Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Martedì 7 marzo 2017

Decima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: 66* Giorni rimanenti alla fine dell’anno 299

A Roma il sole sorge alle 06.34 e tramonta alle 18:07 (ora solare)

Lecce il sole sorge alle 06.31 e tramonta alle 17:55 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Santa Felicita

ACCADDE OGGI:  1876 – Bell ottiene il brevetto del telefono

Una “macchina parlante” che attraverso un cavo metteva in contatto due persone distanti tra loro. L’invenzione destinata a cambiare per sempre la comunicazione umana fu vissuta come uno “scippo” in Italia e passò ben oltre un secolo tra carte bollate e rivendicazioni sulla stampa prima che venisse fatta parziale giustizia, senza tuttavia scrivere la parola fine. Partendo dalle nuove frontiere aperte dal telegrafo elettrico, inventò una macchina parlante che più tardi prese il nome di telefono elettrico e il cui brevetto venne rilasciato il 7 marzo del 1876. In quello stesso periodo si vide investito dalle prime accuse di aver copiato invenzioni già esistenti. Se Elisha Gray aveva brevettato il telefono a induzione magnetica quasi in contemporanea a Bell, ben cinque anni prima un inventore fiorentino, trapiantato negli USA, aveva registrato un apparecchio simile, denominato telettrofono. Il suo nome era Antonio Meucci. Per via delle ristrettezze economiche lo stesso non aveva potuto rinnovare il brevetto provvisorio concessogli nel 1871 e questo aveva spianato la strada al primato di Bell. Ne seguì una lunga contesa tra Italia e Stati Uniti a colpi di carte bollate e sentenze, risolta in parte nel 2002, quando il Congresso degli Stati Uniti riconobbe la priorità dell’italiano nell’invenzione del telefono.

NACQUERO OGGI

1785 – Alessandro Manzoni – romanziere

1908 – Anna Magnani – attrice

1959 – Luciano Spalletti – allenatore di calcio

FRASE CELEBRE: Sono gli umili che soffrono, quando i potenti sono in discordia. (Fedro)

IL PROVERBIO: Marzo secco e caldo fa il vignaiuol spavaldo.

IL SEGNO ZODIACALE: Pesci  – Dal 20/02 al 20/03

Personalità

Ciò che più colpisce è quella sorta di candore ed innocenza che traspare dalle sue azioni ed emozioni. Il bisogno di sentirsi amato e protetto, inoltre, lo rende umile e devoto, e sempre pronto a sacrificarsi per il bene comune. Ricettivo al massimo grado, è perfettamente consapevole dell’esistenza di un’umanità varia e complessa che gli ispira fede, speranza, compassione. Per la sua natura mite e generosa viene facilmente sfruttato dagli altri. Quando viene offeso diventa sfuggente, impenetrabile, se Marte, però, occupa nell’oroscopo una posizione dominante, reagisce in modo violento, palesando una collera devastante. In genere, però, ha spirito piuttosto accomodante e vuole che il suo prossimo sia felice con lui e grazie a lui.

Amore

È un innamorato dell’amore e ha di esso un’idea estremamente romantica e assai poco realistica. Arriva infatti a idolatrare l’essere amato. Comunque vada, quando è innamorato, dona tutto di sé, senza rimpianti, senza reticenze. Se poi il suo amore viene contraccambiato, allora sperimenterà il puro incanto di aprire cuore ed anima all’essere amato, creando insieme a lui come uno spazio, fuori dal tempo, in cui rifugiarsi nei momenti tristi della vita. Come corteggia il timido figlio di Nettuno? Dolcezza, comprensione, devozione, premure sono le sue armi vincenti. Come vuole essere corteggiato? Colui o colei che possiede un animo veramente delicato e gentile riuscirà facilmente a conquistare il suo cuore, ma deve comunque essere disponibile ad ascoltarlo, a seguirlo nei suoi interessi. E se scopre che c’è un altro? Il castello di illusioni costruito crolla all’improvviso, e la fantasia lo trascina in un baratro di disperazione. Riaffiora dalle “acque profonde” in cui si era rifugiato, lentamente, ed è di nuovo pronto ad offrire il suo tenero amore.

Lavoro

Fantasia, immaginazione, creatività sono le sue doti più spiccate, portato ad una professione che gli permetta di metterle a frutto. La paura che prova quando deve entrare in competizioni, lo fa ripiegare verso occupazioni più rassicuranti, ma al di sotto delle sue reali potenzialità. Riesce molto bene in occupazioni come il cinema, la tv, i media o la pubblicità. Lo spirito umanitario, che lo contraddistingue, lo rende adatto a svolgere la sua attività negli ospedali: può diventare infatti un ottimo medico, un assistente sociale o l’infermiere ideale di ogni paziente. L’amore per gli animali lo porta ad essere un bravo veterinario, e se infine prepotente è in lui il bisogno di elevarsi spiritualmente, sarà un eccellente “pastore di anime”. È importantissimo che il ragazzo Pesci trovi nella scuola e negli insegnanti un ambiente e delle persone capaci di accoglierlo cordialmente, mostrandogli comprensione e indulgenza. Non è molto portato per studi tecnici o matematici, mentre le sue passioni sono la letteratura, la filosofia, la pedagogia, il disegno, la pittura e la musica. È anche attirato dalle scienze nautiche, a causa del suo profondo rapporto con il mare, e da studi di veterinaria.

Salute

La salute è un problema, ma questo non significa che sia debole o malaticcio: quello che non va è il suo atteggiamento mentale nei confronti della malattia. Il suo è il segno più incline all’ipocondria: se le persone vicine accusano disturbi o hanno problemi di salute, lui proverà ciò che esse provano. Poi, però, quando è davvero malato, mostrerà una superficialità incredibile e, invece di affidarsi al medico, preferisce seguire “i consigli dell’amico” a fare da sé. Gli organi governati dal suo segno sono: i piedi, la ghiandola pineale e le mucose in generale. Anche lo stato dei liquidi organici (incluso il sangue) e gli equilibri ormonali sono collegati ai Pesci, mentre il loro sale cellulare è il fosfato di ferro. Le molecole di questo sale assicurano il costante rifornimento di ossigeno ai vari tessuti dell’organismo.

 

I DOODLE DI GOOGLE: Anniversario Manzoni

manzoni

La lingua italiana, nella sua versione moderna, ebbe un’evoluzione fondamentale grazie all’opera filologica di Alessandro Manzoni e al suo romanzo I Promessi sposi, massimo esempio della letteratura romantica italiana. Nato a Milano da famiglia agiata, lo scrittore ebbe una rigida educazione cattolica, da cui prese le distanze sposando gli ideali giacobini della Rivoluzione, ripresi da Vincenzo Monti. Più tardi, tuttavia, fu proprio la fede nella provvidenza a fargli superare il pessimismo esistenziale, vissuto da Foscolo e Leopardi, e a individuare negli umili i veri protagonisti della storia e della sua opera più riuscita. Ad oltre 220 anni dalla sua nascita, Manzoni è stato celebrato da Google nel 2010 e 2012 con due doodle locali (visibili in Italia), che raffigurano i personaggi principali del romanzo, dai due innamorati alla Monaca di Monza, da Don Rodrigo a Fra Cristoforo.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment