Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaETTORE CAROPPO, NEO-VICEPRESIDENTE ANCI PUGLIA

ETTORE CAROPPO, NEO-VICEPRESIDENTE ANCI PUGLIA

ETTORE CAROPPO, NEO-VICEPRESIDENTE ANCI PUGLIA

“Sì alle fusioni tra Comuni. Alla Regione chiederemo un assessorato per i piccoli comuni”.

Il sindaco di Minervino di Lecce, oggi ai vertici dell’Associazione dei comuni pugliesi: “Unendoci avremo meno tasse e più servizi per tutti i cittadini. Ci batteremo per avere più peso in Regione con un’attenzione alle unioni e alle fusioni dei Comuni”

“Meno tasse ma più servizi per i cittadini dei piccoli Comuni, è per questo che dobbiamo mettere da parte i campanilismi e dare maggiore spinta alle unioni e alle fusioni dei piccoli centri”. Ettore Caroppo, sindaco di Minervino al suo terzo mandato, è il nuovo vicepresidente Anci Puglia, e traccia la nuova road map: “Sono orgoglioso di questo riconoscimento che è di tutta la comunità che ho l’onore di amministrare – dice Caroppo – Ringrazio l’Anci per la fiducia riposta, assicurando il mio impegno per le piccole autonomie locali”.

E aggiunge: “Non possiamo continuare – dice Caroppo – a credere che i comuni così come oggi sono strutturati avranno vita lunga. Ed è per questo che ci proporremo per essere maggiormente ascoltati in Regione, per ottenere maggiori premialità e risorse. Sarebbe auspicabile istituire una delega o un assessorato a livello regionale dedicato alle piccole realtà locali. Questo consentirebbe di attuare politiche con maggiore puntualità per cercare di arginare il fenomeno dello spopolamento, migliorare i servizi e dotare i Comuni di risorse umane in grado di impiegare e investire le risorse messe a disposizione”.

Altro obiettivo che non dobbiamo farci sfuggire è la transizione ecologica. “Lavoreremo perché la Regione sostenga il percorso dei Comuni verso l’utilizzo di risorse da investire nelle rinnovabili e nella sostenibilità, per contrastare la povertà energetica, in un’ottica di risparmio, non solo economico, ma anche dell’ambiente, come ad esempio la riduzione dei consumi dell’illuminazione pubblica, l’istituzione di comunità energetiche, etc”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment