Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaGOVERNO DI UNITÀ NAZIONALE E DRAGHI PREMIER  

GOVERNO DI UNITÀ NAZIONALE E DRAGHI PREMIER  

GOVERNO DI UNITÀ NAZIONALE E DRAGHI PREMIER  

Prende sempre più corpo l’ipotesi di un governo con tutte le forze politiche dentro. Solo così si potrebbe varare una manovra choc per salvare l’Italia. Mario Draghi il possibile premier, gradito a tutti con destinazione finale al “Quirinale”

 

 

Mentre si lavora per bloccare il contagio e sostenere famiglie e imprese durante l’emergenza epidemica Covid-19, la politica guarda al medio termine e si prepara a movimenti che potrebbero cambiare di parecchio lo scenario nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Prende infatti sempre più corpo l’ipotesi di un governo con dentro tutti, attuale maggioranza e opposizioni, che possa varare una necessaria manovra choc. A capo di questa nuova compagine governativa ci sarebbe Mario Draghi.

Purtroppo gli strascichi del coronavirus sull’economia del nostro Paese saranno pesanti e tutti dovremo affrontare una crisi economica senza precedenti. Ieri sera, dopo l’ audizione del ministro Gualtieri in Parlamento, fonti autorevoli del Pd spiegavano al Corriere della Sera che le ipotesi filtrate dall’ Economia – e che pronosticano un crollo del Pil per il 2020 tra il 5 e il 7% – fossero da ritenersi ottimistiche: “Bisognerà prepararsi a una manovra choc , che non si potrà fare senza un patto nazionale”.

Il nodo andrà affrontato per tempo, entro l’ estate, appena superata l’ emergenza prettamente sanitaria.

Per ottenere un risultato importante per il futuro del paese ci vorrà un esecutivo allargato che dovrebbe poggiare su di un nome di garanzia per tutti. E la persona più suffragata in questo momento non è Giuseppe Conte, ma è, invece, l’ex governatore della BCE Mario Draghi. Un nome che ovviamente avrebbe un peso specifico considerevole in sede di negoziati con l’UE. Lo stesso Salvini lo evoca spesso quando propone «il meglio alla guida del Paese in questa fase delicata». E lo stesso fece Renzi quando ancora era in piedi il governo giallo-verde. È Draghi che citano esponenti di rilievo del Pd, appena ricordano come il loro sia “il partito della responsabilità nazionale”.

Pd e Lega, del resto, condividono anche l’analisi economica dei prossimi mesi secondo cui, per fronteggiare la crisi, il debito italiano salirà fino al 140-160% di rapporto con il Pil. E dovremo trattare con i mercati e con l’ Europa per non affondare. Ecco perché quello di Draghi potrebbe essere il nome più spendibile. Finito il suo mandato non sarebbe un competitor dei partiti, perché – come dice un rappresentante dem – “la sua destinazione sarebbe il Quirinale“.

Un passo che la politica deve fare al più presto. La dinamica politica di cui pariamo  è influenza,  anche, dalla oggettiva impossibilità di andare al voto. Al di là dell’emergenza sanitaria, tra il referendum per il taglio dei parlamentari, l’ obbligo di adeguare i collegi e la necessità di varare una nuova legge elettorale, si arriverebbe di fatto al “semestre bianco” della presidenza della Repubblica, quando sarebbe impossibile sciogliere le Camere.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment