Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàAZIENDA SALENTINA OPERANTE NEL SETTORE DELLA SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE SEQUESTRATA PERCHE’ NELLE MANI DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

AZIENDA SALENTINA OPERANTE NEL SETTORE DELLA SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE SEQUESTRATA PERCHE’ NELLE MANI DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

AZIENDA SALENTINA OPERANTE NEL SETTORE DELLA SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE SEQUESTRATA PERCHE’ NELLE MANI DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Nel corso della mattinata, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Lecce, coordinati dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, sono impegnati in un’operazione antimafia nella provincia di Lecce, in esecuzione di un decreto di sequestro, ai sensi del Codice Antimafia, richiesto dai magistrati della D.D.A. salentina ed emesso dalla Prima Sezione Penale del Tribunale di Lecce, a carico di una persona ritenuta socialmente pericolosa, dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Le indagini, condotte dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Lecce, hanno dimostrato la riconducibilità ad un soggetto di nazionalità albanese, pressoché privo di reddito, di un’attività commerciale per la somministrazione di bevande sita in un Comune del basso Salento.

Infatti, il nucleo familiare è stato interessato nel tempo da un flusso di denaro (basti pensare alle spese relative all’avviamento dell’attività economica: costituzione, notaio, strumenti, materiali, locazioni), che non trova alcuna corrispondenza nei redditi dichiarati, neppure sufficienti al proprio sostentamento personale e che, pertanto, non può trovare altra giustificazione, se non come risultato di un’attività di reimpiego dei proventi dell’attività criminale, svolta abitualmente dall’albanese.

Significativo in tal senso è stato il risultato di una perquisizione eseguita dai finanzieri del G.I.C.O., ove all’interno della medesima attività commerciale sono stati rinvenuti oltre 90.000,00 euro in contanti, somma evidentemente non riconducibile all’attività di somministrazione di cibo e bevande.

Il Tribunale di Lecce, in considerazione del fatto che i beni costituiscono il prodotto delle attività illecite poste in essere dal soggetto albanese nel corso degli anni, valutata la palese “sproporzione” tra le risorse reddituali (sue e dei suoi congiunti) ed il compendio patrimoniale ed accertato il suo continuo coinvolgimento in attività illecite produttive di reddito, ha disposto il sequestro di 2 conti correnti bancari e dell’attività commerciale, il cui valore complessivo è stato stimato in oltre 250.000,00 euro.

Tale misura ablativa viene effettuata ai sensi dell’art. 20 del D.Lgs. 159/2011 (Codice Antimafia) che prevede il sequestro, finalizzato alla confisca, dei beni riconducibili a quei soggetti caratterizzati da un’alta pericolosità sociale poiché ritenuti vicini ad ambienti malavitosi.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment