Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportPER BARONI È STATO CREATO UN REPARTO DI SICURO AFFIDAMENTO: LA MEDIANA

PER BARONI È STATO CREATO UN REPARTO DI SICURO AFFIDAMENTO: LA MEDIANA

PER BARONI È STATO CREATO UN REPARTO DI SICURO AFFIDAMENTO: LA MEDIANA

Passano i giorni e la costante è che il Lecce cresce assuefacendosi sempre di più al gioco che Baroni vuole venga praticato. Costante impegno agonistico, pressing piuttosto alto, sacrificio da parte di tutti, queste le basi per poter poi arrivare ad ottenere i risultati che si vogliono.

Mentre Baroni lavora con gli uomini a disposizione, e tutti lo stanno facendo al meglio nell’intento di convincere il mister delle proprie capacità, Corvino prosegue il suo lavoro di paziente e tenace tessitore delle trattative in essere (Pizzini, Salva Ferrer, Palombi) con l’occhio attento a cogliere eventuali possibilità imprevedibili al momento.

Il Lecce come si sa è a corto sulla linea del difensore esterno di fascia destra e su questo Corvino è molto attivo ma c’è un settore del campo che tra vecchi e nuovi è presidiato in modo davvero deciso con un potenziale che credo poter definire tendente all’ottimo. Parlo del reparto di centrocampo, il famoso fulcro di ogni squadra, quel reparto dal cui buon funzionamento dipende gran parte quello degli altri due.

A centrocampo (Corvino ha definito questo ruolo come quello dei “tuttocampisti”) Baroni ha a disposizione ben nove uomini, vediamo insieme partendo da quelli già ben conosciuti.

Hjulmand, 22 anni danese, è arrivato a Lecce a gennaio imponendosi subito come play ma si disimpegna altrettanto bene come mezz’ala;

Henderson, 25 anni scozzese, prima stagione a Lecce ha giocato come mezz’ala, come mediano e da trequartista svolgendo il suo compito in maniera egregia, dimostrandosi abile negli inserimenti quanto nei suggerimenti vincenti per i compagni;

Bjorkengren 22 anni svedese, dopo una fase iniziale sotto tono si è imposto per le doti atletiche che gli hanno consentito di avere un rendimento costante quasi sino alla fine della stagione

Majer 28 anni sloveno, come per Bjorkengren maluccio all’inizio ma poi è cresciuto tanto da non poter più rinunciare a lui che era stato uno dei protagonisti della promozione in A con Liverani;

Mancosu 32 anni italiano; il Capitano del Lecce di cui è stato protagonista da quando è arrivato nel Salento prima in C poi in B, vincendo il campionato e poi in A. Prima da mezz’ala poi da trequartista (Liverani e Corini) ha spesso creato la differenza tra i giallorossi e gli avversari, abile negli inserimenti in area è bravo anche nel fornire assist ai compagni sta riadattandosi al ruolo di prima sotto la guida di Baroni;

a questi si aggiungono i nuovi arrivati

Alex BLIN 24 anni francese prelevato dall’Amiens a titolo definitivo, a suo favore c’è l’interessamento di Corvino ai tempi della Fiorentina, allora non gli riuscì l’affare ora sì, meglio per il Lecce perché Blin si è presentato nei primi match d’allenamento come play di sicuro affidamento su cui Baroni pare ponga molta fiducia:

Thorir Johann HELGASON 20 anni islandese, a Lecce è arrivato come secondo islandese della storia dei giallorossi. Nella frazione di partita giocata contro il Rovereto quando ha giocato da mezz’ala ha fatto vedere cose interessanti oltre ad aver dato a Mancosu l’assist per il gol del Capitano.

a loro, infine, almeno pe ora vanno aggiunti due giovanissimi

Sergio Maselli classe 2001 già apprezzato lo scorso anno nella Primavera di mister Grieco e con debutto in serie B gioca da play ma sa fare anche ruoli di centrocampo

Catalin Vulturar classe 2004 interessante promessa già titolare nella Primavera giallorossa che è stato aggregato alla prima squadra nel ritiro di Folgaria per fargli fare esperienza e perché Baroni lo conosca a fondo per poterne, caso mai usufruire.

Un reparto quindi che è composto da uomini esperti, giovani e giovanissimi dalle doti tecniche diverse tra loro ma comunque conciliabili per cui potranno convivere e dare a Baroni ampio spettro di scelta a seconda delle proprie decisioni e dell’avversario da affrontare. Un centrocampo che di sicuro saprà imporsi chiunque ne diventi il componente.

Ernesto Luciani

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment