Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO Almanacco di Venerdì’ 22 Marzo 2019

ALMANACCO DEL GIORNO Almanacco di Venerdì’ 22 Marzo 2019

ALMANACCO DEL GIORNO Almanacco di Venerdì’ 22 Marzo 2019

Almanacco di Venerdì’ 22 Marzo 2019 

Dodicesima settimana dell’anno

Giorni dall’inizio dell’anno: 81 * Giorni rimanenti alla fine dell’anno 284

A Roma il sole sorge alle 06.10 e tramonta alle 18.24 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 06.02 e tramonta alle 18.04 (ora solare)

OGGI SI FESTEGGIA: Santa Lea       

NACQUERO OGGI:

1921 – Nino Manfredi – attore

1943 – George Benson – chitarrista jazz

1967 – Mario Cipollini – ex corridore ciclista campione del mondo nel 2002

LA FRASE CELEBRE

La libertà d’amare non è meno sacra della libertà di pensare. Ciò che oggi si chiama adulterio, un tempo si chiamava eresia (Victor Hugo)

IL PROVERBIO:

Marzo ha comprata la pelliccia a sua madre, e tre giorni dopo l’ha venduta

IL SEGNO ZODIACALE: ARIETE – Dal 21/03 al 20/04

Personalità:

Intrepido e fiero, la sua è una personalità attiva e dinamica. Spinge sempre a fondo l’acceleratore sia che si tratti della sua auto, di un progetto, della realizzazione di un’impresa o di qualsiasi altra cosa, l’importante per lui è arrivare primo. La sua natura irrequieta è portata ad ogni genere di attività, anche se talvolta dovrebbe evitare tutte quelle imprese eccessivamente rischiose o azzardate.

Amore:

Un incontro, un gesto talvolta perfino uno sguardo sono sufficienti a fargli andare il cuore in gola e allora proietterà nei sentimenti la parte migliore di sé. I suoi amori sono una serie di colpi di fulmine, di rotture e di riconciliazioni. I suoi sentimenti esplodono all’improvviso e incendiano tutto quello che incontrano. Seduce con passione e, se qualcuno gli oppone resistenza, è capace di qualsiasi prodezza per conquistarlo.

Lavoro:

Ad uno come lui a cui piace comandare, un lavoro da subalterno va decisamente stretto. L’Ariete è un capo e, come tale, è nato per dirigere, che sia poi un’azienda o un reggimento non fa grande differenza, l’importante è dare ordini, ed i suoi devono essere rispettati, altrimenti va su tutte le furie. Se non sarà capitano d’industria o generale d’armata, comunque, potrà scegliere di fare il libero professionista o qualsiasi altro lavoro in cui siano necessarie prontezza di spirito e intraprendenza. È inutile che tenti la strada dell’impiego fisso, le occupazioni noiose e programmate non fanno per lui, la sua abilità gli permette invece d’inventarsi i lavori dal nulla, perché è originale, ha grinta e coraggio da vendere.

Salute:

Le parti del corpo collegate al suo segno sono: l’area della masticazione (specie l’arco dentario superiore), il sistema visivo, olfattivo, uditivo, l’area cervicale e facciale. Le sue patologie riguardano pertanto queste zone, e non è raro, ad esempio, sentirlo lamentarsi di emicranie, nevralgie o sinusiti. I suoi frequenti mal di testa sono in gran parte dovuti ad un’eccessiva tensione nervosa, legata alla sua aggressività e al suo mirare continuamente verso nuovi obiettivi.

I DOODLE DI GOOGLE: Sabiha Gökçen:

sabiha

Nella storia dell’aviazione mondiale c’è un volto femminile che rappresenta l’orgoglio di un popolo intero. Sabiha Gökçen, per i suoi connazionali, non rappresenta soltanto la prima aviatrice turca ma anche la prima donna pilota da combattimento del mondo.

La sua è una storia romantica che incrocia la nascita del mito di Mustafa Kemal Atatürk, fondatore della Repubblica turca e oggi considerato eroe nazionale. L’incontro con quest’ultimo le cambiò per sempre la vita: Atatürk l’adottò quando ancora era bambina, consentendole di studiare in un collegio (cosa che non poteva permettersi la sua famiglia di umili origini). Sempre lui le diede il nuovo cognome di Gökçen, traducibile con “appartenente al cielo”, proiettandola verso un destino già scritto che iniziò a compiersi pochi mesi più tardi.

Nel 1936 entrò a far parte dell’Accademia aeronautica turca e l’anno dopo prese parte alle prime operazioni militari. Scomparsa nel 2001, Google l’ha ricordata otto anni dopo, nel 96° anniversario della nascita, con un doodle locale (visibile in Turchia).

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment