Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportGIORNI DI RIFLESSIONE E DI LAVORO PER UN LECCE CHE DEVE RIPARTIRE SUBITO

GIORNI DI RIFLESSIONE E DI LAVORO PER UN LECCE CHE DEVE RIPARTIRE SUBITO

GIORNI DI RIFLESSIONE E DI LAVORO PER UN LECCE CHE DEVE RIPARTIRE SUBITO

Il Lecce dopo la doppia sconfitta nelle prime due partite di campionato si lecca le ferite e si concentra sul futuro prendendo spunto dal passato. Il mercato, anch’esso alle spalle, ha portato nel vecchio gruppo di giallorossi una rivoluzione quasi completa e per questo il pallino passa nelle mani del tecnico Liverani che, dopo aver fatto le opportune riflessioni sul modo di mettere in campo la squadra, deve fare delle scelte di modulo e di calciatori. Continuare o meno col vecchio modulo o attuarne uno diverso forse più congeniale ai giocatori a disposizione? Con quali calciatori andare a comporre il gruppo base e quindi chi dovrà fungere da rincalzo, anche se oggi il calcio moderno consente di muovere più pedine nell’ambito della medesima gara? Sono questi gli interrogativi principe cui Liverani dovrà dare risposta. A questi se ne aggiungeranno anche degli altri ma i più selettivi sono, a mio avviso, proprio quelli esplicitati.

Personalmente credo che a centrocampo il Lecce dovrà assumere un atteggiamento diverso. É  fuori dubbio che dovendo affrontare molto spesso avversari che in questo reparto mediano scherano elementi più dotati da un punto di vista tecnico i giallorossi debbano aumentare il tasso fisico ed agonistico, intanto andando a pareggiare il numero di atleti impegnati. Bisogna, insomma, evitare di concedere una pericolosa superiorità numerica.

Ciò fatto ne deriva di conseguenza che la difesa sarà più coperta e protetta mentre un maggiore euqilibrio tra i reparti metterà in grado i più tecnici dei nostri mediani (Tachtsidis?) in condizioni di supportare la o le eventuali punte favorendole con lanci e cross più continui ed efficaci.

Insomma, per concludere, il lavoro da fare non manca ma un fattore non deve prevalere sugli altri: lo scoramento. C’è tempo per riuscire ad ottenere ciò che è il traguardo stagionale, la salvezza che per il Lecce, al momento almeno equivale ad uno scudetto.    

Ernesto Luciani

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment