Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Sabato 13 Luglio 2019

Ventottesima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: 194 * Giorni rimanenti alla fine dell’anno 171

A Roma il sole sorge alle 04.47 e tramonta alle 19.44 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 04.42 e tramonta alle 19.17 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Sant’Errico  

ACCADDE OGGI: 1814 – Nasce il corpo dei Carabinieri:

Abito turchino in panno di lana, chiuso da una fila di bottoni bianchi, stivali neri e cappello alto a due punte, con la coccarda azzurra dei Savoia sul davanti. Era l’uniforme dei Carabinieri Reali, corpo istituito a Torino, nel 1814, dal re di Sardegna Vittorio Emanuele I, attraverso le Regie Patenti.

Sia nell’abbigliamento, che nella funzione assegnata, richiamavano la gendarmeria francese: armati con l’inseparabile carabina e la spada, svolgevano infatti compiti civili, di controllo dell’ordine pubblico, e militari, nella difesa della patria e come polizia militare.

Protagonisti nelle guerre risorgimentali, i Carabinieri divennero un’arma dell’esercito l’8 maggio 1861, affiancandosi alle altre sezioni (fanteria, artiglieria, cavalleria) e attestandosi nel tempo come l’Arma per antonomasia. Fino alla Prima guerra mondiale venne adottato come motto «Usi obbedir tacendo e tacendo morir» (tratto dal poema La Rassegna di Novara di Costantino Nigra), sostituito nel 1914 da «Nei secoli fedele», ideato dal capitano Cenisio Fusi, in occasione del primo centenario del corpo.

Altra data storica è il 5 giugno 1920, quando la Bandiera dei Carabinieri fu insignita della prima Medaglia d’oro al Valor Militare, in riconoscimento al contributo offerto nel corso della Prima guerra mondiale. In ricordo di quel giorno si tiene, annualmente, la Festa dell’Arma

EVENTO SPORTIVO: 1985 – Primo atleta a saltare con l’asta oltre i sei metri:

In molte discipline sportive, come ad esempio l’atletica leggera o il nuoto, nella progressione dei primati si creano dei limiti che sembrano insuperabili.

Nel 1985 a Parigi, Serhij Bubka, campione olimpico e mondiale, è il primo atleta a superare la barriera dei 6 metri nel salto con l’asta. Fino al 31 luglio 1994 migliora 12 volte il suo record fino ad arrivare a 6,14 m., stabilito nel comune di Sestriere, in provincia di Torino.

NACQUERO OGGI:

1971 – Luca Bizzarri – attore

1974 – Jarno Trulli – ex corridore F/1

LA FRASE CELEBRE:

La musica è il linguaggio universale dell’umanità. (Henry Wadsworth Longfellow)

IL PROVERBIO:

Donne e oche tienne poche

IL SEGNO ZODIACALE: CANCRO – Dal 22/06 al 22/07

Personalità:

Enigmatico ed affascinante, ipersensibile ed intuitivo tende a vivere nel sogno più che nella realtà. Per mostrare il suo vero volto ha bisogno di sentirsi apprezzato, amato, accettato, altrimenti si protegge rinchiudendosi nel suo guscio e diventando impenetrabile e indifferente ai clamori del mondo

Amore:

La natura sentimentale del Cancro è molto sensibile ma riservata, difficilmente rivela le sue emozioni, per una sorta di timidezza innata che spesso è causa di malintesi. L’amore è per lui una cosa seria, da non prendere alla leggera, e quando ama lo fa in modo tenero, affettuoso; è devoto al partner, pieno di premure, ed incline alla gelosia.

Lavoro:

Qualunque sia la sua professione, deve essere svolta in un ambiente consono alle sue esigenze interiori, solo così può dare il meglio di sé e promuovere buone relazioni con gli altri. In caso contrario si rinchiude nel suo guscio e non trova soddisfazione in ciò che fa.

Salute:

Emotivo com’è, la sua salute s’indebolisce facilmente se si allontana dalle sue abitudini, inoltre tende a somatizzare a livello gastrico ogni sua tensione. Il segno governa infatti lo stomaco, il duodeno, il seno, la muscolatura addominale e le mucose interne.

I DOODLE DI GOOGLE: George Gilbert Scott:

Svetta con le sue guglie e il rosso medievale della facciata nella parte nord di Londra. È la stazione ferroviaria di San Pancrazio, una delle più belle d’Europa e conosciuta dai più piccoli per la collegata stazione di King’s Cross, utilizzata dal maghetto Harry Potter per raggiungere Hogwarts.

In essa si riassume la straordinaria carriera di architetto dell’inglese George Gilbert Scott, tra i massimi esponenti di quello stile neogotico, che fu l’impronta identitaria della gloriosa età vittoriana. È ricordato come uno degli architetti britannici più prolifici della storia (oltre 800 edifici), progettò tra gli altri la Chiesa di San Nicola ad Amburgo (considerato all’epoca l’edificio più alto del mondo) e la Cattedrale di Santa Maria per l’Università di Glasgow.

In occasione del bicentenario della nascita, ricorso nel 2011, Google gli ha dedicato un doodle locale (visibile nel Regno Unito), che richiama la stazione di San Pancrazio.

Condividi con:
Valuta articolo

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment