Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportBARONI STUDIA IL PERUGIA E PENSA AL RILANCIO DI MAJER

BARONI STUDIA IL PERUGIA E PENSA AL RILANCIO DI MAJER

BARONI STUDIA IL PERUGIA E PENSA AL RILANCIO DI MAJER

Il prossimo avversario del Lecce induce Baroni a riflettere molto su chi scegliere per formare l’undici di partenza ed anche sull’approccio che dare alla partita.

Come il Lecce anche il Perugia ama partire piuttosto forte per poi dare un andamento regolare alla gara che si sta giocando, cosa che fa pensare ai due tecnici se è il caso di proseguire o di variare il sistema per sorprendere l’avversario.

Di certo resta che Baroni sta pensando con maggiore insistenza a confermare ancora una volta quella linea mediana che gli consente di dare il maggior equilibrio possibile a tutta la squadra.

Intendo riferirmi ad un reparto mediano costituitop da Majer, Hjulmand e Gargiulo. Ad Ascoli i due giovani elementi pescati da Corvino in Austria e Islanda hanno dato ampia dimostrazione di saper sopportare il peso di un avversario che preme a spron battuto ma dare al reparto un maggior grado di esperienza non è un elemento da scartare a priori. Il nostro centrocampo ad Ascoli è stato chiamato a dare un grosso contributo alla conquista del risultato utile ed Hjulmand ed Helgason hanno dimostrato di essere all’altezza del compito loro richiesti dal mister.

In gare difficili, come presumo possa essere quella contro il Perugia, però se si può disporre della presenza di Majer non è male. Lo sloveno, specialmente in fase difensiva, si fa sentire e come anche se non rinuncia a quelle incursioni in avanti che sono una sua tipicità di gioco. Il centrocampista a Lecce da quattro stagioni non ha ancora disputato un match per intero, uscendo anzitempo contro Cremonese (75′), Como (86′), Benevento (71′) e Alessandria (45′) ed infine Monza (67′) ma questa è la dimostrazione di quanto il calciatore si spende nel corso di una gara nella sua funzione di sommo equilibratore dell’intero undici giallorosso.

Le cinque sostituzioni agevolano i piani tattici studiati da Baroni impostati proprio sul sacrificio delle mezzali nel modulo applicato. Majer, rispetto a Helgason garantisce una copertura maggiore al pacchetto arretrato ed ecco spiegato il miglior rendimento dell’intera terza linea leccese.

Risparmiato Majer ad Ascoli a causa di non perfette condizioni fisiche, Baroni potrebbe decidere di rilanciarlo nella sfida contro il Perugia, squadra dalla difesa ferrea ma pronta a sorprendere con improvvise ripartenze l’avversario di turno.

Ernesto Luciani

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment