voci.

Parallelamente, cresce il numero di internauti che, per curiosità o per ragioni di studio, consultano il sito come fonte di conoscenza. La rete wiki si amplia con il lancio delle sezioni notizie e quote. Insieme ai successi arrivano le prime critiche di quanti ritengono che le informazioni del sito siano poco attendibili, per il mancato controllo su tutto ciò che viene pubblicato.

A ciò si uniscono i timori degli utenti in merito al rischio di vedere le pagine di Wikipedia inondate di pubblicità, insieme a quello di esporre il sito a condizionamenti di natura economica e politica. La risposta di Wales non si fa attendere e nel 2003 dà vita a Wikimedia, una fondazione senza scopi di lucro che incoraggia la crescita di contenuti liberi cui tutti hanno accesso gratuito. Il nuovo soggetto, che raggruppa tutti i progetti wiki, s’impegna a trovare fondi attraverso le donazioni volontarie dei suoi numerosissimi sostenitori.

Lo spirito indipendente, unito alla messa al bando della pubblicità, si rivela una formula vincente che negli anni proietta Wikipedia nel Guinnes dei primati (nel 2008, come enciclopedia più grande in assoluto) e tra i sei siti più popolari al mondo (stima 2015). I numeri non lasciano dubbi: edizioni in 291 lingue; 35 milioni di articoli; 495 milioni di utenti che mensilmente lo consultano da ogni angolo del pianeta.

In testa c’è la versione inglese con circa 6 milioni e 600mila voci pubblicate, mentre quella italiana, a dicembre 2021, ne vanta un milione e 773mila.

EVENTO SPORTIVO: – 2012 – Tripletta di Pittin:

Tre vittorie in tre giorni, è il record di Alessandro Pittin in Coppa del Mondo di combinata nordica. Come il combinatista tedesco Björn Kircheisen (nella Coppa del 2002) realizza una tripletta, avendo già vinto il 13 (prima vittoria in assoluto per un italiano) e il 14 gennaio nella Gundersen di Chaux-Neuve, in Francia.

Nella combinata nordica, la gara più frequente è l’individuale Gundersen che consiste in un salto dal trampolino, seguito da 10 km di fondo.

Il termine della gara di salto, i distacchi tra gli atleti sono tradotti in tempo (15 punti equivalgono a un minuto). Il primo classificato del salto è il primo a partire nella prova di sci di fondo e a seguire gli altri, secondo i distacchi accumulati nel salto. Vince la gara di combinata l’atleta che arriva per primo al traguardo della prova di fondo.

NACQUERO OGGI:

1929 – Martin Luther King

1955 – Enrico Mentana

1965 – Maurizio Fondriest

LA FRASE CELEBRE (Aforisma): 

Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. (Gesù)

IL PROVERBIO DEL GIORNO

Un bel gennaio bel anno reca.

I DOODLE DI GOOGLE: Spirit su Marte:

Nella notte del 4 gennaio 2004 il rover Spirit (veicolo adibito al trasporto su un corpo celeste e progettato per muoversi su terreni tortuosi) atterrò su Marte. Due mesi dopo la NASA fornì al mondo la prova definitiva che in passato esisteva acqua allo stato liquido sul pianeta rosso. Una missione di straordinario valore scientifico conclusasi nel maggio del 2011.

Nel 2004, Google omaggiò l’atterraggio dello Spirit con un doodle globale che, sullo sfondo del paesaggio roccioso di Marte, ritrae il rover insieme a due simpatici alieni.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment