Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeECONOMIA & LAVOROFIRMATO IL “PATTO PER L’INNOVAZIONE DEL LAVORO PUBBLICO E LA COESIONE SOCIALE”  

FIRMATO IL “PATTO PER L’INNOVAZIONE DEL LAVORO PUBBLICO E LA COESIONE SOCIALE”  

FIRMATO IL “PATTO PER L’INNOVAZIONE DEL LAVORO PUBBLICO E LA COESIONE SOCIALE”  

Firmato il “Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale” tra il Governo e  i Segretari generali Maurizio Landini (Cgil), Luigi Sbarra (Cisl) e Pierpaolo Bombardieri (Uil). Il Patto si colloca nel solco di un’azione di rilancio del paese,  che fa parte dello storico programma Next Generation EU.

Coesione sociale e creazione di buona occupazione sono i principali pilastri del Piano di rilancio, perché lo straordinario impegno finanziario dell’apparato pubblico sia occasione di cambiamento in positivo delle vecchie e nuove fragilità del nostro sistema.

Il ruolo della Pubblica Amministrazione è centrale: il divario economico tra fasce sociali, il dualismo tra settore pubblico e privato e le ferite della pandemia agli strati più fragili della società possono essere affrontate solo con una semplificazione dei processi e un massiccio investimento in capitale umano. Le Pubbliche Amministrazioni, motore di sviluppo anche in questa fase storica devono ora superare l’assetto emergenziale e avviarsi verso la modernizzazione.

Un Paese più moderno può offrire servizi migliori e maggiori opportunità di sviluppo e questo richiede una partecipazione attiva delle lavoratrici e lavoratori del pubblico impiego, con la speranza di dimenticare stereotipi offensivi come quello dei fannulloni. Perseguendo questi propositi si avvia una nuova stagione di relazioni sindacali.

I pilastri delle nuove relazioni di lavoro sono l’investimento sulle risorse umane, sui giovani in particolare, e la valorizzazione delle persone nel lavoro, anche attraverso percorsi di aggiornamento professionale. L’azione di modernizzazione passa, infatti, per la formazione costante ed efficace del personale, ma anche per la regolamentazione del lavoro agile o smartworking. Contestualmente dovranno essere sviluppati strumenti volti all’ eliminazione dei vincoli legislativi quali l’esclusività per l’area di comparto, come per esempio accade agli infermieri che operano nel Pubblico e per questo non possono fare libera professione.

È fondamentale più confronto con le parti sociali per rendere più flessibile l’Amministrazione e rispondere all’innovazione tecnologica in atto. Si dovrebbe per esempio eliminare l’ articolo 23 comma 2 del decreto legislativo 25 maggio 2017 n. 75 e lasciare alla contrattazione di secondo livello la ricerca di nuove risorse economiche, premiando le buone prassi. Le esperienze più efficaci di contrattazione integrativa dovranno rappresentare il percorso da seguire così come è accaduto nell’ambito di Lecce, dove l’inizio del percorso di stabilizzazione, porterà presto gli operatori che si occupano delle fragilità dell’ambito sociale di Lecce ad ottenere il superamento del precariato.

È un compito alto e impegnativo, che richiede la responsabile cooperazione di tutti gli attori, allo scopo di trasformare la crisi in un’opportunità unica di rilancio, ma solo una buona amministrazione pubblica fa sì che le opportunità siano ben distribuite nella società civile, riducendo le diseguaglianze.

Il Segretario generale

Fabio Orsini

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment