Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàLA GUERRA IN UCRAINA

LA GUERRA IN UCRAINA

LA GUERRA IN UCRAINA

Oggi è il quarantaquattresimo giorno di guerra

l voto alle Nazioni Unite che sospende la Russia dal Consiglio dei diritti umani passa con il no della Cina, mentre l’Unione europea vara l’ennesima stretta, e gli Usa bloccano ogni nuovo investimento verso la Russia, mentre il G7 annuncia nuove sanzioni. Il presidente ucraino Zelensky: “Mariupol quasi distrutta, ora rischia Odessa”. “Fino a ieri sera erano 320 i civili trovati uccisi”, spiega invece il sindaco di Bucha Anatoly Fedoruk. I bombardamenti intanto non si fermano e dalle città liberate arrivano nuove denunce sulle atrocità commesse dalll’esercito o dai miliziani arruolati da Mosca, che ammette di aver subito “perdite significative” sul campo. Soprattutto da Mariupol e da Hostomel dove, dopo il ritiro dei russi, mancano all’appello 400 cittadini. Prosegue  la sfida tra Nato e Russia nel Mediterraneo; un caccia russo ha sfidato una portaerei USA al largo della Calabria. Il fatto è documentato da foto satellitari scattate il 6 aprile e diffuse dal sito CovertShores. Nelle fote si vede la portaerei statunitense Truman inseguita dal caccia sovietico Kulakov a poca distanza dalle coste calabresi.

 

Da G7 nuove sanzioni contro Russia, stop a investimenti in settori chiave

I paesi membri del G7 hanno annunciato nuove sanzioni economiche contro la Russia, compreso il divieto di tutti i nuovi investimenti in settori chiave in risposta all'”ulteriore escalation della guerra” in Ucraina. In una nota si legge che vengono “vietati nuovi investimenti in settori chiave dell’economia russa, compresa quella energetica”.
Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone, Regno Unito e Unione Europea hanno anche annunciato “sanzioni aggiuntive contro il settore della difesa russo” e contro le “élite” che sostengono la guerra del presidente russo Vladimir Putin contro l’Ucraina.

 

Aggredito in treno in Russia il caporedattore di ‘Novaya Gazeta’ Muratov

Aggredito in Russia, sul treno Mosca-Samara, il caporedattore del giornale di opposizione ‘Novaya Gazeta’ e premio Nobel per la Pace Dmitrii Muratov. Sconosciuti gli hanno gettato addosso pittura ad olio e acetone. A denunciarlo sul canale Telegram del giornale è stato lo stesso Muratov.

Bombardata la ferrovia di Donetsk, bloccati i treni per l’evacuazione

I russi hanno bombardato con un attacco aereo sul cavalcavia vicino alla stazione di Barvinkove, la ferrovia di Donetsk utilizzata per evacuare gli abitanti di Sloviansk e Kramatorsk e tre treni sono rimasti temporaneamente bloccati. Lo comunica Oleksandr kamyshin delle ferrovie statali citato dal quotidiano ‘Ukraynsa Pravda’.

 

Kiev alla Nato, “in Donbass rivedrete la II Guerra Mondiale”

“Vediamo come si stanno riorganizzando i russi. Hanno i loro piani, noi abbiamo i nostri. Nella battaglia per il Donbass purtroppo rivedrete la Seconda guerra mondiale”. Al quartier generale della Nato e’ stata la giornata del ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. Lucido, concentrato, aggravato (visibilmente) dal peso di chi vive sulla sua pelle le conseguenze della guerra. E maestro, ciononostante, nell’uso delle parole. “Ho solo tre cose da chiedere qui oggi: armi, armi, armi”, ha detto in apertura del vertice. Gli alleati gli hanno promesso che “faranno di più”. Sui dettagli, restano tutti abbottonati. Ma l’impressione e’ chiara: il tabù sui sistemi offensivi sta pian piano cadendo.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment