Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàBANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE PER IL RIUTILIZZO SOCIALE DEI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE

BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE PER IL RIUTILIZZO SOCIALE DEI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE

BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE PER IL RIUTILIZZO SOCIALE DEI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE

camera comercio lecce

La Camera di Commercio di Lecce, nell’ambito del progetto “La gestione e la valorizzazione dei beni e delle aziende confiscate” promosso da Unioncamere nazionale in collaborazione con l’Associazione Libera, al fine di accrescere le opportunità di inserimento dei giovani nel mondo del lavoro stimolandoli all’autoimprenditorialità, promuove una raccolta di proposte per il riutilizzo sociale dei beni confiscati in via definitiva alle mafie, che nella provincia di Lecce sono numerosi, secondo i dati dell’Agenzia Nazionale,

Allo scopo,

la Camera di commercio di Lecce,

INVITA

gli Istituti Superiori  della Provincia di Lecce, avvalendosi di gruppi omogenei di studenti delle classi terze e quarte,  a presentare proposte sulle possibili modalità di utilizzo sociale dei beni confiscati che, superando la dicotomia fra insegnamento teorico e pratico, attraverso la simulazione di impresa sociale, portino alla concretizzazione di un’IDEA IMPRENDITORIALE avente per oggetto la produzione e lo scambio di beni e servizi di utilità sociale su alcuni beni confiscati insistenti nel territorio Salentino.

I beni confiscati presenti sul territorio provinciale consistono generalmente in appartamenti, terreni, villette, depositi e capannoni industriali.

Le proposte potranno riferirsi ad un bene e le fasi progettuali da seguire sono:

Individuazione di beni e confiscati in via definitiva alle mafie.*

Sviluppare la Business Idea supportata dall’analisi di fattibilità che individua punti di forza e di debolezza, opportunità e rischi.

Elaborazione del Business Plan che sintetizza i contenuti e le caratteristiche del progetto imprenditoriale.

L’attività svolta nell’elaborazione del progetto potrà essere valutata ai fini dell’Alternanza Scuola Lavoro secondo modalità da concordare.

La proposta, da elaborare durante l’anno scolastico 2017/2018,  dovrà essere presentata entro il 18 maggio 2018 a mezzo pec all’indirizzo cciaa@le.legalmail.camcom.it, utilizzando il modulo di candidatura allegato e ad essa potranno essere allegati anche disegni, foto video aventi dimensione massima di 20 MB per ciascuna mail.

La commissione di valutazione, nominata dalla Camera di Commercio, individuerà le proposte ritenute più innovative, intuitive e realistiche, che verranno presentate, preferibilmente a cura dello stesso partecipante, in una giornata dedicata alla presenza delle Autorità costituite, dei Sindaci dei Comuni della provincia, delle Associazioni di categoria e delle imprese.

Sarà stilata una graduatoria delle proposte pervenute, ed alle prime 3 classificate, sarà assegnato un “contributo premio” all’Istituto Scolastico finalizzato ad iniziative di carattere formativo in materia di beni confiscati alle mafie, quali una visita aziendale al Caseificio “Le terre di don Peppe Diana” di Castel Volturno (Caserta) oppure  una visita alla sede di Reggio Calabria dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata o attività similari.

Le proposte saranno pubblicate tempestivamente sul portale istituzionale www.le.camcom.gov.it

L’attività svolta sarà, inoltre, diffusa  sul portale di Unioncamere all’indirizzo www.forumlegalita.it , dove verranno pubblicati anche i progetti elaborati unitamente ai nomi degli Istituti Scolastici e degli studenti. La partecipazione al bando comporta l’accettazione della pubblicazione dei progetti, unitamente al nome degli Istituti Scolastici e degli studenti, sul portale di Unioncamere all’indirizzo www.forumlegalita.it  e del possibile utilizzo gratuito delle proposte inviate anche ai fini divulgativi, di studio o di altri usi in linea con le finalità istituzionali da parte dell’Ente e di Unioncamere.

*In questa fase ci si può avvalere del contributo del Comitato Tecnico del Bando al fine di reperire eventuali necessarie informazioni sui beni confiscati scrivendo all’indirizzo pec cciaa@le.legalmail.camcom.it e p.c. mariarosaria.zacheo@le.camcom.it

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment