Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàBREVI DI CRONACA NERA

BREVI DI CRONACA NERA

BREVI DI CRONACA NERA

CASARANO

Carabinieri dipendente N.O.R. sezione operativa hanno arrestato nella flagranza del reato F. G., nato a Casarano cl. 94, ivi residente, poiché – seguito perquisizione domiciliare – è stato sorpreso detenere

gr.22.6 di cocaina,

gr.63.4 di marijuana,

un bilancino di precisione e

vario materiale di confezionamento dello stupefacente.

Materiale sottoposto a sequestro, assunto in carico, debitamente repertato e custodito in attesa di essere versato presso ufficio corpi di reato tribunale di Lecce. Arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la propria residenza in regime di arresti domiciliari, così come disposto dall’A.G. informata da questo N.O.R. – sezione operativa che procede.

Medesimo contesto, nell’ambito dei servizi coordinati di controllo del territorio finalizzati al contenimento della pandemia covid-19, contrasto reati contro il patrimonio, detenzione produzione e traffico di sostanze stupefacenti, controllo persone sottoposte a limitazioni della libertà ed alla circolazione stradale, sempre i carabinieri della compagnia di Casarano hanno eseguito a:

 

UGENTO

La locale stazione ha deferito in stato di libertà:

  1. A., CL. 99, residente in Torre San Giovanni (Le);
  2. C., CL. 83, residente Torre San Giovanni Marina di Ugento (Le);
  3. S., CL. 92 Residente Ugento (Le);

Poichè – sottoposti alla misura cautelare della detenzione domiciliare – sono stati sorpresi violare le prescrizioni imposte dalla misura in corso;

  1. A., CL. 78, residente in Ugento (Le), località Torre San Giovanni, POICHÈ – sottoposto  alla  misura cautelare  degli  arresti  domiciliari  – sorpreso  in  più  occasioni  interno  propria abitazione in compagnia di  persone  pregiudicate violando obblighi imposti da a.g. inoltre lo stesso e’ stato trovato in possesso di gr.1 (uno) di sostanza stupefacente tipo “cocaina”;
  2. E., CL. 97, residente Castrignano dei Greci (Le), poiché con artifizi e raggiri, utilizzando illecitamente i codici di alcune carte di credito intestate alla vittima, ha effettuato vari acquisti on-line per un valore di circa euro 3.000;
  3. C., CL. 83, residente  Torre  San  Giovanni Marina  di Ugento (LE) ,  poichè riconosciuto responsabile  di  reiterati  furti  di zaini e portafogli commessi sulle spiagge del litorale ugentino ai  danni  di  ignari turisti. Parte refurtiva recuperata e restituita aventi diritto;
  4. S., CL. 83, residente in Ugento Torre San Marina di Ugento (Le) poichè – seguito perquisizione  domiciliare – é stato trovato in possesso di una cartuccia  cl. 7,62 nato da  guerra,  utilizzata dallo stesso per minacciare una persona con il quale aveva avuto un diverbio per futili motivi;
  5. S., CL. 94, residente Ugento (Le), poiche responsabile atti  persecutori  confronti  di altra  concittadina, consistiti  in  messaggi  di  minacce,  intimidazioni  e  ingiurie,  a  mezzo  instagram e culminati con il danneggiamento dell’autovettura di quest’ultima;
  6. F., CL. 82,  residente  MINERVINO  LECCE (LE),
  7. C., Cl. 41, residente Gemini Fraz. di Ugento (Le),
  8. S., CL. 69,  residente Gemini Fraz. di Ugento (Le),
  9. D., CL. 82,  residente  Presicce  Acquarica  (Le),
  10. F. CL. 72, residente in Ugento (Le),

Poichè ritenuti responsabili di aver posto in essere reiterate vessazioni e minacce nei confronti delle rispettive consorti e/o conviventi.

 

RUFFANO

Carabinieri locale stazione hanno deferito in stato di libertà: F. B., cl.  58, residente a Roma, POICHÈ – MEDIANTE ARTIFIZI E RAGGIRI, dopo aver ricevuto il bonifico per l’acquisto di un telefono iphone 12 da parte della vittima non ha provveduto consegnare a quest’ultima la merce acquistata;

 

MATINO

Carabinieri locale stazione hanno deferito in stato di libertà:

  1. F., CL. 93, residente a Ruffano;
  2. L., CL. 80,

Poichè – seguito speditiva attività d’indagine – ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del furto di una batteria per autoveicoli perpetrato all’interno del “BRIGROS” dI Matino, SP Parabita-Casarano. refurtiva restituita all’avente diritto;

Inoltre carabinieri operanti, ambito giurisdizione, hanno:

Segnalato alla PrefetturaLlecce nr. 10 giovani per “uso non teurapeutico sostanze stupefacenti”;

Controllato 814 mezzi e 1031 persone.

Materiale e sostanza stupefacente sottoposti a sequestro, assunti in carico e debitamente custoditi in attesa di essere versati presso l’ufficio corpi reato del tribunale di Lecce. Autorità Giudiziaria ed Amministrativa informate.

 

LECCE

Militari dipendente N.O.R. – Sezione Radiomobile Compagnia di Lecce, arrestavano nella flagranza di reato, Gallucci Enrico, CL. 80, residente Lecce, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Predetto, già sottoposto a regime di arresti domiciliari presso propria abitazione, sottoposto a controllo veniva sorpreso fuori dal luogo di detenzione intento a utilizzare proprio cellulare. Seguito perquisizione personale e domiciliare, veniva trovato in possesso:

complessivi di gr. 13,95 (tredici/95) di sostanza stupefacente del tipo eroina,

  1. 0,4 (zero/4) di sostanza stupefacente del tipo marijuana,

un bilancino di precisione e

materiale per il confezionamento.

Sostanza stupefacente avviata ad analisi di laboratorio. Reperti assunti in carico e debitamente custoditi in attesa di essere versati presso competente ufficio corpi di reato. arrestato espletate formalità di rito, vaniva tradotto presso casa circondariale borgo san Nicola di Lecce. A.G. informata da NOR – sezione radiomobile che procede.

 

RUFFANO

Militari della stazione Carabinieri Forestale di Tricase (Le) deferivano in stato di libertà: M. L. cl. 1984 e residente a Ruffano (Le)per i seguenti reati: art. 256 c°1 e c°3 d.lgs. n.152/06 (codice dell’ambiente) per un’attività di gestione non autorizzata di rifiuti di vario genere con conseguente realizzazione di una discarica abusiva.

I militari hanno riscontrato una situazione di degrado ambientale su una superficie di circa 300 metri quadri in un’area di pertinenza di una civile abitazione, sulla quale si trovano illecitamente depositati ingenti quantità di rifiuti.

Evidente l’attività di gestione illecita di rifiuti con plurimi conferimenti non occasionali sull’area oggetto di discarica abusiva, accertati tramite le testimonianze, le foto aeree storiche e la natura dei rifiuti riconducibili all’attività dell’indagato.

Inoltre, in occasione dello stesso accertamento e’ stata verificata la regolarità della detenzione di animali appartenenti a specie in via di estinzione e il benessere degli animali da cortile e d’affezione, riscontrando un avvenuto maltrattamento con lesione permanente di un cane, per il quale sono state avviate le indagini per l’individuazione del responsabile e il deferimento all’A.G. per il reato di maltrattamento animale di cui all’art 544 ter del codice penale.

A.G. informata da stazione Carabinieri Forestale operante.

 

OTRANTO:

Personale della stazione Carabinieri Forestale di Otranto deferiva in stato di libertà: P. C. D., cl. 1968 poiché, nella qualità di titolare e rappresentante legale attività commerciale di autolavaggio era ritenuto responsabile dei reati di cui agli artt. art.137 c.1 e 256 c.2 d. l. vo 152/2006 poiché realizzava uno scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura senza la necessaria autorizzazione, nonché un deposito “irregolare” di rifiuti speciali  (“fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti” – c.e.r. 07.06.11 e 07.06.12) contravvenendo ai limiti temporali imposti per lo smaltimento (ai sensi degli  artt. 185 bis e 256 c.2  del dlgs n.152/2006 e ss.mm.ii).

 

OTRANTO

Personale della stazione Carabinieri Forestale di Otranto deferiva in stato di libertà: G. F., cl. 1970.

ritenuto responsabile (in qualità di esecutore) del reato di cui all’art. 635 c.3 c.p., per il danneggiamento di 96 piante di ulivo mediante l’estirpazione delle stesse su terreno altrui in agro del comune di Otranto.

A.G. informata a cura della stazione che procede.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment