Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàLA GUERRA IN UCRAINA

LA GUERRA IN UCRAINA

LA GUERRA IN UCRAINA

Oggi è il centoventunesimo giorno di guerra

Kuleba, saremmo felici di avere Papa a Kiev

In merito al ruolo di mediazione di Papa Francesco per porre fine alla guerra “non c’è nulla di nuovo”, spiega il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, in un’intervista al Corriere della Sera. “Saremmo felici di avere il Papa a Kiev”, ribadisce. “Con la diplomazia vaticana abbiamo molto lavorato ultimamente per spiegare che questa guerra è tutta responsabilità russa e nessuno ha mai provocato Putin”.

 

Institut For The Study Of War: “La Bielorussia non entrerà in guerra, Lukashenko non può permettersi conseguenze interne”

“È improbabile che la Bielorussia entri in guerra in Ucraina per conto della Russia. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko probabilmente non può permettersi le conseguenze interne del coinvolgimento delle sue limitate risorse militari in una costosa guerra straniera”. Lo sostiene il centro studi statunitense ‘Institut For The Study Of War’ secondo cui “La Russia non dispone delle riserve necessarie per condurre un’altra offensiva verso Kiev” e le esercitazioni congiunte “hanno lo scopo di tenere sotto controllo e minacciare le aree di confine ucraine, ma è improbabile che prevengano il coinvolgimento effettivo nelle ostilità”.

 

Lavrov: “Le bugie sono il metodo ucraino per giustificare le proprie azioni”

“Le bugie sono il metodo scelto dal governo ucraino per giustificare le proprie azioni”. Lo ha detto il ministro degli esteri russo, Sergey Lavrov in un’intervista all’emittente nazionale bielorussa, ripresa dalla Tass. “Non mi sorprende che le bugie siano diventate i mezzi del governo ucraino. Questo accadeva per il governo di Pyotr Poroshenko e lo stesso vale per Vladimir Zelensky” ha aggiunto.

 

Gli Stati Uniti inviano sistemi missilistici avanzati e altri aiuti all’Ucraina

Gli Stati Uniti invieranno altri 450 milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina, compresi alcuni sistemi missilistici a medio raggio aggiuntivi, per aiutare a contrastare i progressi russi nella guerra, hanno annunciato giovedì i funzionari americani. L’ultimo pacchetto comprende quattro sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità, o HIMARS, che raddoppieranno il numero di quelli attualmente in dotazione. Tutti e quattro sono stati preposizionati in Europa e l’addestramento su questi sistemi è già iniziato con le truppe ucraine.

 

Rutte: “Il Price cap non mi convince, Draghi mostri che funziona”

“Io non sono ancora convinto, ma non sono ideologicamente contrario” al price cap, quindi “se qualcuno, Mario Draghi ad esempio, mi porta delle prove” che la “misura può funzionare, possiamo vedere”. Lo ha detto il premier olandese Mark rutte parlando a margine del Consiglio europeo. Sulla possibilità di un vertice Ue straordinario sull’energia Rutte ha sottolineato: “non penso abbia molto senso ora, ma nessuno sa” cosa può accadere. Non capisco cosa possa ottenere un vertice sull’energia ora”, ha continuato Rutte prima di soffermarsi sul tetto al prezzo del gas: “Ora stiamo valutando gli aspetti positivi e quelli negativi del price cap. Il tema non è essere contro o a favore della misura, io non sono contrario per ideologia. Se qualcuno mi porta le prove e mi dice: Ecco, potrebbe funzionare. Allora sono a favore. Ma tutte le prove che visto finora mi dicono che non funziona”, ha spiegato.

Condividi con:

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment