Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaAMMINISTRATIVE 2017: SALVEMINI FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

AMMINISTRATIVE 2017: SALVEMINI FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

AMMINISTRATIVE 2017: SALVEMINI FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Le definisce “cronache marziane” quelle che riguardano il Pd salentino e leccese in questi giorni, in piena fase di preparazione del percorso delle prossime amministrazione: Carlo Salvemini “racconta” in un post su Facebook tutte le proprie perplessità sulle ultime vicende che tormentano il centrosinistra locale.

Scrive Salvemini: “Il segretario nazionale del Pd e presidente del Consiglio – nel cui governo siede un viceministro di Lecce – elogia pubblicamente il buon governo della città indifferente e ignorante delle battaglie politiche condotte negli ultimi 20 anni dal suo partito e dalla stessa Teresa Bellanova (il lungo ciclo Poli Perrone). Come dire: cari compagni non avete capito niente, mentre io che nella vostra città mi sono trattenuto poche ore negli ultimi quattro anni si”.

Poi Salvemini parla di Sergio Blasi: “Il consigliere regionale più suffragato del Pd decide – pur vivendo e risiedendo da sempre nella sua Melpignano – che può diventare sindaco della città senza l’appoggio del Pd leccese, del suo gruppo consiliare, della segreteria provinciale; come dire: voi non contate niente, non servite a niente ed io – che conosco Lecce non meglio degli oltre 700.000 salentini che vivono negli altri 96 comuni della provincia – posso vincere lì dove il centro sinistra cittadino perde da venti anni con candidati espressi dal mio stesso partito (Alberto Maritati, Antonio Rotundo, Loredana Capone)”.

Infine, una stoccata anche al partito del premier: “Il Pd provinciale verifica la disponibilità di Dario Stefàno a candidarsi sindaco invitandolo ad accettare le primarie contro Sergio Blasi; come dire: tu che non sei del Pd sei il nostro candidato e ti sosteniamo per battere un dirigente del Pd”.

“Sarò limitato – conclude -, ma io non ci capisco niente”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment