Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaARPAL. LEGA PUGLIA: EMILIANO PRENDA ATTO DEL FALLIMENTO DELLA SUA GESTIONE 

ARPAL. LEGA PUGLIA: EMILIANO PRENDA ATTO DEL FALLIMENTO DELLA SUA GESTIONE 

ARPAL. LEGA PUGLIA: EMILIANO PRENDA ATTO DEL FALLIMENTO DELLA SUA GESTIONE 

“Il presidente Emiliano venga in Consiglio regionale e prenda atto del fallimento della sua amministrazione regionale sotto il profilo gestionale e quindi politico. Speriamo che anche la vicenda dell’Arpal non sia sfuggita all’attenzione del governatore. Se così fosse, gli consigliamo, dopo aver letto la stampa di oggi, di chiederne conto e riferire al Consiglio regionale. Potrebbe essere tutto regolare, ma certamente la politica e le istituzioni devono quanto meno interrogarsi e dare delle risposte ai cittadini che fanno regolari concorsi e credono ancora nella correttezza delle procedure di accesso. Le uniche assunzioni che servono in questo momento, in attesa di fare luce su quelle sospette di parenti e amici del centrosinistra, sono quelle di responsabilità del presidente Emiliano e di chi lo sostiene. Noi siamo e restiamo garantisti, anche di fronte a giustificazioni che offendono la nostra intelligenza, e ci limitiamo a giudicare politicamente quanto sta emergendo. C’è un chiaro corto circuito, una questione morale che va affrontata in Puglia, specie dopo il caso di Lerario, e siamo convinti che il primo passo debba andare nella direzione che auspichiamo da tempo: potenziare un sistema di controlli e di verifica dell’attività che sia in grado di garantire legalità e trasparenza all’interno della pubblica amministrazione. Sembra poco, ma evidentemente le resistenze di chi ha una vecchia concezione clientelare della politica sono ancora tante”. Lo dichiarano il senatore Roberto Marti, segretario regionale della Lega in Puglia, il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Davide Bellomo, e i consiglieri regionali Giacomo Conserva, Gianfranco De Blasi e Joseph Splendido.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment