Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Martedì 21 Gennaio 2020

Quarta settimana dell’anno 2020

Giorni dall’inizio dell’anno: 21 * giorni alla fine dell’anno 345

Il sole sorge a Roma 7.32 e tramonta alle 17.10 (ora solare)

Il sole sorge a Lecce 7.03 e tramonta alle 16.57 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Sant’Agnese

ACCADDE OGGI: 1951 – Arriva il 13 al Totocalcio: 

«Quote più elevate nei concorsi popolari. La scheda a 13 vi porterà fortuna!» Con questo messaggio accattivante, agli amanti della storica schedina viene annunciato che da domenica 21 gennaio, se vorranno portarsi a casa l’intero montepremi, dovranno indovinare tredici risultati e non più dodici. Una piccola grande rivoluzione nel mondo dei pronostici e della lingua italiana, destinata a durare oltre mezzo secolo.

Ideata nel 1946 dal giornalista sportivo Massimo Della Pergola e ribattezzata due anni dopo (con la gestione diretta del CONI) Totocalcio, la schedina entra subito nel cuore di migliaia di italiani, che al bar e nelle case si ritrovano a rispettare un rito di speranzosa attesa della domenica calcistica. I loro sogni di riscatto sociale e di una vita migliore sono legati a un numero: il 12.

Tante le partite elencate su quel foglietto rettangolare, di cui bisogna azzeccare l’esito finale. Impresa non facile visto che, statistiche alla mano, parliamo di una possibilità su 531.441. Ciononostante, non pochi sul finire del weekend si trovano a gridare «Ho vinto!», per aver centrato dodici o undici risultati. Per questo le quote sono spesso popolari e a cinque anni dal lancio del gioco gli organizzatori pensano a una modifica.

Si arriva alla prima giornata del girone di ritorno del campionato di serie A 1950/51, in cui fa la sua comparsa la nuova griglia a 13 partite. Le regole restano immutate, tranne che da adesso si vince con il 13 e con il 12. Le probabilità di ottenere la vincita massima salgono a 1 su 1.594.323 ma subiscono una decisa impennata anche le quote. L’anno dopo viene introdotta la seconda colonna che dà alla schedina il formato storico, al costo minimo di 100 lire a colonna.

Da qui in poi il numero dei giocatori e delle giocate cresce vertiginosamente e si registrano le prime vincite multimilionarie: i primi a superare i 100 milioni di lire sono Renzo Rinferi di Prato e Luigi Piacenza di Savona, che si aggiudicano, ognuno, un “13” da 104 milioni. A loro, e a tanti dopo di loro, il Totocalcio sconvolge l’esistenza e da quel momento «fare 13» entra nella lingua italiana, quale sinonimo di una strepitosa fortuna ricevuta dal destino o del conseguimento del più alto profitto tratto da un’impresa.

Verso la fine degli anni Novanta il primato del Totocalcio inizia a scricchiolare, dapprima per la comparsa di altri concorsi legati al mondo del calcio (quali Totogol, Totosei e Totobingol, questi ultimi due soppressi dal 2003); in seguito per la legalizzazione (dal 1998) delle scommesse sportive. Il mito del “13” resiste per sessant’anni, tramontando definitivamente nell’agosto 2003 quando sulla schedina debutta il “Tredicissimo”, alias il quattordicesimo risultato.

EVENTO SPORTIVO: 1911 – Primo Rally di Montecarlo:

Nel Principato di Monaco, per volontà del regnante Alberto I, si è corso il primo Rally di Montecarlo.
Da allora è il più importante e noto rally, corso sempre a gennaio, quando le condizioni meteo non sono spesso ottimali, particolare che mette a dura prova le autovetture.

Nel 2012 il rally arriva all’ottantesima edizione, vinta dal francese Sébastien Loeb, con il co-pilota monegasco Daniel Elena, alla guida di una Citroën DS3 WRC. Dal 19 al 22 gennaio 2017 si corre per l’ottantacinquesima volta.

NACQUERO OGGI:

1905 – Christian Dior – stilista

1944 – Uto Ughi – violinista   

1947 – Giuseppe Savoldi – ex calciatore   

1970 – Alen Boksic – ex calciatore

LA FRASE CELEBRE:

La diplomazia consiste nel fare la cosa peggiore nel modo migliore. (Isaac Goldberg)

IL PROVERBIO:

Sant’Agnese, il freddo è per le siepi

I DOODLE DI GOOGLE: Festa dei Nonni in Polonia:

Fiori, disegni e tante sorprese. Sono alcuni dei regali che i nonni polacchi ricevono dai loro nipoti, in occasione della Festa che si tiene in due giorni consecutivi: il 21 è dedicato alle nonne, il 22 ai nonni. Google ha dato spazio alla ricorrenza con quattro doodle locali (visibili in Polonia) pubblicati dal 2009 al 2012. In Italia c’è un’unica festa che cade il 2 ottobre, in coincidenza della celebrazione cattolica degli angeli custodi. Il primo ottobre, invece, si festeggia la Giornata internazionale delle persone anziane (o nonni), istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment