Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePolitica“CAMBIAMO“: LA FESTA PATRONALE  DI SANT’ORONZO FATTO RELIGIOSO, MA ANCHE OPPORTUNITA’ ECONOMICA

“CAMBIAMO“: LA FESTA PATRONALE  DI SANT’ORONZO FATTO RELIGIOSO, MA ANCHE OPPORTUNITA’ ECONOMICA

“CAMBIAMO“: LA FESTA PATRONALE  DI SANT’ORONZO FATTO RELIGIOSO, MA ANCHE OPPORTUNITA’ ECONOMICA

SALVEMINI ORGANIZZI UN TAVOLO SULL’ARGOMENTO.

Convocato dal Coordinatore Cittadino, Wojtek Pankiewicz e alla presenza della Coordinatrice Regionale, Federica De benedetto, il Coordinamento Cittadino di Cambiamo ha diffuso la seguente nota :

In questa strana estate post Covid mancano ormai solo due mesi alla festa del Santo Patrono di Lecce, Sant’Oronzo. Mai come quest’anno ci sarebbe la voglia di fare festa insieme, ritrovandoci come ogni anno, per le strade di Lecce a onorare i nostri patroni Sant’Oronzo, Giusto e Fortunato, riscoprendoci comunità cittadina e cristiana e salvaguardando le nostre tradizioni popolari alle quali noi di Cambiamo siamo molto attenti. Purtroppo l’attuale emergenza sanitaria continua a condizionare il nostro modo di vivere, non è quindi possibile ipotizzare una Festa in piena regola. Tuttavia, da una parte la voglia di rinnovare anche quest’anno la devozione ai nostri Patroni che continuano a proteggerci, attraverso un programma di eventi religiosi di cui si sta già egregiamente occupando la Chiesa leccese, e dall’altra la voglia di offrire un’opportunità economica, con indubbie ricadute positive di carattere turistico, per il settore delle feste patronali con tutto l’indotto che dà lavoro a migliaia di persone, settore , che, in profonda crisi post Covid, invoca con forza  l’aiuto di enti ed istituzioni, tanto che domenica a Lecce, in piazza Sant’Oronzo c’è stato un flash mob con tantissimi operatori del settore, ci induce a rivolgerci all’Amministrazione comunale, affinchè il sindaco Salvemini convochi un tavolo che nel pieno rispetto delle linee guida regionali  organizzi una festa patronale con tutto il suo  programma civile dalle luminarie alle casse armoniche, dalla banda ai fuochi, dalle bancarelle ai concerti, dagli sbandieratori ai gruppi  folk alle giostre e tutto il resto. Ciò anche in previsione del fatto che dal 1° luglio la Regione per salvare la stagione  emanerà nuove regole e distanziamenti.

“Chiediamo che il Comune organizzi subito un tavolo – ha dichiarato il Coordinatore Cittadino, Wojtek Pankiewicz – al quale, come sempre, siamo pronti a partecipare per dare il nostro propositivo e costruttivo contributo . Desidero ricordare che le linee guida recentemente approvate dalla Regione sullo svolgimento degli spettacoli dal vivo permette un  limite massimo di 200 presenti al chiuso e 1.000 all’aperto. Altre regole sono attese per il 1° luglio Sempre nel rispetto delle misure anti-contagio attorno a questo tavolo si potrebbe stabilire insieme come poter garantire lo svolgimento “in sicurezza” di tutte le  manifestazioni che caratterizzano una festa patronale.”

Anche la coordinatrice regionale, Federica De Benedetto ha parlato della importanza di attuare   sagre e feste patronali: «Non ci rassegneremo a non fare sagre, concerti, feste: troveremo la maniera per farli senza danno così come dovremmo cercare di coinvolgere nell’organizzazione della festa tutti quegli operatori del centro storico, che hanno pagato già abbondantemente dazio per la pandemia di questi ultimi mesi, al fine di trovare un’opportunità economica . Ciò sia per salvaguardare i riti civili, religiosi e le tradizioni popolari, sia per dare  maggior  impulso alla ripresa economica e al turismo».

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment