Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportIL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

IL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

IL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

CARICATURA MICHELE DODDE

le precedenti puntate sono state pubblicate il primo, 9, 16, 23, 30  giugno – 7, 14, 21 e 28 luglio –  6, 13, 20 e 27 settembre; 04, 11,  18 ottobre

Riprendiamo da dove avevamo lasciato

Inoltre, ai già citati the “The Babe” (1992) ed il remake “Angels in the Outfield” (1994) da segnalare “Mr. Baseball” (1992), in visione come “Campione…per forza” film commedia sportiva che evidenzia i punti di vista e la conduzione di gioco sia nella mentalità statunitense sia in quella nipponica molto legata ai concetti tradizionali. Sufficientemente diretto da Fred Schepisi con un Tom Selleck in forte volontà a svestirsi dei panni di Magnum P.I. per indossare la casacca di un professionista di Major League, pur se al tramonto, e con determinato coach KenTakakura sempre fedele ai suoi principii. Ancora il biografico film “TyCobb” (1994), perfetto gentiluomo fuori dal diamante quanto provocatore ed irritante giocatore in diamante con il palmares comunque di essere stato il primo giocatoread essere stato inserito nella Hall of Fame. Sceneggiato e diretto da RonShelton su un racconto di Al Stump, ha dato vita a Ty un eccellente Tommy Lee Jones coadiuvato da Robert Whul e Lolita Davidovich. Poi il dovuto documentario sull’impresa di “Hank Aaron” (1999) ed ancora “Perfect Game” (2000) prodotto dalla Disney Channel con la regia di Dan Guntzelman per intrattenere la famiglia intera sulle consuete vicissitudini di un gruppo di giovani che alla fine scoprono l’importanza e il valore del lavoro di squadra. Infine, sorvolando su “The last Home Run” (1996), fantasiosa storia di RegerFlax e diretta da un  Bob Gosse su di giri nel delineare l’ultimo desiderio del dottor JohnathanLyle, ovvero ritornare giovane per giocare a baseball almeno per cinque giorni, è la televisione in questo periodo a produrre un documentario nostalgico, pieno di significati e tutto da meditare: “WhenitWas a Game” (1991) con il commento narrativo del disincantato Steven Stern.

Michele Dodde

 

Segue primo novembre 2016

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment