Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaGILIBERTI SU MASSERIA SGOMBERATA DAI ROM

GILIBERTI SU MASSERIA SGOMBERATA DAI ROM

GILIBERTI SU MASSERIA SGOMBERATA DAI ROM

“Mai più simili abusi. Enti pubblici e privati contribuiscano alla bonifica”

Giliberti

Vorremmo dire “Meglio tardi che mai”, ma intanto esultiamo al fianco del signor Luigi Marzo che può finalmente tornare in possesso dei propri beni. La masseria occupata da alcune famiglie Rom è stata quasi completamente sgomberata (l’ultima persona tuttora rimasta lascerà la casa entro domani) e ci auguriamo che in futuro non si ripetano più abusi di questo tipo, perché il diritto alla proprietà privata è sacro.

Il lavoro dei nostri nonni e di tanti genitori, che con sacrificio hanno voluto costruire una casa per i propri figli e i propri nipoti, non può essere mortificato da appropriazioni indebite: per questo dobbiamo costituire un fronte compatto, in grado di garantire il diritto inviolabile alla proprietà per ciascun cittadino.

Oggi, a conclusione di questa sofferta vicenda, vogliamo augurarci che le istituzioni pubbliche, magari attraverso il contributo di associazioni o aziende private, vogliano provvedere alla bonifica della masseria. La riqualificazione strutturale è in capo al proprietario, ma sarebbe un gesto di grande valore sociale da parte delle autorità civili voler contribuire al ripristino igienico – sanitario della masseria.

Gli istituti scolastici che hanno manifestato l’interesse a partecipare al progetto Bella Copia e che saranno coinvolti nel percorso di apprendimento previsto e nella realizzazione delle attività sono L’Istituto professionale De Pace, l’Istituto Galilei-Costa, l’Istituto Deledda, l’Istituto tecnico economico Olivetti, il Liceo scientifico De Giorgi, e il Liceo Linguistico e Pedagogico Siciliani.

L’iniziativa intende utilizzare un modello già sperimentato da Legacoop Puglia in altre città, con il progetto Coopstartup che, attraverso attività laboratoriali e ludiche consente di conoscere e applicare i principi cooperativi della responsabilità, collaborazione, autoimprenditorialità e solidarietà, le regole del vivere civile, del funzionamento dello stato e delle istituzioni.

Il progetto – che verrà realizzato nel corso del 2017 – è stato presentato in risposta all’Avviso Pubblico “Interventi di educazione nella legalità al lavoro sul territorio Pugliese” a valere sul Programma di Emersione Puglia 2011-2012.

 

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment