Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeECONOMIA & LAVOROBISOGNA RECUPERARE ATTENZIONE E RISORSE VERSO IL SETTORE TURISTICO: IL SALENTO NON PUO’ FARNE A MENO.

BISOGNA RECUPERARE ATTENZIONE E RISORSE VERSO IL SETTORE TURISTICO: IL SALENTO NON PUO’ FARNE A MENO.

BISOGNA RECUPERARE ATTENZIONE E RISORSE VERSO IL SETTORE TURISTICO: IL SALENTO NON PUO’ FARNE A MENO.

Il Commento del Presidente della Camera di Commercio di Lecce, Mario Vadrucci, al Report di UNIONCAMERE sull’attività turistica

“Le cifre e l’analisi sul turismo che il dr. Francesco De Giorgio, Segretario Generale della Camera di Commercio di Lecce, ha illustrato per conto dell’Unioncamere di Puglia, insieme alla dr.sa Flavia Maria Coccia, di ISNART, alla vigilia di una importante stagione, sono da leggere con particolare attenzione – ha commentato il Presidente della Camera di Commercio di Lecce, Mario Vadrucci – Da esse viene ribadita la fondamentale importanza del turismo per la Puglia e il Salento in particolare, visto che le cifre del comparto, che rappresenta il 5,6% dell’intera filiera turistica nazionale, impegnano tutti gli addetti ai lavori, pubblici e privati, ad una riflessione nuova del fenomeno che tra Bari e Lecce copre il 60% dell’offerta turistica pugliese. Appare chiaro che, dopo le cifre dei due anni di pandemia, che hanno sconvolto il panorama turistico pugliese (il 50% degli operatori ha dichiarato che chiuderà in perdita anche quest’anno!), bisogna puntare forte sugli investimenti promozionali, visto che le prenotazioni dei primi sei mesi dell’anno fanno segnare ancora coefficienti bassi di occupazione degli esercizi ricettivi. Né si può confidare ancora, come negli anni appena trascorsi, sui ricavi dei due mesi di luglio e agosto, collegati con il turismo balneare. La ricerca ISNART ha confermato che i turisti vengono in Puglia e soprattutto nel Salento per le motivazioni ormai note: la presenza di numerose località costiere nonché la qualità delle acque rende la motivazione balneare (24,1%) la principale scelta tra i turisti. Segue la ricchezza del patrimonio artistico/monumentale (21,8%).  Tra le altre: Il 14,5% dei turisti sceglie la Puglia per riposarsi, il 13,4% per lo shopping e il 9% per interessi gastronomici.

Non cambiano, quindi, le abitudini e la destagionalizzazione è ancora tutta da realizzare. Occorrono manifestazioni di richiamo, culturali ed economiche ma anche ambientali, vista l’importanza sempre crescente del turismo che privilegia la sostenibilità e la salvaguardia dell’ambiente. E poi incentivi per le imprese turistiche che hanno bisogno di rinnovare alberghi e ricettività alternative per renderle adeguate alle nuove esigenze, ma anche per i ristoranti e le attività collaterali, che andrebbero maggiormente controllate, come tutto il comparto. Confidiamo che la Regione possa riprendere pienamente la sua attività di sostegno e promozione dell’attività turistica, accanto alle imprese che sono chiamate ad un ulteriore sforzo per non vanificare i risultati lusinghieri raggiunti prima della pandemia. La Camera di Commercio di Lecce s’impegna a cercare di coagulare l’attenzione di Istituzioni e aziende sull’importanza del turismo per capire, insieme agli attori protagonisti di questo fondamentale comparto, le cose che si possono mettere in campo per far sì che il Salento torni ad essere punto di riferimento nazionale nella filiera turistica italiana”

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment