Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaGALATINA: ANCORA BENZINA SULLA POLEMICA CHE INVESTE LA GESTIONE DELL’OSPEDALE

GALATINA: ANCORA BENZINA SULLA POLEMICA CHE INVESTE LA GESTIONE DELL’OSPEDALE

GALATINA: ANCORA BENZINA SULLA POLEMICA CHE INVESTE LA GESTIONE DELL’OSPEDALE

Il rinvio della discussione del Regolamento ospedaliero regionale varato a settembre ed impugnato dall’Amministrazione ha dato la stura ad un nuovo attacco da parte dell’opposizione galatinese. Il consigliere di minoranza Gianpiero De Pascalis, torna all’attacco criticando in maniera decisa non solo l’operato dell’amministrazione comunale, ma anche quello dei consiglieri regionali e dei vari parlamentari che si sono interessati alla “questione” ospedale civile. Tutti, secondo De Pascalis, colpevoli, di non aver firmato il ricorso e di non essersi assunti la responsabilità di alcuna iniziativa a favore del presidio ospedaliero galatinese, limitandosi a quelle che il consigliere definisce passerelle elettorali.

“Il nostro diritto alla salute – afferma De Pascalis – continua a non essere tutelato. Quello che fa indignare ancora di più è il fatto che Regione e Asl di Lecce continuano a produrre documenti che attestano le buone performance dell’Ospedale e nonostante ciò lo hanno svuotato di discipline essenziali quali Cardiologia, Chirurgia, Ortopedia, Gastroenterologia e Pneumologia. Uno scippo a tutto campo che non ha tenuto conto neppure delle previsioni del Dm 70 del 2015 che negli ospedali di base, tale è classificato Galatina, prevedono una dotazione minima di reparti tra cui ortopedia e chirurgia”.

L’invettiva continua con il riferimento alle condizioni degli altri ospedali della provincia, che suggerirebbero un disegno politico preciso volto a declassare il presidio galatinese sino alla dismissione. “Assisto a politiche sanitarie con due pesi e due misure: Galatina perde Cardiologia e Pneumologia, Geriatria, ma a Copertino e Casarano vengono lasciati sia la Cardiologia che la Geriatria. In più – continua il consigliere – è stata fatta la forzatura di lasciare Neurologia e Rianimazione a Casarano, mentre a Galatina non si permette di avere reparti che hanno funzionato benissimo. Sono convinto che ci sia una volontà politica mirata a far chiudere l’ospedale di Galatina e la prova la possiamo desumere dal fatto che il punto nascita di Scorrano dovrebbe chiudere su richiesta del Ministero della Salute perché ha un numero troppo basso di parti eppure, con l’ultimo Regolamento che abbiamo impugnato viene potenziato a scapito di Galatina”.

Infine, un richiamo alla politica regionale e al “risvegliato interesse per la sanità per dimostrare un impegno mai avuto”. Il sindaco Amante, già nelle scorse settimane, aveva risposto alle polemiche sulla gestione ospedaliera rivendicando “la caparbia azione promossa dall’amministrazione comunale nei confronti della Asl e della Regione, confermata dalla decisione di provvedere al potenziamento dell’attività del servizio offerto dal ‘Week Surgery’ con la riattivazione di numerosi posti letto“.

L’intento più volte manifestato dall’amministrazione è l’individuazione di obiettivi chiari, con “mission  ben definite ed integrate nel sistema generale e – come evidenziato a chiare lettere dal sindaco Marcello Amante – la scelta di un confronto costruttivo con l’Ente Regione, consapevoli che la sanità, a Galatina come in tutta la Puglia, va riorganizzata con una visione di lungo respiro”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment