Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO 

Almanacco di Mercoledì 10 maggio 2017

Diciannovesima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: 130 * Giorni rimanenti alla fine dell’anno 235

A Roma il sole sorge alle 04.55 e tramonta alle 19:18 (ora solare)

 Lecce il sole sorge alle 04.46  e tramonta alle 18:58 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Sant’Antonino e San Cataldo

AVVENIMENTO SPORTIVO: 1987 – Il primo scudetto del Napoli

scudetto_1987

Per la prima volta una squadra del Sud vince il campionato di calcio di serie A. Il Napoli, al primo posto in solitaria dalla quindicesima giornata (il torneo è a 16 squadre e la vittoria vale due punti), consapevole della posta in gioco, scende in campo contro la Fiorentina, in uno Stadio San Paolo gremito come un uovo.

A 180 minuti dalla fine del campionato, la classifica vede i partenopei al comando con 40 punti, l’Inter a 37, la Juventus a 36 e il Verona a 34. I nerazzurri perdono per 1 a 0 a Bergamo, la Juventus pareggia per 1 a 1 a Verona (che nell’ultima giornata fermerà sullo 0 a 0 l’Inter), gli azzurri di Ottavio Bianchi segnano con Andrea Carnevale ma una rete su punizione di Roberto Baggio fissa il risultato finale sull’1 a 1.

Il pareggio è sufficiente ad assegnare lo scudetto, con una giornata di anticipo, al Napoli di Maradona. Alle 17.47 del 10 maggio 1987, al triplice fischio finale dell’arbitro, si scatena la festa prima allo stadio e poi in tutta la città per celebrare il concretizzarsi di un sogno, rincorso da decenni.

NACQUERO OGGI

1931 – Ettore Scola – regista

1987 – Daniele Dessena – calciatore

FRASE CELEBRE: Se aiuti qualcuno che è nei guai, si ricorderà di te. La prossima volta che è nei guai. (H. V. Prochnow)

IL PROVERBIO: Chi pota di maggio e zappa d’agosto, non raccoglie né pane né mosto.

IL SEGNO ZODIACALE: TORO –  dal 21/04 al 20/04

Personalità

Il suo gusto innato per il benessere e per le cose “buone” della vita lo predispone a curare l’arte del vivere, a godere delle piccole gioie quotidiane, piuttosto che a lanciarsi in imprese al di sopra delle sue forze e dei suoi mezzi. Resistente, perseverante, riflessivo ed equilibrato, lavora con scrupolo e serietà rispettando i suoi impegni e raggiungendo, quasi sempre, una buona solidità finanziaria. Ama il denaro, non per accumularlo, ma per spenderlo in tutto ciò che gli procura piacere

Amore

Un impegno serio, una situazione stabile e chiara in cui profondere tutto il suo affetto, ecco il concetto che ha dell’amore. La stabilità e la durata dei suoi rapporti sentimentali sono di fondamentale importanza, non tollera il passeggero e l’incerto. Non va alla ricerca dell’avventura che, il giorno seguente, considererebbe una “stupidaggine”. Una volta trovata l’anima gemella, quindi, la scelta è definitiva, anche perché detesta i cambiamenti e ha paura delle novità. La famiglia è pertanto il fulcro della sua esistenza, poiché soddisfa il suo bisogno di sicurezza.

Lavoro

Il Toro è un buon amministratore, sia che si occupi dei suoi affari, sia che lavori alle dipendenze altrui. Egli giunge al successo lentamente ma con sicurezza ed eccelle in professioni come quella di banchiere, consulente finanziario, impresario edile, commerciante, venditore e, grazie al suo amore per la terra, sarà anche un bravo agricoltore. Le sue qualità artistiche, inoltre, lo indirizzano verso il teatro, il cinema, la pittura e il bel canto, non è raro trovare negli appartenenti a questo segno, infatti, ottimi cantanti. Come collaboratore è insostituibile e, se lavora alle dipendenze, risulta essere un collaboratore veramente affidabile. Svolge qualsiasi professione con grande senso di responsabilità e chiarezza, e vuole sempre vedere dei risultati concreti nel suo operare. Se si facesse una statistica degli assenteisti, sicuramente fra i Toro non ce ne sarebbe neppure uno.

Salute

Le parti del corpo collegate al segno del Toro sono: l’area della gola, l’arco dentario inferiore, il sistema muscolare del collo, le prime vie respiratorie, le vertebre dell’area superiore, e l’area bronchiale superiore. Ne deriva che le patologie che accusa più di frequente comprendono tracheiti, faringiti, tonsilliti, disturbi alle corde vocali, artrosi cervicale, cattivo funzionamento della tiroide. Il suo sale cellulare è il solfato di sodio che regola la ritenzione d’acqua nell’organismo. Il Toro è un flemmatico e sa perfettamente che per star bene, ha bisogno di vivere evitando accuratamente qualunque tipo di eccessi, ecco perché arriva spesso fino a tarda età e senza troppi malanni.

I DOODLE DI GOOGLE: Il pittore cinese Zhang Daqian

Nella pittura cinese del Novecento Zhang Daqian rappresenta un esponente di rilievo e le sue opere conservano un valore inestimabile nel mercato dell’arte internazionale. Costretto a lasciare il suo paese per il clima repressivo della Repubblica socialista del 1949, l’artista viaggiò prima attraverso il Sud America e poi in Europa, in particolare a Parigi dove incontrò Pablo Picasso nel 1956. La sua raffinata abilità pittorica si espresse in mirabili imitazioni dei grandi maestri cinesi. Gran parte della sua produzione è attualmente esposta al National Palace Museum di Taipei City (Taiwan), mentre le sue opere hanno ottenuto dalle vendite all’asta un fatturato maggiore di quello di Picasso. Nel 2011, in concomitanza con il 112° della nascita del pittore, Google gli ha dedicato un doodle locale (visibile in Cina, Taiwan ed Hong Kong), che ricorda uno dei suoi dipinti più noti, legato al fiore di loto.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment