HomeL’ANGOLO DEDICATO AL LIBROL’ANGOLO DEDICATO AL LIBRO

L’ANGOLO DEDICATO AL LIBRO

L’ANGOLO DEDICATO AL LIBRO

IL LAGO DI LUCE di Domenico Corna

Un libro fantasy ben articolato e ben strutturato in cui una ragazza come tante vive delle sensazioni intense che la inducono a intraprendere un viaggio alla ricerca di risposte.

Inizia così una girandola di emozioni e sentimenti che scatenano una intensa vita interiore, alimentata da incontri, dialoghi, sogni e ricordi.

In un’epoca in cui tutti siamo abituati a “trafficare” con le memorie dei computer e dei telefonini, spazi di archiviazione dove conserviamo i ricordi di ogni avvenimento, Domenico Corna ci fa notare che noi stessi siamo fatti di memoria: noi siamo ciò che ricordiamo! E se questa memoria viene condivisa da un gruppo di persone, basta questo per diventare una famiglia, per creare una unione indissolubile da cui scaturiscono atti di solidarietà e amicizia, dando vita a quei sentimenti collettivi che guidano una intera comunità.
Ma cosa accadrebbe se quelle esperienze che abbiamo in memoria non le avessimo vissute realmente?
A ben rifletterci, per noi sarebbe assolutamente ininfluente perché ogni nostra azione si basa solo su ciò che la memoria ci rimanda come ricordo.

Tante le vicissitudini, tanti i personaggi secondari che ruotano intorno alla protagonista, ed anche i più piccoli dettagli che inizialmente appaiono insignificanti, nelle ultime pagine troveranno una giusta collocazione e un motivo per essere stati messi proprio lì.

L’autore, in un modo falsamente velato, ci invita a riflettere anche sul cristianesimo, offrendoci una visione diversa e parallela di alcuni eventi riportati nei sacri testi.

Ricordiamoci sempre che siamo in un fantasy, tutto è falso, tutto è inventato… ma gli spunti di riflessione quelli no, sono reali e concreti.

“Il Lago di Luce” si presta dunque ad una doppia lettura: una più superficiale, apprezzando la storia costruita, solo per qualche ora di puro relax; oppure si può scegliere una lettura più profonda, riflessiva, trasportati dalle tracce che Corna dissemina ad arte lungo tutto il testo.

Condividi con:

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment