Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàCORONAVIRUS: CONSENTITO AD UNO DEI GENITORI DI PASSEGGIARE CON I FIGLI  

CORONAVIRUS: CONSENTITO AD UNO DEI GENITORI DI PASSEGGIARE CON I FIGLI  

CORONAVIRUS: CONSENTITO AD UNO DEI GENITORI DI PASSEGGIARE CON I FIGLI  

Gli italiani sono bloccati a casa a causa del Coronavirus, ma viene specificato che i genitori possono uscire a passeggiare con i propri figli. Nonostante ciò, non cambiano le regole inerenti agli spostamenti.

Il Ministero degli Interni ha emesso una circolare nella quale si chiariscono le modalità di uscita dalle proprie abitazioni e subito sono partiti gli attacchi da parte di Gallera, assessore al welfare della Lombardia e di De Luca, presidente della regione Campania. Da parte del Viminale è stata emessa un’ulteriore nota di chiarimento, la quale ribadisce che le regole riguardanti gli spostamenti consentiti non cambiano e la circolare è solo un chiarimento interpretativo delle stesse.

I chiarimenti richiesti e la circolare del Viminale

Le interpretazioni delle norme, che riguardano gli spostamenti concessi in tempi di coronavirus, date dalle forze dell’ordine ai cittadini che sono stati sottoposti ai controlli, sono state in alcuni casi contrastanti. Oltre a questo si sono susseguite le richieste di chiarimento per molti casi particolari e il Capo di Gabinetto del Ministero degli Interni, Matteo Piantedosi, con una circolare emessa nel corso del pomeriggio del 31 marzo, ha cercato di fare chiarezza, comunicando che le uscite di casa sono consentite soltanto per alcune ragioni ben identificate come, ad esempio, le passeggiate concesse per le persone anziane, per i disabili e per i genitori che accompagnano nella passeggiata i figli piccoli.

Queste situazioni rientrano nella categoria delle uscite per motivi di salute che, insieme a quelle per motivi di necessità, come fare la spesa, e quelle per motivi di lavoro, sono concesse fin dal primo decreto emesso dal Governo. In questa circolare è stato ribadito che esiste la possibilità per un genitore di portare il figlio minore a passeggiare, restando comunque in prossimità della propria abitazione.

La stessa cosa è possibile anche per i disabili e per le persone anziane. La diffusione della circolare ha avuto immediate ripercussioni con proteste sia da parte di Gallera, che di De Luca e questo ha reso necessario un ulteriore chiarimento che è arrivato sempre da parte del Viminale.

Le norme non cambiano

Il Ministro degli Interni ha ribadito che non ci sono cambiamenti nelle norme contenute del decreto, ricordando che, nel caso dell’uscita dei bambini, il figlio deve essere accompagnato da un solo genitore e che si deve restare in prossimità di casa.

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment