HomeCronaca e AttualitàBORSE DI STUDIO PER LO SPORT, VIA ALLE DOMANDE

BORSE DI STUDIO PER LO SPORT, VIA ALLE DOMANDE

BORSE DI STUDIO PER LO SPORT, VIA ALLE DOMANDE

Sul sito web del Comune il modulo per formalizzare la richiesta

Borse di studio per gli iscritti alle associazioni sportive e alle palestre della città, da oggi è possibile inviare le richieste all’amministrazione comunale. Sul sito web del Comune, al link http://bit.ly/3gqVPyz, è disponibile il modulo per la richiesta, da inviare all’indirizzo di posta elettronica protocollo@comune.nardo.le.it o da consegnare a mano all’ufficio Protocollo presso il castello (piazza Battisti). Le associazioni sportive che hanno aderito all’avviso pubblico sono Pallacanestro “Andrea Pasca”, Asd Rondine Ginnastica Ritmica e Dream Volley Nardò. Gli iscritti a questi tre sodalizi possono fare richiesta di borsa di studio dichiarando un reddito ai fini Isee non superiore a dieci mila euro. Per ogni altra informazione basta contattare l’ufficio Servizi Sociali ai numeri di telefono 0833 838418/435.

Nelle scorse settimane, grazie alla generosità di alcuni sponsor privati, coordinati dai responsabili di Pallacanestro “Andrea Pasca” e Academy Sport Center Nardò, il Comune ha potuto pubblicare un avviso pubblico aperto appunto ad associazioni e palestre con l’obiettivo di favorire la più ampia partecipazione alla pratica dello sport da parte dei cittadini. Al fine di ampliare la platea dei beneficiari, le associazioni e le palestre hanno stabilito una quota mensile per ogni iscritto pari a dieci euro.

“Invitiamo gli iscritti alle tre associazioni aderenti – dice la vicesindaca e assessora al Welfare Maria Grazia Sodero – a inoltrare la domanda, se in linea con il limite Isee. Un piccolo aiuto per incentivare la pratica dello sport, in modo che questa non sia un lusso e non sia uno dei prezzi da pagare alla crisi economica”.

“Grazie a privati “illuminati” – aggiunge il presidente del Consiglio comunale e delegato allo Sport Antonio Tondo – riusciamo a sostenere lo sport e la pratica sportiva. Pensiamo che nessuno debba rinunciarvi perché le famiglie non sono in grado di sostenere il relativo sforzo economico”.

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment