Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaBRINDISI: LA SINDACA ANGELA CARLUCCIO CONVOCATA DAL PREFETTO ANNUNZIATO VARDÈ.

BRINDISI: LA SINDACA ANGELA CARLUCCIO CONVOCATA DAL PREFETTO ANNUNZIATO VARDÈ.

BRINDISI: LA SINDACA ANGELA CARLUCCIO CONVOCATA DAL PREFETTO ANNUNZIATO VARDÈ.

Angela-Carluccio-

Non si conoscono le motivazioni di tale convocazione, ma è facile intuire che Sua Eccellenza Vardè l’abbia voluta incontrare, a due giorni dal Consiglio comunale di domani, venerdì 23 settembre, per discutere di quanto accaduto nel corso dell’ultima assise del 13 settembre scorso. In quella occasione, infatti, su ‘invito’ del consigliere comunale di Coerenti per Brindisi Pasquale Luperti, l’intera maggioranza abbandonò l’aula al momento della discussione degli ordini del giorno e delle mozioni di alcuni consiglieri di opposizione. Lo stesso sindaco non mosse un dito per impedire quanto stava accadendo, salvo poi scusarsi a mezzo stampa per quanto successo, facendo intendere che non fosse a conoscenza di quella ‘sceneggiata’. Ma la sua intervista (rilasciata a Brindisi Report) non era stata di gradimento allo stesso Luperti che, di contro, dichiarò che la Carluccio era al corrente (e d’accordo) del fatto che, a quel punto del Consiglio, la sua maggioranza avrebbe abbandonato l’aula. Nel frattempo, lo stesso pomeriggio dell’assise, i consiglieri di opposizione, su iniziativa di Mauro D’Attis di Forza Italia, si recarono proprio dal Prefetto per raccontare quanto accaduto.

“Quello che è accaduto in consiglio comunale è del tutto straordinario – aveva affermato D’Attis al termine dell’incontro con il Prefetto – ci è stato sostanzialmente detto che, finchè l’opposizione non sarà nelle condizioni di garantire l’evidenza delle défaillances della maggioranza, non ci sarà concesso di discutere delle proposte che noi portiamo all’attenzione del consiglio comunale. Lo abbiamo posto all’attenzione del Prefetto per valutare se ci sono le condizioni per un richiamo al rispetto della democrazia, che è fatta di maggioranza ed opposizione e che, quindi, questa sorta di ‘ricatto’, non appartiene, appunto, alla democrazia, ma appartiene ad altri regimi che non sono quelli istituzionali. Ho trovato una disponibilità importante – concluse il forzista –e siamo soddisfatti dell’incontro. Spero che il Prefetto faccia ragionare questi signori”.

Pertanto, è facile intuire che la convocazione della Carluccio da parte di Vardè sia stata un ‘richiamo all’ordine’, a due giorni dal prossimo Consiglio.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment