Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportDOMANI A CITTADELLA PER SFATARE UN TABÙ

DOMANI A CITTADELLA PER SFATARE UN TABÙ

DOMANI A CITTADELLA PER SFATARE UN TABÙ

Con domani a Cittadella volge al termine questo pesante mese di dicembre che ha sottoposto tutte le squadre partecipanti al campionato cadetto di giocare due partite a settimana. Un vero tour de force che al Lecce non ha detto poi tanto bene visto che ha ottenuto, negli incontri sinora disputati  vittorie (Chievo a Verona e Vicenza in casa) tre pareggi (Venezia e Frosinone in casa; Salernitana in trasferta) e due sconfitte (Pisa in casa e Spal a Ferrara). Con la conquista di nove punti su ventuno disponibili la classifica è peggiorata ed ora il Lecce occupa una posizione che non risponde alle aspettative. Dicevo che il mese volge al termine e il Lecce dovrà giocare ancora una partita che desta qualche preoccupazione in più rispetto ad altre. A Cittadella per il Lecce c’è stato per ora sempre semaforo rosso e non solo si è sempre perduto nelle due circostanze in cui si è giocato in terra veneta ma si sono rimediate sconfitte pesanti (0-3 e 1-4) che non lasciano per nulla tranquilli. Se non fossero solo due partite si tratterebbe di un vero tabù che sarebbe il caso di infrangere.

AL di là di qualsiasi cosa bisogna dire che domani Mancosu e compagni devono in ogni modo dare conferma alle proprie buone qualità messe in mostra più volte ma sempre, purtroppo ancora, senza molta continuità.

I campionati, invece, ci insegna l’esperienza si vincono proprio con le serie continue di buoni risultati che si costruiscono appunto con prestazioni all’altezza del tasso tecnico tattico di ogni formazione.

Questo Lecce, a mio modesto avviso, è in possesso di tutti i requisiti per ottenere la vittoria finale anche se continua a mettere in mostra alcuni difetti nella fase di non possesso palla. Per questo Corini, nella speranza che torni presto a guidare di persona la squadra, deve trovare qualche correttivo che renda il reparto difensivo meno vulnerabile.

A Cittadella tra i soliti dubbi di formazione ci sarà una buona notizia perché Lanna (in panchina andrà ancora lui) potrà disporre anche di Dermaku e quindi una pedina in più da gettare nella mischia.

Di sicuro ci sarà da lottare ma il Lecce va a giocarsi buona parte del proprio cammino futuro e quindi scenderà in campo deciso a non perdere se poi dovesse vincere (prima o poi succederà) affronteremo meglio la fine di questo non certo bellissimo 2020 con maggiori speranze che il 2021 ci riservi più serenità nella vita di ogni giorni e maggiori gioie in quella legata alle sorti del nostro Lecce.

Ernesto Luciani

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment