Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàGALLIPOLI: “ASSESSORE PICCINNO, PER CORTESIA RITIRI LE DIMISSIONI”

GALLIPOLI: “ASSESSORE PICCINNO, PER CORTESIA RITIRI LE DIMISSIONI”

GALLIPOLI: “ASSESSORE PICCINNO, PER CORTESIA RITIRI LE DIMISSIONI”

l'assessore Piccinno

l’assessore Piccinno

Lettera aperta del Sen. Vincenzo Barba

Egregio Assessore Piccinno,

al fine di far trionfare sempre e comunque, in tutte le sue molteplici sfaccettature, il bene supremo della città di Gallipoli, La invito con tutto il trasporto possibile e immaginabile a ritirare le Sue dimissioni anche se annunciate, ahinoi, come irrevocabili.

In questi mesi, anzi anni, all’interno della giunta comunale, Lei è sempre apparso come un punto di riferimento continuo e costante per tutti gli operatori turistici, soprattutto per alcuni, non ne parliamo poi per certi in particolare…

La Sua benemerita azione di gestione dell’assessorato ha dato massimo impulso alla crescita di tutto il turismo cittadino e di alcuni operatori in maniera sentita, sentitissima. Il boom di presenze, di occupazione delle strutture ricettive (alcune di esse hanno registrato sempre il sold-out) è da ascrivere inequivocabilmente alla Sua persona.

Per questo e per tante altre ragioni, La invitiamo a ritirare le dimissioni e a continuare nella Sua opera meritoria, dando così la possibilità a chi ha costruito il primo piano di sopraelevare il secondo, a chi ha costruito il secondo di innalzare il terzo, a chi ha pronto il terzo di progettare il quarto, a chi non ha la piscina di realizzarla e chi già ne ha una cominci a pensare la seconda e la terza, magari con idromassaggio. Solo con Lei tutto questo può succedere, solo con Lei si può continuare sulla via dello sviluppo.

Perché privarci di una tale competenza? Ritiri le dimissioni e prosegua nella rotta disegnata dall’amministrazione. Non abbiamo dubbi che il meglio debba ancora venire. Eviti, per cortesia, in nome dell’amicizia fraterna che ci lega, di lasciare un vuoto che certamente sarebbe incolmabile…

Sen. Vincenzo BARBA

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment