Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaLA REGIONE A SOSTEGNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE

LA REGIONE A SOSTEGNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE

LA REGIONE A SOSTEGNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE

MANCA E ZULLO: il sostegno della Regione èolo un inizio, non dobbiamo abbandonare le facolta’ di medicina pugliesi

medicina

I consiglieri regionali, anche in qualità di medici, Luigi Manca e Ignazio Zullo spiegano perché hanno votato la Misura Finanziaria proposta dal Governo

Sostenere le Scuole di Specializzazione dell’area medica delle Università di Bari e Foggia è stata una nostra battaglia, sia come medici sia come consiglieri regionali, per questo non potevamo non sostenere l’emendamento presentato dal Governo, in sede di variazioni di bilancio, auspicando una maggiore collaborazione fra la Regione Puglia e le Università pugliesi. E non possiamo che essere soddisfatti perché questa norma nasce anche da un nostro emendamento che abbiamo presentato in passato dove facevamo riferimento alla chiusura delle scuole di specializzazione delle nostre Università per mancanza di docenti con i requisiti idonei.

Speriamo chiaramente che questo sia soltanto un inizio, un articolo delle variazioni di bilancio non risolve il problema che investe il futuro di questa Regione e dei nostri figli che sono costretti ad andare in altre regioni o all’estero per studiare Medicina o specializzarsi.  Oggi in Puglia abbiamo scuole di specializzazione che  hanno un accreditamento provvisorio e hanno tempo un anno per essere riaccreditate. Se l’Università di Bari o Foggia dovessero perdere  specializzazione in chirurgia generale, la chirurgia vascolare, la chirurgia plastica, la cardiochirurgia, solo per citarne alcune, nell’immediato si perderebbero iscrizioni perché i giovani sapendo che comunque dovranno andare fuori sede per realizzare il loro futuro, non sceglierebbero già ora le nostre sedi universitarie. Tenuto conto che lo Stato investe sulle Università a seconda del numero degli studenti lo scenario futuro sarebbe nefasto.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment