Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportLA PARTITA VISTA IL GIORNO DOPO

LA PARTITA VISTA IL GIORNO DOPO

LA PARTITA VISTA IL GIORNO DOPO

IL LECCE METTE PAURA ALLA ROMA

Si ferma agli ottavi di finale il cammino del Lecce in Coppa. Si ferma dopo aver messo in ambasce la Roma di Mourinho che ha dovuto gettare nella mischia qualche titolare di più rispetto a quello che pensava per aver ragione dei giallorossi ospiti, in maglia bianca. Un Lecce che si è presentato alla sfida con diversi titolari lasciati a riposo e senza poter contare su Gonzales che si è infortunato nella seduta di rifinitura.

Nel primo tempo è stato un Lecce che forse non ha messo paura ma ansia sì a Mourinho ed ai tifosi (solo cinquemila romanisti presenti) che sino al gol del pari hanno rivisto le streghe del 1986.

Ma veniamo alla partita ed a ciò che ha detto. Marco Baroni con la formazione scelta ha dichiarato apertamente la priorità del Lecce tra Coppa e Campionato. Tra le due competizioni ovvio la precedenza va al campionato ed è logico che Baroni abbia tenuto conto della immediatezza delle prossime partite: domenica si gioca contro la Cremonese, poi il recupero col Vicenza e poi la trasferta a Como nel giro di una settimana. Tre match duri e difficili che potranno influire sul futuro della conquista della promozione.

Dalla partita il tecnico ha sicuramente visto cose positive. Per esempio il possibile impiego di Calabresi al centro della difesa; così anche contro colleghi sulla carta più dotati hanno fatto gran bella figura Gendrey e Listkowski. Con una mediana confermata solo in Gargiulo Baroni ha voluto vedere all’opera sia il più navigato Blin che il giovane Helgason che, a mio avviso, deve essere più coraggioso e fiducioso dei propri mezzi per incidere di più e meglio sull’andamento della gara.

Confermate le qualità di Dermaku e Barreca ieri, a mio avviso, sono stati sotto tono Olivieri e Di Mariano, forse preso dalla voglia di giocare, infine una nota per lo sfortunato Bleve che esordiente all’Olimpico ne ha potuto gioire solo per pochi minuti.

In definitiva una gara che ha confermato quanto di buono si sa sul gruppo che ora, come ha detto giustamente detto Baroni, deve tornare a concentrarsi sul campionato. La gita a Roma è passata fa esperienza ma il campionato bussa alle porte e lo fa con un incontro che vale molto.

Eugenio Luciani

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment