Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Lunedì 13 marzo 2017

Undicesima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: 72* Giorni rimanenti alla fine dell’anno 293

A Roma il sole sorge alle 06.24 e tramonta alle 18:14 (ora solare)

Lecce il sole sorge alle 06.20 e tramonta alle 18:02 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Sant’Arrigo

ACCADDE OGGI:  Inaugurato il tunnel sottomarino più lungo al mondo

seikan

Quando se ne ipotizzò la costruzione il Giappone era ancora sotto choc per le perdite umane e i disastri dei due attacchi atomici. La sua entrata in funzione diede al paese del Sol Levante un altro prestigioso primato nella storia del progresso ferroviario. Sul piano del trasporto su rotaia, il Giappone figurava tra le nazioni che avevano investito maggiormente dopo la Seconda guerra mondiale. Nel 1964 fu inaugurata qui la prima linea ferroviaria dedicata esclusivamente all’alta velocità, denominata Shinkansen, che entrò in funzione con il treno Shinkansen Serie 0 (dalla peculiare forma a proiettile), a quel tempo il più veloce al mondo (poteva raggiungere i 210 km/h). Già dal periodo Taisho (1912-1925) ci si era posto il problema di realizzare un collegamento stabile tra le due maggiori isole dell’arcipelago nipponico, Honshu e Hokkaido, separate da uno stretto tratto di mare. Tuttavia, solo a partire dal 1946 si effettuarono i rilievi geologici della zona, in base ai quali si approntò una prima bozza della linea ferroviaria. Lasciato nel cassetto per un decennio, lo studio dell’opera fu ripreso in maniera più decisa verso la metà degli anni Cinquanta, in seguito al tragico affondamento di cinque navi passeggeri provocato da un tifone. Il boom economico del ventennio ’60-’70 creò il clima adatto per l’inizio effettivo dei lavori che avvenne nel settembre del 1971, con l’obiettivo di collegarla alla linea dell’alta velocità. Le condizioni geologiche particolari del fondale marino, formato da rocce vulcaniche, complicarono le attività di scavo, dando luogo a frequenti incidenti in cui persero la vita 34 operai. Completato il tunnel pilota nel 1983, cinque anni dopo l’opera, costata complessivamente 3,6 miliardi di dollari, venne portata a termine. Integrato nella linea ferroviaria Kaikyo (che collega le prefetture di Hokkaidō e Aomori), il tunnel prese il nome di Seikan, nato dalla combinazione dei caratteri kanji (caratteri di origine cinese usati nella scrittura giapponese) delle prime lettere di Aomori e Hakodate, le due principali città collegate attraverso lo stretto. All’inaugurazione del 13 marzo 1988 venne certificato lo storico primato di “più lungo tunnel sottomarino del mondo”: lungo 53,85 chilometri di cui 23,3 chilometri sotto il fondo marino. A questo se ne aggiunsero altri due. Il primo relativo al “più profondo tunnel ferroviario operativo nel mondo”, in virtù dei 140 m al di sotto del fondale marino (240 m sotto il livello del mare) che fa segnare il livello dei binari. L’altro è legato alle due stazioni ricavate all’interno della galleria, le prime al mondo realizzate sotto il mare: la Tappi-Kaitei e la Yoshioka-Kaitei. Entrambe furono progettate come vie di fuga in caso di incendio o altro, dotate di moderni sistemi di sicurezza e soccorso. La prima funge ancora oggi da museo sulla storia del Seikan. Il primato relativo alla lunghezza rimase inalterato anche dopo l’apertura del Tunnel della Manica nel 1994, anche se quest’ultimo poteva vantare un tracciato sottomarino più lungo (39 km contro i 23 del Seikan). Meglio potrebbero fare opere in via di realizzazione e la cui inaugurazione è prevista nei prossimi anni, tra queste il traforo Gotthard Case Tunnel in Svizzera.

NACQUERO OGGI

1955 – Bruno Conti – ex calciatore

1960 – Luciano Liguabue – cantautore

1961 – Carlo Conti – presentatore televisivo

FRASE CELEBRE: Ogni giorno scappo e mi sottraggo a me stesso. (M. de Montaigne)

IL PROVERBIO: Marzo alido, aprile umido.

IL SEGNO ZODIACALE: Pesci  – Dal 20/02 al 20/03

Personalità

Ciò che più colpisce è quella sorta di candore ed innocenza che traspare dalle sue azioni ed emozioni. Il bisogno di sentirsi amato e protetto, inoltre, lo rende umile e devoto, e sempre pronto a sacrificarsi per il bene comune. Ricettivo al massimo grado, è perfettamente consapevole dell’esistenza di un’umanità varia e complessa che gli ispira fede, speranza, compassione. Per la sua natura mite e generosa viene facilmente sfruttato dagli altri. Quando viene offeso diventa sfuggente, impenetrabile, se Marte, però, occupa nell’oroscopo una posizione dominante, reagisce in modo violento, palesando una collera devastante. In genere, però, ha spirito piuttosto accomodante e vuole che il suo prossimo sia felice con lui e grazie a lui.

Amore

È un innamorato dell’amore e ha di esso un’idea estremamente romantica e assai poco realistica. Arriva infatti a idolatrare l’essere amato. Comunque vada, quando è innamorato, dona tutto di sé, senza rimpianti, senza reticenze. Se poi il suo amore viene contraccambiato, allora sperimenterà il puro incanto di aprire cuore ed anima all’essere amato, creando insieme a lui come uno spazio, fuori dal tempo, in cui rifugiarsi nei momenti tristi della vita. Come corteggia il timido figlio di Nettuno? Dolcezza, comprensione, devozione, premure sono le sue armi vincenti. Come vuole essere corteggiato? Colui o colei che possiede un animo veramente delicato e gentile riuscirà facilmente a conquistare il suo cuore, ma deve comunque essere disponibile ad ascoltarlo, a seguirlo nei suoi interessi. E se scopre che c’è un altro? Il castello di illusioni costruito crolla all’improvviso, e la fantasia lo trascina in un baratro di disperazione. Riaffiora dalle “acque profonde” in cui si era rifugiato, lentamente, ed è di nuovo pronto ad offrire il suo tenero amore.

Lavoro

Fantasia, immaginazione, creatività sono le sue doti più spiccate, portato ad una professione che gli permetta di metterle a frutto. La paura che prova quando deve entrare in competizioni, lo fa ripiegare verso occupazioni più rassicuranti, ma al di sotto delle sue reali potenzialità. Riesce molto bene in occupazioni come il cinema, la tv, i media o la pubblicità. Lo spirito umanitario, che lo contraddistingue, lo rende adatto a svolgere la sua attività negli ospedali: può diventare infatti un ottimo medico, un assistente sociale o l’infermiere ideale di ogni paziente. L’amore per gli animali lo porta ad essere un bravo veterinario, e se infine prepotente è in lui il bisogno di elevarsi spiritualmente, sarà un eccellente “pastore di anime”. È importantissimo che il ragazzo Pesci trovi nella scuola e negli insegnanti un ambiente e delle persone capaci di accoglierlo cordialmente, mostrandogli comprensione e indulgenza. Non è molto portato per studi tecnici o matematici, mentre le sue passioni sono la letteratura, la filosofia, la pedagogia, il disegno, la pittura e la musica. È anche attirato dalle scienze nautiche, a causa del suo profondo rapporto con il mare, e da studi di veterinaria.

Salute

La salute è un problema, ma questo non significa che sia debole o malaticcio: quello che non va è il suo atteggiamento mentale nei confronti della malattia. Il suo è il segno più incline all’ipocondria: se le persone vicine accusano disturbi o hanno problemi di salute, lui proverà ciò che esse provano. Poi, però, quando è davvero malato, mostrerà una superficialità incredibile e, invece di affidarsi al medico, preferisce seguire “i consigli dell’amico” a fare da sé. Gli organi governati dal suo segno sono: i piedi, la ghiandola pineale e le mucose in generale. Anche lo stato dei liquidi organici (incluso il sangue) e gli equilibri ormonali sono collegati ai Pesci, mentre il loro sale cellulare è il fosfato di ferro. Le molecole di questo sale assicurano il costante rifornimento di ossigeno ai vari tessuti dell’organismo.

I DOODLE DI GOOGLE: Anniversario Einstein

L’energia massima ricavabile da un corpo è equivalente alla massa del corpo moltiplicata per il quadrato della velocità della luce. Tradotto in un’equazione matematica: E = mc². È la formula più celebre della fisica che viene identificata in tutt’uno con il suo ideatore, Albert Einstein, che la introdusse nell’ambito della teoria della relatività ristretta. Con essa lo scienziato tedesco rivoluzionò la fisica del Novecento, aprendo nuovi orizzonti nei metodi d’indagine scientifica. Einstein fu insignito del Premio Nobel per la Fisica nel 1921 per i «contributi alla fisica teorica, in particolare per la scoperta della legge dell’effetto fotoelettrico». Altrettanto noto per il suo convinto pacifismo e la sua fede nelle capacità umane di raggiungere la conoscenza, è stimato come uno dei maggiori pensatori del XX secolo e il suo nome è comunemente inteso come sinonimo di sconfinata intelligenza.

La sua chioma scapigliata e i folti baffi sono ripresi, assieme alla celebre formula, nel doodle globale pubblicato da Google nel 2003, a 124 anni dalla nascita dello scienziato..

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment