Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàBREVI DI CRONACA NERA

BREVI DI CRONACA NERA

BREVI DI CRONACA NERA

MATINO

Carabinieri locale Stazione – esito speditivi accertamenti conseguenti alla denuncia/querela presentata dalla vittima – hanno arrestato nella flagranza dei reati

art. 612 bis “atti persecutori”

art.581 “percosse”

art. 628 “rapina”

art.635 “danneggiamento”

un uomo, poichè ritenuto responsabile di atti persecutori perpetrati ai danni della ex convivente, culminati nell’aggressione odierna allorquando, in prossimità di una via di quel centro, a bordo della propria autovettura, dopo aver speronato quella condotta dalla donna, ove tra l’altro era presente in qualità di passeggero la figlia, ne ha forzato lo sportello per poi percuoterla e strapparle di dosso la borsa contenente la somma di denaro contante di euro 100. Arrestato, espletate le formalità di rito, sarà tradotto presso la propria abitazione di residenza in regime di arresti domiciliari, così come disposto dall’A.G. informata dalla Stazione CC di Matino che procede.

CALIMERA

Militari locale Stazione CC, a conclusione accertamenti finalizzati all’osservanza delle norme che disciplinano la sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro, presso cantiere edile per la ristrutturazione di una civile abitazione, denunciavano s.l. sottonotate persone:

uomo cl.76, coordinatore per la sicurezza, resosi responsabile violazione art. 92 c.1 lett. a  d.lgs. n. 81 del 2008, per aver omesso di verificare presso il cantiere l’applicazione, da parte dell’impresa appaltatrice e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni loro pertinenti contenute nel piano di sicurezza e di coordinamento di cui all’art. 100 e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro;

uomo cl 89, legale rappresentante dell’impresa, resosi responsabile della violazione art. 100 c. 3  d.lgs. n. 81 del 2008, per aver omesso di attuare le disposizioni e prescrizioni contenute nel piano operativo di sicurezza e nel piano di sicurezza e coordinamento, finalizzate alla messa in sicurezza del cantiere  a disposizione dei  lavoratori autonomi addetti alle opere edili in subappalto;

uomo cl.70 e uomo cl.73, in qualità di lavoratori autonomi, resisi responsabili violazione art. 21 c. 1 lett. a-b  d.lgs. n.81 del 2008 per aver utilizzato attrezzature di lavoro che non rispettano la normativa vigente, non facendo uso dei dispositivi di protezione individuale  ed utilizzando attrezzature elettriche in cantiere non collegate ad idoneo un quadro elettrico.

A.G. informata da Stazione CC Calimera che procede

 

ALESSANO

Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Tricase (Le) deferivano in stato di libertà: uomo cl.81 per il seguente reato art. 44 c°1 lett. b) d.p.r. n.380/01 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia)

Per la realizzazione di opere edili quali un ampliamento di un fabbricato allo stato rustico pari a 38,06 mq. circa, per un aumento volumetrico pari a circa 142,73 mc, costituenti variazione essenziale e trasformazione permanente dello stato dei luoghi, per le quali era necessario richiedere il titolo edilizio.

Si è proceduto al sequestro preventivo come misura cautelare diretta ad evitare che le conseguenze del reato siano aggravate o protratte.

A.G. informata da Stazione Carabinieri Forestale operante.

 

MARINA DI TORREVADO FRAZ. DI MORCIANO DI LEUCA

Militari Stazione Carabinieri di Salve (Le), seguito servizio finalizzato a prevenire/reprimere reati contro il patrimonio in genere, traevano in arresto nella flagranza del reato di furto: uomo cl. 89 e uomo cl. 84;

Militari operanti fermavano autovettura Audi a3 di proprietà e condotta dal primo uomo, dopo una mirata perquisizione veicolare d’iniziativa, rinvenivano interno portabagagli un bidone in metallo della capacità di litri 50 e una tanica di litri 10, pieni di gasolio asportato poco prima dal serbatoio di un  escavatore di proprietà di una ditta, parcheggiato all’interno di un cantiere. Predetto mezzo era utilizzato per lavori conto AQP pugliese. Arrestati, espletate formalità rito, venivano sottoposti in regime di detenzione domiciliare così come disposto da A.G., informata da Stazione CC di Salve che procede.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment