Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportIL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

IL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

IL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

CARICATURA MICHELE DODDE

Le precedenti puntate sono state pubblicate il primo, 9, 16, 23, 30  giugno – 7, 14, 21 e 28 luglio –  6, 13, 20 e 27 settembre

Riprendiamo da dove abbiamo lasciato

Il terzo, sempre dello stesso anno, in italiano “Otto Uomini Fuori”, è un film storico rigorosamente attento ai dettagli sull’infamante accusa verso otto giocatori dei Chicago White Sox che nel 1919 accettarono di truccare le partite della World Series contro i Cincinnati Reds. Il caso, tratto da un libro di Eliot Asinof, passato alla storia come lo scandalo dei Black Sox, è stato sceneggiato e diretto in modo impeccabile da John Sayles, che tra l’altro recita ne panni del giornalista Ring Lardner, e non sbaglia un colpo se non sotto il profilo emotivo. Superbe infine le scene di baseball d’annata e le ottime interpretazioni di David Strathairn come Eddie Cicotte, D.B. Sweeney a personificare il triste ShoelessJoe Jackson eJohn Cusack a dare vita a George “Buck” Weaver. Dopo un anno, quasi ad ampliare la struggente emotività lasciata dallo scandalo dei Black Sox, quasi come un sequal, viene prodotto “Field of Dreams”, ovvero in Italia “l’Uomo dei sogni”, film da Oscar. Ancora una volta è Kevin Coster a cimentarsi nel suo amato mondo del baseball, ma qui è da evidenziare la bravura del regista Phil Alden Robinson a sceneggiare in modo fantastico il racconto “SchoelessJoe” di William Patrick Kinsella ed a dirigere le sequenze con il giusto tono senza mai toccare la banalità. RayKinsella (Kevin Costner), agricoltore trentaseienne dello Iowa, introverso per problematiche avute con il proprio padre e per non aver realizzato le sue aspirazioni sportive, una sera si lascia dapprima suggestionare da una voce “Se lo costruisci, luitornerà”e poi convincere a costruire un campo di baseball. Terminato, sul diamante si materializzeranno una sera sia il triste Shoeless sia tutti gli altri sette giocatori dello scandalo dei Black Sox che così potranno ritornare a giocare. Poi sarà la volta di un dimenticato scrittore, poi di un ex giocatore divenuto medico benefattore ed infine lo stesso padre con cui incomincerà a dialogare ed a giocare a baseball. Ed è sulla splendida colonna sonora di James Horner che i sogni, affinchè non muoiano all’alba, necessitano della costruzione di un “campo dei sogni” che sempre farà riscoprire il piacere della convivenza, ed oltre, con momenti di pura magia fantastica.

Michele Dodde

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment