Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCulturaLA STORIA DEL LECCESE PIÙ FAMOSO AL MONDO DIVENTA UNA FIABA MODERNA

LA STORIA DEL LECCESE PIÙ FAMOSO AL MONDO DIVENTA UNA FIABA MODERNA

LA STORIA DEL LECCESE PIÙ FAMOSO AL MONDO DIVENTA UNA FIABA MODERNA

Copertina libro2D. SCHIPA pdf

E’ il primo libro bilingue dedicato al grande SCHIPA

“TITO – IL CANTANTE PICCOLETTO”

A firmarlo sono due giovani musicisti salentini, i Maestri Francesco e Matteo Spedicato, pronti a portare nelle scuole un ampio progetto di riscoperta della storia dell’Usignolo leccese, con il sostegnodell’Ufficio Scolastico Provinciale e del Comune di Lecce

 

E’ il leccese più famoso al mondo ma non tutti lo sanno. La sua voce ha risuonato nei più grandi teatri dei cinque continenti conquistando il pubblico soprattutto per la sua innata comunicabilità. Interprete, autore, attore ancora di grande attualità per quella vena “pop” che lo ha sempre contraddistinto. Quella di Tito Schipa è una bellissima storia di “self made man” partito dal sud agli inizi del secolo scorso. Oggi, a cinquant’anni dalla sua morte, rimane tra i miti del “bel canto italiano”, celebrato in tutto il mondo.

Matteo e Francesco Spedicato in Conferenza del 19 sett SCHIPA

Lecce è pronta a riscommettere su uno dei suoi figli più illustri. Dalla città del grande tenore prende il via un ambizioso progetto dal titolo “Tito – Il cantante piccoletto” rivolto a bambini e ragazzi degli istituti scolastici primari e secondari, partendo proprio da quelli salentini. A firmarlo sono due giovani fratelli musicisti leccesi, i Maestri Francesco e Matteo Spedicato che, attraverso l’associazione “ORPHEO per l’alba di domani”, hanno avviato una serie di importanti iniziative puntando a coinvolgere, appunto, soprattutto i ragazzi. Si tratta del primo ampio progetto fin qui mai realizzato per portare nelle scuole la voce e la storia di Schipa. Prezioso punto di partenza del percorso sarà l’omonimo libro, fresco di stampa, firmato dai musicisti salentini, con la prefazione di Beatrice Rana. Il loro è un sentito tributo all’illustre concittadino: hanno scelto di sintetizzarne le vicende con brio, note di colore sulle sue origini, dettagli sulle sue passioni e, soprattutto, accattivanti illustrazioni a cura di Piero Schirinzi, in un volume di facile lettura destinato ad un pubblico giovane – ma non solo, che si presenta in doppio formato, con testi in italiano ed inglese – traduzione di Laura Clifton Byrne. Si tratta di certo almeno del primo libro bilingue dedicato all’Usignolo leccese.

Per il resto, il progetto consiste in un percorso didattico (“Stregati dalla musica”) da svolgere in classe che si conclude con uno spettacolo musicale prodotto da Orpheo, tratto dal libro, anche con musiche originali, con arrangiamenti curati dal M° Eliseo Castrignanò. L’obiettivo è quello di coinvolgere in maniera attiva i giovani studenti che di volta in volta saranno in platea, non solo invitandoli a cantare insieme le parti corali che avranno studiato in classe ma anche attraverso piccoli oggetti o strumenti coreografici che saranno invitati a costruire, giusto per fare qualche esempio.

In programma anche il concorso canoro “Una voce per Tito” riservato a bambini e ragazzi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, per ricercare le due voci che parteciperanno alla realizzazione del disco “Canta con Tito”. Ci si potrà iscrivere fino al prossimo 15 novembre. La finale del concorso è, invece, prevista per il mese di dicembre.

Il progetto, che più in generale ha l’obiettivo di avvicinare i piccoli alla musica, al teatro musicale e alla tradizione del “bel canto italiano”, partirà a breve in numerose scuole salentine, anche grazie al sostegno dell’Ufficio Scolastico Provinciale (ex Provveditorato agli studi) e del Comune di Lecce – Assessorato alla Pubblica Istruzione, e al patrocinio della Provincia.

Il prossimo 28 settembre, dalle 16,45 alle 19,00, all’interno del cine-teatro dell’Istituto Smaldone di Lecce, in via Giammatteo, si svolgerà il primo incontro tra tutte le istituzioni che stanno sostenendo il progetto, tra cui circa 80 istituti scolastici salentini che hanno già segnalato la loro pre-adesione. Fondamentale per la buona riuscita del progetto è la formazione degli insegnanti attraverso uno specifico percorso didattico che sarà organizzato per coloro che aderiranno.

A “Tito – Il cantante piccoletto” collaborano già anche “Il Veliero parlante”, rete di insegnanti e dirigenti di scuole di ogni ordine e grado dell’intera provincia di Lecce, “Prozìmi”, rete delle istituzioni scolastiche della Grecìa Salentina, e la Biblioteca comunale “G. Rizzo” di Cavallino.

Dopo Lecce, ad ottobre, il libro “Tito – Il cantante piccoletto” sarà presentato negli USA, in occasione della messa in scena, a New Orleans, dello spettacolo musicale che vede protagonista Francesco Spedicato, “Non sono un tenore ma un uomo che canta da tenore”, dedicato proprio al grande Tito Schipa.

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment