Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Sabato 10 Agosto  e Domenica 11 Agosto 2019

Trentaduesima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: sabato 222/domenica 223 – Giorni alla fine dell’anno sabato 143/ domenica 142

Sabato Il sole sorge a Roma 5.14 e tramonta alle 19.17 (ora solare)

Domenica Il sole sorge a Roma 5.15 e tramonta alle 19.16 (ora solare)

Sabato Il sole sorge a Lecce 5.09 e tramonta alle 18.52 (ora solare)

Domenica Il sole sorge a Lecce 5.10 e tramonta alle 18.51 (ora solare)

OGGI 10 Agosto – SI FESTEGGIA – San Lorenzo  

DOMANI 11 Agosto – SI FESTEGGIA –  Santa Chiara   

ACCADDE OGGI:

10 Agosto 1793 – Apre il Louvre:

In una Parigi uscita dagli orrori della Rivoluzione Francese e sulla soglia di quello che la storia ricorderà come il Regime del Terrore, apre al pubblico il “Muséum central des Arts”, oggi conosciuto come Museo del Louvre dal nome del palazzo preesistente all’edificio rinascimentale.

Si tratta di uno splendido edificio costruito in epoche diverse a partire da Francesco I e fino a Luigi XIV, dove vengono raccolte le opere dei grandi maestri italiani del Rinascimento e dell’età barocca, come Raffaello, Michelangelo, Tiziano e Caravaggio. Da Versailles, effetto della Rivoluzione, arriva il celebre quadro della Gioconda di Leonardo da Vinci. 

Incerta l’origine del nome Louvre: tra le varie tesi, quella di La Potter, secondo cui il Re Filippo II definì la costruzione L’Œuvre (in francese “il capolavoro”), perché era il palazzo più grande della città nel XII secolo.

La già ricca collezione crescerà ulteriormente (sculture in primis) durante il dominio napoleonico, con la direzione del museo affidata allo storico dell’arte Vivant Denon, un precursore della museologia. Nello stesso periodo l’edificio viene ampliato con la costruzione del cosiddetto “nuovo Louvre”.

Nel 1989, nel cortile centrale del museo sarà inaugurata una piramide di vetro disegnata da Ieoh Ming Pei, destinata a fungere da ingresso principale alla struttura.

Con le sue 35mila opere in esposizione permanente, distribuite su 60.600 m², il Louvre è tra i musei più importanti al mondo, sicuramente il più visitato in assoluto. Gli 11.900 dipinti che conserva rappresentano la seconda più grande collezione di arte pittorica del mondo, dopo quella del Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo

11 agosto 1934 – Apre la prigione di Alcatraz:

C’è un’isola nella baia di San Francisco che, per circa un trentennio, ha rappresentato nell’immaginario collettivo un “luogo del non ritorno”, da dove era umanamente impossibile fuggire… tranne che per pochi irriducibili entrati nella storia, anche grazie al cinema. È l’isola di Alcatraz!

Chiamata così dai colonizzatori spagnoli, con riferimento alla folta presenza di sule (specie di uccelli, indicati con il termine spagnolo “alcatraz”), venne utilizzata dalla seconda metà del XIX secolo per scopi militari, dapprima come fortezza e dal 1933 come prigione militare.

L’anno successivo, “The Rock” (uno dei suoi soprannomi, riferito al profilo prevalentemente roccioso) venne trasformata in carcere di massima sicurezza, destinato ad ospitare quei detenuti che gli altri penitenziari statunitensi non riuscivano a gestire, in parole povere i criminali più pericolosi! Alle 9:40 dell’11 agosto 1934 sbarcarono i primi 137 “inquilini”, la maggior parte dei quali erano rapinatori seriali, assassini o stupratori.
Tra i numerosi tentativi di fuga, quasi tutti finiti tragicamente per gli evasi, rimase celebre quello dell’11 giugno 1962. In quell’occasione Frank Morris e i fratelli Anglin si crearono un varco nelle mura della cella, scavando per mesi con un semplice cucchiaio da cucina, e attraverso il condotto dell’aria raggiunsero la spiaggia, da cui salparono con una zattera alla volta di San Francisco. L’episodio ispirò nel 1979 il famoso film Fuga da Alcatraz, con Clint Eastwood.

Gli eccessivi costi per mantenere la prigione di Alcatraz spinsero il Governo a chiuderla nel 1963. Oggi è uno dei punti di maggior attrazione turistica.

EVENTO SPORTIVO:

10 agosto 2010 – Oro per Tania:

Agli Europei di Nuoto 2010 di Budapest, Tania Cagnotto conquista la medaglia d’oro nei tuffi dal trampolino da 1 metro, gara alla quale hanno partecipato 27 atlete. Completano il podio una svedese, classificatasi prima nelle qualifiche, e una russa. 

La campionessa italiana non si ripete quattro giorni dopo nel trampolino da 3 metri, perché conquista solo il sesto posto, pur avendo chiuso in vetta le qualifiche. Chiuderà però la competizione continentale con l’oro nel tuffo sincro dal trampolino da 3 metri, in coppia con Francesca Dallapé.

11 agosto 2008 – La Vezzali nella storia:

Ai Giochi Olimpici di Pechino 2008, la schermitrice Valentina Vezzali conquista l’oro nella gara di fioretto individuale (mentre Margherita Granbassi vince il bronzo). È la terza vittoria olimpica consecutiva, avendo vinto anche nel 2000 e nel 2004, mentre è seconda ad Atlanta 1996. 

Alle Olimpiadi di Londra 2012, durante le quali è la portabandiera azzurra, vince anche un bronzo, completando un podio tutto azzurro, con l’oro di Elisa Di Francisca e l’argento di Arianna Errigo.

Ma nel suo medagliere olimpico, che contiene nove medaglie, ci sono altri tre ori (1996, 2000 e 2012) e un bronzo (2008) conquistati nelle gare a squadre di fioretto.

NACQUERO OGGI:

10 agosto

1960 – Antonio Banderas – attore

1965 – Lorella Cuccarini – show girl 

1973 – Javier Zanetti – dirigente sportivo  

11 agosto

1961 – Maria Teresa Meli – giornalista/politologa

1967 – Massimiliano Allegri – allenatore calcio  

LA FRASE CELEBRE:

Rivelare l’arte e nascondere l’artista è il fine dell’arte. (O. Wilde)

IL PROVERBIO:

Val più la pratica che la grammatica

IL SEGNO ZODIACALE: LEONE – Dal 23/07 al 22/08

Il pianeta dominante è il Sole, l’elemento è il fuoco e la qualità è fissa

Il Sole è nel segno approssimativamente tra il 23 Luglio e il 22 Agosto.

Colore da portare: il giallo oro.

Metallo: l’Oro, simbolo del sapere, che dà coraggio e vitalità

Pietra Portafortuna: ambra. La pietra del Leone è l’ambra, nota per la capacità di inglobare al suo interno resti di animali e vegetali. Le sue virtù sono quelle di stimolare i rapporti interpersonali e favorire il successo personale. Ha proprietà calmanti e antidepressive, combatte le allergie e stimola il sistema endocrino, la milza e il cuore.

Giorno favorevole: la Domenica, il giorno del Sole.

Il simbolo grafico che rappresenta il segno zodiacale del Leone raffigura in modo stilizzato la coda dell’animale, segno di forza e potenza, ostentazione e orgoglio.

Mitologia:

La mitologia attribuisce al Leone numerose leggende, considerando che la sua immagine viene accostata spesso a quella del sole, raggiante e potente come esso. Il Sole è in senso lato l’incarnazione di Dio, ma anche la superiorità dell’eroe. I Greci posizionarono questo segno nella quinta costellazione dello Zodiaco, dove l’animale era Nemea, leone affrontato e ucciso da Ercole nella sua prima prova

Caratteristiche dei Leone:

Il Leone è il segno del potere. Denota volontà e determinazione unite a gentilezza. Questo segno ha un ego fortemente pronunciato che tende ad eccellere in ogni circostanza. I nativi del segno infondono un senso di fiducia e possono rivelarsi grandi “cacciatori” del sesso opposto. Essi sono dei dirigenti nati, ma non amano vincere con troppa facilità in quanto preferiscono la conquista. Sono consapevoli del proprio valore ed amano essere apprezzati, il che li rende altamente suscettibili all’adulazione. Amano spaziare, sono ottimi organizzatori, ma prediligono il fatto che siano gli altri a svolgere il lavoro meno importante.

Poiché il Leone governa il cuore, i nativi di questo segno sono soggetti a disturbi cardiaci quando invecchiano. Possono inoltre dimenticare che il corpo tende ad indebolirsi, e questo può provocare un aumento della pressione sanguigna. Sotto il profilo psicologico gli individui nati sotto il segno del Leone sono orgogliosi, coraggiosi, prepotenti. Sono per istinto, ma non necessariamente nella realtà, dei capi. Tendono a comportarsi come tali, questo è degno di nota, anche quando non presentano le caratteristiche dei capi. Tendono a comportarsi come tali, questo è degno di nota, anche quando non presentano le caratteristiche dei capi. In alcuni casi sono dotati di un carisma particolare che li rende leader più facilmente degli altri, ma qualora manchino caratteristiche particolari del genere, rimane la presunzione, la velleità del comando, che molte volte, se svuotata della sua sostanza, diventa estremamente ridicola. Esteriorizzazione, ambizione, autorità, vitalità, fierezza, lealtà e magnanimità sono le sue caratteristiche di base. Tutte queste sono caratteristiche che riguardano solo la vita terrena ed hanno tutte un denominatore comune: la volontà, intesa nel senso più completo del termine. La stessa volontà, se negativizzata, porta a passione, facilità alla collera, orgoglio, tirannia, ricerca della gloria a tutti i costi, la tendenza a drammatizzare, anche a recitare (nella vita). Ciò che quasi stupisce nei nati sotto il segno del Leone è la straordinaria sicurezza di sé.

C’è in questo segno anche una tendenza allo sprezzo della volontà altrui, in questi casi l’autorità si tramuta in sete di potere o tendenza alla prevaricazione. La magnanimità è una grande qualità del segno. La combattività poi si esplica in due modi: uno umano (tendenza a combattere d’istinto), ed uno sovrumano (la vittoria sulle prove, l’espansione dell’ego a favore dell’umanità tutta). Il Leone, inoltre, è il segno dell’educazione, dei bambini, della gloria, della celebrità artistica.

I DOODLE DI GOOGLE:

10 agosto

Festa dell’Indipendenza dell’Ecuador: Negli ultimi tre anni, nelle pagine locali Google ha sempre celebrato la Festa dell’Indipendenza dell’Ecuador con un doodle diverso. Da colonia spagnola, l’Ecuador inizia il proprio percorso per l’indipendenza il 10 agosto del 1809, giorno diventato noto come “el Primer Grito de la Independencia” (“il primo grido di indipendenza”).

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment