Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàLA SOLIDARIETÀ ESPRESSA ALLA CGIL

LA SOLIDARIETÀ ESPRESSA ALLA CGIL

LA SOLIDARIETÀ ESPRESSA ALLA CGIL

“Condanniamo con forza l’atto vandalico compiuto ai danni della Cgil di Lecce. Le sedi dei sindacati continuano a essere un presidio di democrazia e di confronto, ma atti del genere sono semplicemente incivili ed inaccettabili”. Così il segretario generale della Uil di Lecce Salvatore Giannetto commenta il grave episodio delle scritte vandaliche “No Vax” con cui sono stati imbrattati i muri del quartier generale della Cgil nel capoluogo salentino.

“I sindacati non si lasciano intimidire – aggiunge Giannetto – e proseguiranno nella loro azione di tutela dei lavoratori e della Salute pubblica, nella consapevolezza che i vaccini rappresentano uno strumento irrinunciabile e prezioso nella lotta alla pandemia. Da parte mia e della Uil provinciale esprimo quindi totale solidarietà ai colleghi della Cgil ed alla segretaria Valentina Fragassi e contestualmente auspico che le forze dell’ordine riescano ad individuare gli autori di questa azione deprecabile”.

Salvatore Giannetto

Segretario generale UIL Lecce

 

«La firma sembra rimandare alla galassia no vax che spesso si è saldata in questi mesi con ambienti dell’estrema destra e anche della criminalità che hanno avuto gioco facile nel cavalcare disagio sociale e paure collettive, come è noto fino ad assaltare la sede della Cgil nazionale a ottobre 2021». dice il segretario della Cgil Puglia, Pino Gesmundo «Parole che testimoniano – aggiunge – una scarsa conoscenza della storia e del ruolo del sindacato e delle sue sedi nella difesa della democrazia e dei diritti dei lavoratori del nostro Paese. Come sindacato abbiamo difeso fin dall’inizio della pandemia la salute dei lavoratori e dei cittadini, invitando tutti a ricorrere al vaccino che si sta dimostrando strumento fondamentale per arginare gli effetti più gravi del Covid». «Non saranno le ennesime scritte offensive – conclude – a fermare la nostra azione di rappresentanza e difesa degli interessi generali».

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment