Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportGIOCHI DEL MEDITERRANEO: “FINANZIAMENTO NON È PERSO. DOVRÀ ESSERE INSERITO IN ALTRO PROVVEDIMENTO”

GIOCHI DEL MEDITERRANEO: “FINANZIAMENTO NON È PERSO. DOVRÀ ESSERE INSERITO IN ALTRO PROVVEDIMENTO”

GIOCHI DEL MEDITERRANEO: “FINANZIAMENTO NON È PERSO. DOVRÀ ESSERE INSERITO IN ALTRO PROVVEDIMENTO”

Un finanziamento corposo che permetterebbe alla città di Taranto di rendere il contesto idoneo ad ospitare l’importante evento previsto nel 2026”.

L’onorevole Ubaldo Pagano, deputato Pd ed il commissario provinciale del Pd di Taranto, Nicola Oddati, intervengono a poche ore dalla notizia del mancato inserimento in Finanziaria dei 200 milioni indispensabili per preparare la città alla XX edizione dei Giochi del Mediterraneo. Si tratta di due emendamenti che portano la firma dei senatori Stefàno e Turco.

“Certamente una doccia fredda – prosegue la nota congiunta – se si considera la portata degli interventi riferiti sia alle strutture da realizzare di sana pianta (Centro Nautico e Stadio del Nuoto) che alla riqualificazione di altri impianti esistenti e a tutta una serie di iniziative di carattere turistico- culturale. Ma quello che certamente pesa è il significato insito nello stanziamento di queste risorse: l’idea e la volontà di costruire un futuro nuovo, che veda Taranto finalmente proiettata verso un modello di sviluppo economico affrancato dalla monocultura dell’acciaio. Ospitare i Giochi del Mediterraneo, per la città dei due mari, significa iniziare ad alimentare finalmente le potenzialità inespresse in termini di turismo in tutte le sue declinazioni, iniziando appunto da quello sportivo, per poi procedere ovviamente con quello balneare, culturale, religioso, enogastronomico…”

“Senza dubbio questo finanziamento dovrà essere inserito in un altro provvedimento già a gennaio, dal momento che è ormai riconosciuta l’importanza del fatto che l’evento sportivo si svolga a Taranto. Spiace solo – concludono Pagano e Oddati – dover lavorare in emergenza, avendo già perso molto tempo in passato, a causa dell’emergenza sanitaria”.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment