Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeEventi e SpettacoliDANZARE LA TERRA PRO

DANZARE LA TERRA PRO

DANZARE LA TERRA PRO

Dal 17 al 30 maggio il Lug Centro culturale ex Macello di Corsano, in provincia di Lecce, ospita la residenza artistica, ideata e realizzata da Tarantarte con il sostegno del Ministero della cultura e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”. Stage intensivi, attività didattiche e performative con Maristella Martella e le insegnanti di Tarantarte, Roberto Castello e Vincenzo Santoro e una restituzione finale.

Venerdì 7 maggio alle 11 in diretta streaming su Facebook e YouTube (@danzarelaterra) si terrà l’incontro di presentazione di “Danzare la terra Pro“. La residenza artistica riservata a otto danzatrici e danzatori under 35, ideata e realizzata da Tarantarte con il sostegno del Ministero della cultura e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”, sarà ospitata dal 17 al 30 maggio negli spazi esterni e interni del LUG Centro Culturale Ex Macello di Corsano, in provincia di Lecce.

All’incontro parteciperanno i curatori Maristella Martella, direttrice artistica e coreografa della compagnia Tarantarte, e Roberto Castello, fondatore dell’associazione ALDES, tra i massimi esponenti e sperimentatori della danza contemporanea in Italia che, durante la residenza, terranno stage intensivi, attività didattiche e performative insieme alle insegnanti della scuola Tarantarte, e Vincenzo Santoro,responsabile del Dipartimento Cultura e Turismo delll’Anci – Associazione nazionale dei Comuni italiani, apprezzato studioso di musica popolare, che curerà invece un incontro di approfondimento.

Dopo l’analisi dei curricula e delle esperienze maturate delle oltre quaranta candidature giunte alla open call, sono stati selezionati a partecipare Francesco Bax, Francesca Chiatante, Riccardo Cananiello, Silvia Ciardo, Lucrezia Gabrieli, Umberto Gesi, Monia L’Abbate, Claudia Sarcinella.

Sabato 29 e domenica 30 maggio in programma due appuntamenti di “restituzione” del lavoro svolto durante la residenza che intende offrire strumenti teorici e pratici a coloro che si avvicinano allo studio e alla interpretazione dei riti del Mediterraneo attraverso il linguaggio coreutico al fine di supportare la creatività dei giovani artisti. Il progetto, dedicato alla creazione e ricerca coreografica, vuole recuperare l’importanza del rito che da sempre è presente nelle comunità del sud Italia e del Mediterraneo. La ritualità che crea legami e costruisce ricchezza sociale in un territorio che di sé ha ancora tanto da scoprire.

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment